Immobili
Veicoli
Imago
SVIZZERA
14.01.22 - 06:450

«Dopo cinque giorni, la possibilità d'infettare qualcuno è pari al 30%»

La decisione di accorciare la durata del provvedimento rappresenta un rischio, secondo l'infettivologo Huldrych Günthard

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf e Christina Pirskanen
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - La Svizzera alle prese con l'esplosione di isolamenti e quarantene ha deciso di ridurne la durata. Anche quella dell'isolamento, che riguarda le persone risultate positive al coronavirus: da ieri anche loro possono tornare alla vita quotidiana già dopo cinque giorni, nel caso che i sintomi siano scomparsi da quarantotto ore.

Ma si tratta di una mossa pericolosa, secondo Huldrych Günthard, responsabile della Sezione malattie infettive dell'Ospedale universitario di Zurigo. «C'è un certo rischio che dopo cinque giorni di isolamento le persone positive tornino al lavoro ancora altamente contagiose» afferma.

E lo dice sulla base di uno studio britannico non ancora pubblicato, secondo cui nel 30% dei casi una persona infetta dopo cinque giorni sarebbe ancora contagiosa. Nel 15% dei casi dopo sette giorni e nel 5% dopo quindici. «È una differenza notevole che, in combinazione con l'elevato numero di casi che si registra in Svizzera, potrebbe portare a un numero notevolmente maggiore di infezioni».

«Mi aspettavo la mascherina FFP2» - In relazione alla decisione di ridurre la durata dell'isolamento, Günthard si aspettava perlomeno la raccomandazione di indossare una mascherina FFP2 fino a dieci giorni dopo il risultato positivo. «Mi stupisce molto che il Consiglio federale non lo abbia previsto».

Anche l'infettivologo Andreas Cerny ritiene che la decisione del Consiglio federale non abbia una base scientifica. Anzi, uno studio giapponese su persone che hanno contratto la variante Omicron dimostrerebbe che la contagiosità resterebbe a un livello elevato fino a sette-nove giorni dopo l'infezione.

Si parla di «strategia ad alto rischio» anche sul fronte politico. Così come Günthard, anche il consigliere nazionale Martin Bäumle (Verdi liberali) si aspettava la raccomandazione di indossare la mascherina FFP2. «Ma confido nel fatto che le persone si comportino con responsabilità e che non escano quindi dall'isolamento in presenza di sintomi».

Tre motivi a favore della decisione - La vede diversamente Jürg Utzinger, direttore dell'Istituto svizzero di salute pubblica: «La decisione di accorciare l'isolamento non è certamente una decisione a rischio zero». Tuttavia la ritiene giustificabile per tre motivi: «In primo luogo, gran parte della popolazione è vaccinata e sappiamo che i vaccinati sono contagiosi per meno tempo».

In secondo luogo l'esperto parla del periodo di incubazione, durante il quale la persona malata è già contagiosa. Ma con la variante Omicron tale periodo è più breve. Infine, Utzinger sottolinea che per l'economia e i servizi essenziali è fondamentale che non ci siano troppe persone che isolamento nello stesso momento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
21 min
«Più cooperazione, anche con la NATO, per proteggere la Svizzera»
Il presidente del PLR Thierry Burkart favorevole anche all'acquisto di nuovi aerei da combattimento
GINEVRA
1 ora
Con l'auto tra le bancarelle del mercato, un ferito a Ginevra
Il conducente non era in condizioni tali da poter guidare. Si indaga per capire se aveva consumato alcol o droghe.
SVIZZERA
4 ore
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
12 ore
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
13 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
15 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
FOTO
BERNA
20 ore
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
SVIZZERA
21 ore
Il mitico coltellino svizzero spegne 125 candeline
Era il 12 giugno 1897 quando lo svittese Carl Elsener decise di proteggere il modello che diventerà un'icona del paese.
ZURIGO
21 ore
Studenti alla guida dei tram? Il sindacato non ci sta
L'azienda dei trasporti di Zurigo intende in questo modo sgravare i propri dipendenti.
SVIZZERA
22 ore
Ecco in quali Cantoni i cellulari vengono rubati con più frequenza
Il Ticino si piazza in fondo alla classifica stilata da Axa Assicurazioni.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile