Immobili
Veicoli
keystone
SVIZZERA
16.01.22 - 14:320
Aggiornamento : 18:18

I virologi sono scettici sulla linea Berset: «Un affronto»

L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron

La strategia della diffusione non fa l'unanimità tra gli esperti. Alcuni invocano un 2G+ anche per ristoranti e stadi

BERNA - Da settimana scorsa Alain Berset non è più così amato dai virologi. Il consigliere federale ha parlato di fase endemica come cosa (quasi) fatta, e ha paragonato Omicron a «un'influenza quando colpisce persone vaccinate». La "strategia della diffusione" adottata da Berna non fa però l'unanimità tra gli esperti. 

Le parole del ministro della sanità sono «un affronto» per l'infettivologo ticinese Andreas Cerny, intervistato oggi dalla SonntagsZeitung. «Omicron è molto più pericoloso di un'influenza anche per le persone vaccinate» osserva l'esperto. Il numero di contagi è più alto che durante un'epidemia d'influenza, e ogni giorno muoiono circa 20 persone a causa del virus. 

Un nuovo studio delle università di Boston e Harvard mostra che solo le persone protette con il booster mRNA hanno anticorpi sufficienti contro la variante. Le persone vaccinate "solo" due volte hanno una resistenza minore. E dopo sei mesi hanno una protezione praticamente nulla contro Omicron.

«Le regole del gioco sono cambiate con Omicron», dice Cerny. Il booster è «assolutamente necessario» e «molte più persone hanno ora bisogno di riceverlo in fretta». Anche Christoph Berger, presidente della Commissione per le vaccinazioni, considera «ragionevole» un ampio aumento. Finora, tuttavia, solo un terzo della popolazione svizzera ha ricevuto la terza dose. Recentemente, i numeri per la vaccinazione di richiamo sono addirittura calati. 

I risultati dello studio sollevano qualche dubbio sulle misure attualmente in vigore in Svizzera. Per Didier Trono, membro della task force federale, «alcuni aspetti devono essere riesaminati alla luce delle caratteristiche di questa variante» e in particolare le regole su 2G e 2G+. Per Cerny sarebbe utile estendere il 2G+ anche a ristoranti e grandi eventi. Il 2G semplice è ormai «poco utile» anche per Berger. 

Pareri che per ora il Consiglio federale non ha preso in considerazione, in ragione soprattutto del numero ancora contenuto di ricoveri in ospedale. Una decisione sulla proroga (per ora fino a fine marzo) verrà presa settimana prossima dal governo. Cerny è meno ottimista di altri scienziati e di molti politici: «Siamo ancora lontani dalla fase endemica» ha detto al domenicale. «Nuove varianti possono emergere in qualsiasi momento. Sono molto scettico sul fatto che Omicron comporti la fine della pandemia». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
8 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
9 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
FOTO
BERNA
14 ore
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
SVIZZERA
15 ore
Il mitico coltellino svizzero spegne 125 candeline
Era il 12 giugno 1897 quando lo svittese Carl Elsener decise di proteggere il modello che diventerà un'icona del paese.
ZURIGO
15 ore
Studenti alla guida dei tram? Il sindacato non ci sta
L'azienda dei trasporti di Zurigo intende in questo modo sgravare i propri dipendenti.
SVIZZERA
16 ore
Ecco in quali Cantoni i cellulari vengono rubati con più frequenza
Il Ticino si piazza in fondo alla classifica stilata da Axa Assicurazioni.
ZURIGO
18 ore
Salvata dal lago, muore in ospedale
Non ce l'ha fatta l'anziana che martedì aveva perso i sensi nel corso di una nuotata al lido di Tiefenbrunnen.
SVIZZERA
20 ore
Tre tonnellate di oro di origine russa sotto la lente
Sono state importate in Svizzera dal Regno Unito lo scorso mese di maggio. Il valore è di 194 milioni di franchi
SVIZZERA
21 ore
«La Svizzera deve investire sulla difesa»
Il capo della Politica di sicurezza del DDPS prevede un deterioramento delle relazioni con la Russia nei prossimi anni.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile