Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
23.01.22 - 10:030
Aggiornamento : 12:23

Più vittime a causa dei SUV, si pensa a un'imposta in più

In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.

Per questo motivo l'associazione Roadcross chiede che i detentori di questi veicoli pesanti paghino un'imposta in più.

BERNA - I SUV sono sempre più pesanti e diventano particolarmente pericolosi per gli altri utenti della strada, a cominciare dagli automobilisti al volante di vetture più piccole. È quanto emerge da un'analisi della SonntagsZeitung di dati dell'Ufficio federale delle strade (USTRA).

Dalla ricerca - secondo la testata giornalistica la prima di questo tipo ed eseguita su statistiche di incidenti del periodo 2018-2020 - quando due veicoli con una differenza di peso da 100 a 500 chilogrammi si scontrano il rischio di morti o feriti gravi nell'auto più leggera aumenta già del 50%, rispetto a quello degli occupanti della vettura più pesante. Se la differenza è più di 500 chilogrammi il rischio può essere di tre volte superiore.

Stando al domenicale questi dati preoccupano, alla luce della diffusione di Sport Utility Vehicle (SUV) sempre più pesanti: se nel 2010 le auto messe in circolazione con peso superiore alle 2 tonnellate erano 20'000, nel 2020 il numero è quasi raddoppiato.

Roadcross, associazione delle vittime degli incidenti della circolazione, chiede che i detentori di veicoli pesanti paghino un'ulteriore imposta, che compensi i costi esterni provocati dai sinistri con esito letale. Il denaro raccolto dovrebbe essere usato per la prevenzione.

Sempre secondo la SonntagsZeitung anche il mondo politico si sta muovendo. «Lo Stato deve agire», afferma la consigliera razionale Marionna Schlatter (Verdi/ZH) alla luce dei risultati esposti. «Per esempio limitando il peso o le dimensioni delle auto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
12 ore
Fuochi e botti autoprodotti, 18enne ancora in ospedale
Il 18enne, in gravi condizioni, è ancora in ospedale.
SVIZZERA
13 ore
I dati contenuti su lemievaccinazioni.ch vanno cancellati
Su ordine di Mister Dati, tutte le informazioni presenti sulla piattaforma dovranno essere distrutte
GINEVRA
13 ore
Vaiolo delle scimmie: secondo caso in Svizzera
Il nuovo contagio è stato diagnosticato a Ginevra. Il primo era stato a Berna.
BASILEA CITTÀ
14 ore
Grave da sabato, deceduta la bambina rimasta sott'acqua
I soccorritori erano riusciti a rianimare la piccola e a trasportala in ospedale, ma non ce l'ha fatta.
SVIZZERA
15 ore
Hai bisogno del booster per viaggiare? «Te lo paghi»
L'UFSP stima che fino a ventimila svizzeri effettueranno un'ulteriore dose di richiamo per andare all'estero.
BERNA
16 ore
Dieci morti, 100 ricoveri e 8125 nuovi casi
Queste le cifre dell'ultima settimana in Svizzera.
GRIGIONI
17 ore
Cade, si ferisce e blocca il traffico ferroviario (con la moto)
Un motociclista di 23 anni ha subito gravi ferite a una gamba nell'incidente avvenuto ieri sera a Davos.
SVIZZERA
21 ore
Vaiolo delle scimmie, già fatte le prove per una pandemia
L’esercitazione, messa in atto alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2021, ha insospettito molte persone.
GRIGIONI
21 ore
Seimila sigarette nascoste un po' ovunque nel camper
Sono state trovate dai doganieri durante un controllo al valico di Martina.
SVIZZERA
21 ore
I miliardi della Banca invece del portafoglio dei lavoratori
L'iniziativa popolare "sulla BNS" è stata lanciata oggi da sindacati, PS e altre associazioni di sinistra.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile