Immobili
Veicoli
ARCHIVIO KEYSTONE
Dopo Omicron si potranno accantonare le misure statali anti-Covid, come mascherine e test.
SVIZZERA
23.01.22 - 08:560
Aggiornamento : 10:19

Le restrizioni anti-Covid statali saranno inutili, una volta arrivata l'estate e superata la sfida di Omicron

L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale

ZURIGO - Una volta superata l'ondata di Omicron, con l'arrivo dell'estate le restrizioni anti-Covid statali non serviranno più, mascherine e test potrebbero presto diventare facoltativi: lo afferma Marcel Tanner, epidemiologo ed ex membro del gruppo di esperti (Task force) che consiglia il governo federale. A suo avviso più importante sarà puntare sulla responsabilità individuale.

Misure non necessarie, ma se ci si vaccina - I provvedimenti come la protezione obbligatoria del viso e il certificato Covid in modalità 2G non saranno più necessari «se continuiamo a vaccinarci e a fare il richiamo a sufficienza», afferma l'esperto in un'intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung. Il requisito per arrivarci è però che la società e ogni individuo si assumano le proprie responsabilità.

Il virus non scomparirà - Secondo Tanner «continueranno a esserci focolai di coronavirus, anche piccole ondate». Ma in futuro, tali focolai potrebbero essere controllati e contenuti con «misure mirate, selettive e volontarie». A suo avviso le imprese dovrebbero poi decidere da sole se, quando e a quali condizioni i dipendenti saranno tenuti a lavorare in azienda o a casa.

Il ricercatore, che ha già accompagnato scientificamente diverse epidemie precedenti in altri continenti, è convinto che anche i ristoranti prenderanno misure di propria iniziativa in caso di un altro focolaio locale. «Confido che la nostra società abbia questo temporaneo autocontrollo», afferma. Secondo lo scienziato, questo ha sempre funzionato nelle precedenti epidemie.

Basta ai test di massa - Stando a Tanner dopo l'ondata di Omicron si deve anche smettere di «testare ampiamente e raccogliere masse di dati». «Le previsioni non migliorano con l'enorme quantità di dati, ma provocano solo nuove paure». Lo specialista suggerisce che in futuro la diffusione del coronavirus sia monitorata solo con campionature casuali, cioè in modo simile all'influenza. In linea di principio, «solo coloro che hanno sintomi che fanno pensare al coronavirus dovrebbero essere testati», conclude l'epidemiologo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
18 min
Candidato per i Verdi? Tra i requisiti: non mangiare carne
«Non possiamo dire agli elettori di moderare i consumi dei derivati animali, se i nostri rappresentanti ne sono ingordi»
FOTO
ARGOVIA
1 ora
Vandalo in manette a Wohlen: «Danni per centomila franchi»
Vetrine di negozi sfondate e parabrezza infranti: la polizia ha arrestato un 25enne italiano senza fissa dimora.
ZURIGO
13 ore
Fuochi e botti autoprodotti, 18enne ancora in ospedale
Il 18enne, in gravi condizioni, è ancora in ospedale.
SVIZZERA
14 ore
I dati contenuti su lemievaccinazioni.ch vanno cancellati
Su ordine di Mister Dati, tutte le informazioni presenti sulla piattaforma dovranno essere distrutte
GINEVRA
14 ore
Vaiolo delle scimmie: secondo caso in Svizzera
Il nuovo contagio è stato diagnosticato a Ginevra. Il primo era stato a Berna.
BASILEA CITTÀ
16 ore
Grave da sabato, deceduta la bambina rimasta sott'acqua
I soccorritori erano riusciti a rianimare la piccola e a trasportala in ospedale, ma non ce l'ha fatta.
SVIZZERA
16 ore
Hai bisogno del booster per viaggiare? «Te lo paghi»
L'UFSP stima che fino a ventimila svizzeri effettueranno un'ulteriore dose di richiamo per andare all'estero.
BERNA
17 ore
Dieci morti, 100 ricoveri e 8125 nuovi casi
Queste le cifre dell'ultima settimana in Svizzera.
GRIGIONI
19 ore
Cade, si ferisce e blocca il traffico ferroviario (con la moto)
Un motociclista di 23 anni ha subito gravi ferite a una gamba nell'incidente avvenuto ieri sera a Davos.
SVIZZERA
22 ore
Vaiolo delle scimmie, già fatte le prove per una pandemia
L’esercitazione, messa in atto alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2021, ha insospettito molte persone.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile