Immobili
Veicoli
Imago
SVIZZERA
26.01.22 - 15:170
Aggiornamento : 22:11

Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo

Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese

Nell'aziende soggette all'obbligo 2G+ è stato reintrodotto il diritto all'ILR per alcune categorie di lavoratori

BERNA - Per sostenere le imprese colpite dagli ultimi provvedimenti legati al coronavirus, il Consiglio federale ha deciso di adeguare l'ordinanza COVID-19 concernente l'assicurazione contro la disoccupazione, in particolare per tutelare le aziende nell'ambito delle indennità per lavoro ridotto (ILR). È inoltre stato reintrodotto il diritto all'ILR per alcune categorie di lavoratori nelle aziende soggette all'obbligo 2G+.

Lo scorso 17 dicembre sono state annunciate diverse misure più restrittive - poi prorogate la scorsa settimana - per arginare la diffusione del coronavirus. Ciò ha inevitabilmente avuto ripercussioni anche sul mondo del lavoro: non si può infatti escludere, nelle prossime settimane, un nuovo aumento delle aziende in lavoro ridotto.

La proroga fino a marzo - Oggi il Consiglio federale ha così preso alcune contromisure, prorogando ad esempio - fino a fine marzo - la procedura di conteggio sommaria relativa all'indennità per lavoro ridotto e l'aumento della durata massima di riscossione dell'ILR a 24 mesi (finora limitata al prossimo 28 febbraio e ora prorogata fino al 30 giugno), indica un comunicato governativo odierno. Questa procedura era stata introdotta nei primi mesi del 2020 per consentire un rapido versamento delle indennità.

Il Consiglio federale precisa anche che con questa proroga si mantengono altre due misure: le ore in esubero accumulate al di fuori dei periodi di lavoro ridotto non devono essere dedotte dalla perdita di lavoro e il reddito conseguito con un'occupazione provvisoria non è computato nel calcolo dell'ILR.

Perdite di lavoro di oltre l'85% - L'Esecutivo inoltre oggi ha soppresso per tutte le aziende, dal primo gennaio al 31 marzo 2022, il periodo d'attesa e la limitazione a quattro periodi di conteggio per le perdite di lavoro di oltre l'85%.

La soppressione del periodo d'attesa migliora la liquidità delle aziende in lavoro ridotto, riducendo ulteriormente il rischio di licenziamenti, osserva il Consiglio federale. Mentre con la seconda misura, le aziende nei primi quattro mesi del 2022 possono di nuovo far valere l'ILR a prescindere dall'entità della perdita di lavoro.

A partire dal primo aprile, spiega ancora l'Esecutivo, "i periodi di conteggio che in questo lasso di tempo presentano una perdita di lavoro di oltre l’85% non vengono computati nel calcolo del diritto massimo di quattro periodi di conteggio durante il termine quadro di due anni".

Aziende colpite dal 2G+ - Lo scorso dicembre il Consiglio federale ha anche introdotto il concetto del 2G+: ciò significa che una persona deve essere vaccinata o guarita e in possesso di un risultato negativo del test. Oppure, in alternativa, che la persona sia in possesso di un certificato di vaccinazione o di guarigione emesso da meno di 120 giorni.

In seguito alle limitazioni economiche legate a questo obbligo del 2G+, in via eccezionale si può di nuovo far valere il diritto all'ILR per i dipendenti assunti a tempo determinato, gli apprendisti e i lavoratori su chiamata impiegati a tempo indeterminato.

Il diritto, sottolinea il comunicato, si applica solo alle aziende per le quali le autorità hanno imposto l'obbligo 2G+. Tale disposizione entra retroattivamente in vigore il 20 dicembre 2021 e ha effetto fino al prossimo 31 marzo.

Di fatto, conclude il Consiglio federale, le categorie di lavoratori interessate hanno diritto all'ILR solo finché vige l'obbligo 2G+, ma non oltre il 31 marzo 2022.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
BERNA
43 min
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
1 ora
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
BERNA
3 ore
I biker di Putin che rombano sulle strade svizzere
I Lupi della notte hanno ricevuto un riconoscimento da parte dell'ambasciata russa a Berna per il loro sostegno a Mosca
SVIZZERA
3 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
7 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
8 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
10 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
12 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
12 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
14 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile