Immobili
Veicoli
Ti-Press
BERNA
19.01.22 - 21:000
Aggiornamento : 20.01.22 - 09:53

Quello studio medico corona-scettico che non fa vaccinazioni

I responsabili della struttura di Langenthal non credono né all'efficacia, né alla sicurezza dei preparati disponibili.

La società medica del Canton Berna: «Un dottore è obbligato a informare i pazienti basandosi sulle ultime conoscenze scientifiche, separando in modo chiaro e comprensibile le proprie valutazioni personali».

BERNA - A Langenthal, nel canton Berna, c'è uno studio medico che si rifiuta categoricamente di effettuare vaccinazioni contro il Covid-19. Il motivo? I responsabili della struttura non credono minimamente all'efficacia del vaccino, come ben si può evincere dalla loro homepage: «A causa di considerazioni sull'efficacia e sulla sicurezza dei vaccini disponibili, abbiamo deciso di non offrire la possibilità di vaccinarsi nel nostro studio».

Durata ed effetti collaterali - Una posizione, quella della struttura bernese, agli antipodi da quella sostenuta dalla stragrande maggioranza degli studi medici e dalle autorità sanitarie elvetiche. La Berner Zeitung ha sentito il medico e capogruppo Christian Etter per chiedergli i motivi di questa scelta. «Ci sono fatti che ci fanno riflettere sull'effettiva durata della vaccinazione», spiega il dottore criticando nel contempo le «inchieste problematiche» sugli effetti collaterali e la mancanza di dati sugli effetti collaterali a lungo termine che i vaccini a mRNA potrebbero provocare.

Un unicum nel cantone - Lo studio medico "ribelle" di Langenthal è l'unica clinica del cantone a distanziarsi dalla vaccinazione. Ma con questo messaggio, la struttura sanitaria viola qualche regola? La Società medica del Canton Berna - sentita dal quotidiano - resta sul vago, facendo notare che un dottore è obbligato a informare i pazienti sulle vaccinazioni basandosi «sulle ultime conoscenze scientifiche», separando in «modo chiaro e comprensibile» le proprie valutazioni personali.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
8 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
SVIZZERA
10 ore
Gas, un accordo di solidarietà tra Svizzera e Germania
Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin hanno incontrato il vicecancelliere Robert Habeck alla vigilia del WEF
ZURIGO
14 ore
Esplosione in casa, 18enne gravemente ferito
La deflagrazione sarebbe stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta.
SVIZZERA
14 ore
«È sempre più un'influenza stagionale»
C'è chi rivolge lo sguardo al prossimo autunno, esprimendo preoccupazione per l'emergenza di nuove varianti del Covid.
SVIZZERA
17 ore
Quando sei miliardi non bastano
La Confederazione potrebbe dover sborsare un ulteriore miliardo per l'acquisto dei jet da combattimento F-35.
GINEVRA
17 ore
La rissa fra "bande" degenera e partono alcuni spari
I fatti sono avvenuti in un bar del quartiere ginevrino di Plainpalais. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
20 ore
Quegli spinosi miliardi degli oligarchi con i quali non si sa bene che fare
In Svizzera sono 6 (ma c'è chi dice che siano molti, molti di più) e per la legge elvetica non si possono toccare
SVIZZERA
21 ore
Anche il WEF 2022 si tinge di guerra
Al via oggi nella capitale grigionese il summit economico, attesi 50 capi di stato e anche Zelensky e Stoltenberg
SCIAFFUSA
22 ore
L'alcol, l'incidente e la fuga
Il conducente ha perso il controllo dell'auto, urtando una vettura ferma a un semaforo
SVIZZERA
22 ore
L'estate svizzera «potrebbe raggiungere i 40 gradi»
Le previsioni di Thomas Bucheli, caporedattore di SRF Meteo, dopo le temperature "non normali" del mese di maggio.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile