Immobili
Veicoli
News-Scout/20 Min
BERNA/LUCERNA/SAN GALLO
15.01.22 - 17:250

Lunghissime code per andare a sciare

Il sabato soleggiato ha portato numerosissimi appassionati sulle piste, provocando lunghe code.

«Appena abbiamo visto la coda siamo tornati indietro, mai visto nulla di simile», ha dichiarato una sciatrice ad Adelboden.

BERNA - Nonostante i casi record di Omicron, il bel tempo ha attirato in massa gli appassionati di sci e di sport invernali sulle piste e nelle stazioni sciistiche elvetiche.

L'impianto di Adelboden-Lenk, nel Canton Berna, è stato preso d'assalto. Già alle nove del mattino gli sciatori e gli snowboarder si sono trovati in una lunga fila per prendere la cabinovia. Una visione che ha fatto desistere qualcuno: «Quando abbiamo visto tutta quella gente, siamo tornati subito indietro», ha detto una 25anne di Frutigen, interpellata dal quotidiano 20 Minuten. «Di solito, anche il sabato e con il bel tempo facciamo magari 30 minuti di fila, oggi c'era il triplo delle persone. Non ho mai visto nulla di simile».

Matthias Werren, responsabile marketing del comprensorio sciistico, ha dichiarato al riguardo che si aspettava dai 20'000 ai 25'000 ospiti oggi, il che è paragonabile ai giorni di punta del passato. Coronavirus? Werren non è preoccupato: «Stiamo rispettando le misure, e l'esperienza della scorsa stagione mostra che tutto ha funzionato bene con le misure di protezione, e siamo orgogliosi di questo». Inoltre, ha detto, i tempi di attesa non sono poi così lunghi. «Con un biglietto online ci si muove rapidamente, le nostre gondole possono contenere fino a dieci ospiti».

La situazione è stata simile in altre stazioni sciistiche. Ad esempio, è un giorno da record anche a Sörenberg (Lucerna). Un 56enne ha fotografato la lunga coda da casa sua. Anche a Flumserberg i parcheggi sono già stati tutti occupati dalle nove. 

In Ticino, lo ricordiamo, la situazione relativa alla neve e alle temperature ha reso la stagione - almeno finora - difficilissima per gli impianti. Per questo weekend sono stati infine aperti - seppur in modo parziale - solo alcuni comprensori, tra cui Airolo-Pesciüm, Bosco Gurin, e Campo Blenio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
20 min
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
1 ora
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
1 ora
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
SVIZZERA
4 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
8 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
9 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
11 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
13 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
13 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
15 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile