Immobili
Veicoli
20 minuten
ZURIGO
24.01.22 - 11:290

Il certificato Covid diventerà un documento di sorveglianza?

Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.

Ma c'è chi teme che lo strumento sarà riciclato in altri ambiti.

Fonte 20 Minuten/Bettina Zanni
elaborata da Davide Milo
Giornalista

ZURIGO - Senza la regola del 2G, il certificato dovrebbe diventare superfluo. Questo momento è atteso al più tardi per la fine di marzo, quando le misure contro il Covid dovrebbero essere revocate.

La vita del certificato, in buona sostanza, sembra volgere al termine, come sottolineato dal ministro della Salute Alain Berset. Non tutti ne sono convinti. Tra questi, l'attivista ed esperto di protezione dei dati, Hernâni Marques, dell'ex comitato "Vaccinati contro il certificato Covid".

Dalla politica sul clima ai visitatori indesiderati - «Sarebbe la prima volta che un Governo getta nella spazzatura un nuovo strumento digitale, dopo che ha raggiunto il suo scopo», afferma Marques. Secondo l'attivista, il certificato giocherà un nuovo ruolo, ad esempio, nella politica sul clima e sulla sicurezza.

Secondo Marques, è ipotizzabile che sarà utilizzato nella lotta alle emissioni di Co2. «Ad esempio, se gli utenti hanno esaurito il credito di volo, potrebbero essere identificati non consentendo loro di prendere un aereo». O ancora, il documento potrebbe essere utilizzato nei club e negli stadi. «Potrebbe aiutare a riconoscere le persone moleste o violente che non saranno così più ammesse».

«La raccolta di dati digitali sta diventando sempre più capillare - prosegue l'attivista -. Nel peggiore dei casi, ci imbatteremo in un sistema di sorveglianza simile a ciò che già esiste in Cina».

«Protezione dati molto rigida» - Secondo Felix Uhlmann, professore di diritto costituzionale e amministrativo all'Università di Zurigo, il certificato potrebbe continuare ad essere valido per i viaggi all'estero. Uhlmann sospetta che le aziende private possano averci preso gusto. «Hanno scoperto che il certificato è utile in alcune aree e prenderanno in considerazione nuove campi d'applicazione». È ipotizzabile, ad esempio, che possa essere utilizzato per i controlli di identità nei club o nei movimenti politici.

Secondo Uhlmann, tuttavia, non vi è alcun rischio di finire in una sorta di sorveglianza dei cittadini. «Anche con l'app Covid, la protezione dei dati è molto rigida». Pertanto, tali ipotetici certificati verrebbero introdotti «solo se non violassero la privacy».

«Annullare subito» - Non tutti, chiaramente, sono favorevoli al suo utilizzo. Tra questi il consigliere nazionale Udc, Roland Rino Büchelv: «La storia infinita del certificato deve finire», è la sua richiesta.

Se cadesse la regola del 2G, le autorità dovrebbero «disattivarlo immediatamente - prosegue -. Né le istituzioni pubbliche né quelle private dovrebbero avere l'opportunità di monitorare i cittadini».

Dello stesso parere è il consigliere nazionale dei Verdi, Kurt Egger: «Il certificato è stato creato per la pandemia e nient'altro. Utilizzarlo per altri scopi sarebbe troppo dispendioso in termini di tempo e inapplicabile in termini di protezione dei dati».

L'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) non si sbilancia: «Non possiamo fare previsioni a lungo termine, anche se l'obiettivo è quello di disattivarlo per fine marzo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
4 min
Lavoro: uno svizzero su due è insoddisfatto
Uno su cinque, invece, punta a cambiare posizione entro l'anno.
SAN GALLO
15 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
15 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
15 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
18 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
19 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
21 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
22 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
ARGOVIA
23 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
1 gior
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile