Immobili
Veicoli
tipress
BERNA
25.01.22 - 06:490
Aggiornamento : 09:09

Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio

Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.

In testa alla classifica Danimarca, Finlandia e Nuova Zelanda.

BERNA - La Svizzera perde il suo posto sul podio nell'ultima classifica di Transparency International sulla corruzione nel settore pubblico per l'anno 2021: scende infatti dal terzo al settimo posto e perde un punto ottenendone 84 su 100 rispetto agli 85 del 2020.

Martin Hilti, direttore della sezione elvetica dell'organizzazione non governativa (ong), citato in un comunicato odierno, sottolinea che la Svizzera, nonostante continui a ottenere un buon punteggio, è ancora lontana dalla perfezione: non bisogna infatti dimenticare - precisa - le gravi lacune che la Confederazione presenta in ambiti di cui l'indice di percezione della corruzione nel settore pubblico (CPI) di Transparency International non tiene conto come la lotta contro il riciclaggio di denaro, le disposizioni legali sul lobbismo e la protezione degli informatori. Inoltre, secondo Hilti anche il nepotismo è ancora molto diffuso.

In testa alla classifica dei 180 Paesi per i quali è stato calcolato il CPI vi sono Danimarca, Finlandia e Nuova Zelanda che, con 88 punti ciascuna, condividono il primo rango, indica la nota. A occupare le ultime posizioni sono ancora Somalia (13 punti), Siria (13) e Sudan del Sud (11).

A titolo di paragone, il punteggio dei paesi vicini alla Confederazione è di 80 per la Germania, 74 per l'Austria, 71 per la Francia e 56 per l'Italia.

Secondo Transparency, nonostante alcuni progressi, l'indice, stabilito sulla base di valutazioni di esperti appartenenti al mondo della scienza e dell'economia, fornisce un quadro desolante: più della metà dei 180 paesi esaminati non raggiunge 50 punti sul massimo di 100.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 min
Altri milioni per proteggere il bestiame dal lupo
La Confederazione mette a disposizione fondi supplementari a sostegno dell'economia alpestre tradizionale
SVIZZERA
38 min
L'imposta sulla benzina non si tocca (per ora)
Il Governo ritiene che al momento non sia necessario adottare provvedimenti. Ma la situazione è sotto osservazione
SVIZZERA
1 ora
Stati Uniti impressionati dalle sanzioni svizzere
La dedizione delle autorità svizzere nell’applicare le sanzioni contro fondi russi ha riscosso l'ammirazione americana.
SVIZZERA
2 ore
«La comunità politica Ue è un'opzione per la Svizzera»
Il presidente del Centro Gerhard Pfister invita il Consiglio federale a valutare la proposta di Emmanuel Macron
FRANCIA / SVIZZERA
11 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
16 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
20 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
21 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
23 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
1 gior
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile