Immobili
Veicoli
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
Depositphotos (foto d'archivio)
SVIZZERA
20.01.22 - 08:470
Aggiornamento : 18:32

Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»

La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»

Fonte Leo Butie/20 Minuten
elaborata da Simone Re
Giornalista

BERNA - Quando si parla d'integrazione delle persone LGBTQI in Europa, tutti vorrebbero considerarsi come un esempio da seguire. Tuttavia, un nuovo studio dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro svela che gli individui non etero sono spesso bersaglio di scherzi e oggetto di prese in giro sul posto di lavoro. E questa situazione si traduce inevitabilmente tanto in conseguenze psicologiche quanto fisiche.

Statistiche alla mano, circa la metà delle persone LGBTQI nel Vecchio continente afferma di aver subito forme di mobbing o bullismo nell'ambito professionale. E queste cosiddette "micro-aggressioni" - che includono le prese in giro, ma anche calunnie e occhiatacce - sono considerati veri e propri fattori di rischio da un punto di vista psicologico. Restando sulle cifre, uno studio a livello europeo del 2020 indicava che fino al 90% delle persone transgender hanno subito qualche tipo di maltrattamento o molestia sul posto di lavoro. E il problema esiste anche in Svizzera.

Un argomento poco esplorato in Svizzera
Le persone non eterosessuali, ha spiegato a 20 Minuten Roman Heggli, direttore di Pink Cross, «sono continuamente vittime di discriminazione sul lavoro» nel nostro Paese. Parlare di bullismo o intimidazione può essere forse eccessivo in alcuni casi, ma forme di ostilità e commenti stupidi sono all'ordine del giorno. E poi «esistono anche forme di discriminazione invisibili. Come ad esempio quando un formulario non consente d'inserire il nome di un partner dello stesso sesso», aggiunge Heggli.

Uno studio approfondito di queste situazioni sul posto di lavoro, riguardante l'intera comunità LGBTQI, al momento non esiste. «L'argomento - conferma il numero uno di Pink Cross - è ancora molto poco esplorato in Svizzera», anche se nel rapporto 2020 dello Swiss LGBTQI+ Panel viene indicato che oltre metà delle persone afferma di aver subito qualche forma di discriminazione in famiglia, negli spazi pubblici, da parte delle istituzioni, al lavoro, in ospedale o all'università e a scuola. Fortunatamente, prosegue Heggli, anche in Svizzera il livello di consapevolezza e sensibilità su queste tematiche sul posto di lavoro è migliorato negli ultimi anni. «In particolare, nelle aziende di respiro internazionale, è considerata una grande priorità».

Linee guida, consapevolezza e risposte
Anche le imprese di medie e piccole dimensioni non stanno però a guardare. Ed è ciò che gli impiegati si aspettano. «L'integrazione delle persone con diversi orientamenti sessuali non è ancora il massimo tra la popolazione svizzera», spiega Heggli. Quello che serve sono linee guida chiare per le aziende e «iniziare a far nascere la consapevolezza pubblica già nelle scuole». E, aggiunge l'esperto, è importante prendere posizione se si assiste a qualsiasi forma di discriminazione. «Se vi capita di sentire qualcuno rivolgere un commento omofobo o transfobico a qualcuno, reagite e criticate».

L'idea di linee guida ad hoc non soddisfa però il fronte delle imprese. Secondo Franz Grüter, consigliere nazionale UDC e membro di comitato dell'Unione svizzera degli Imprenditori, le aziende «trattano i propri dipendenti con grande rispetto e senza discriminare nessuno, né in base alla loro sessualità, né per il colore della pelle, la razza o religione». Le grandi aziende, aggiunge, prestano poi un'altretanto grande attenzione. E «nel caso si dovrebbe al massimo guardare a ogni singola impresa e non zavorrare tutte le aziende con un ulteriore carico di burocrazia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
13 min
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
1 ora
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
1 ora
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
SVIZZERA
4 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
8 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
9 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
10 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
13 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
13 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
14 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile