Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
08.01.22 - 14:180

Il presidente della CFV teme per l'approvvigionamento del Paese

Christoph Berger, parlando d'immunità, ha rimarcato che la vaccinazione infantile deve essere una decisione individuale

BERNA - Secondo il presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) Christoph Berger, la variante Omicron del coronavirus minaccia l'approvvigionamento generale in Svizzera. Non è solo negli ospedali che si profilano problemi, ha detto durante l'emissione Samstagsrundschau della radio della Svizzera tedesca SRF. A suo avviso la crisi non può essere gestita solo con vaccinazioni e dosi di richiamo.

La situazione rischia di sfuggire di mano, ha avvertito Berger. Se il numero di nuove infezioni raddoppiasse ogni due o tre giorni, raggiungeremmo cifre che renderebbero tutto difficile, non fosse altro che per la carenza di personale.

Questa è una nuova dimensione, ha sottolineato. Di conseguenza, il numero di ricoveri non è più l'unico criterio da considerare. La vaccinazione è solo una misura e altri passi sono necessari. Berger, pediatra al Kinderspital di Zurigo, non ha però voluto formulare raccomandazioni politiche concrete. Questo è un compito del Consiglio federale e dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), ha sostenuto.

A livello personale, nella situazione attuale, intende evitare i grandi eventi, ha detto il medico dell'ospedale pediatrico zurighese. Si tratta di una questione di responsabilità individuale: "Non si deve fare solo quello che dice il Consiglio federale". Le misure di protezione come il mantenimento delle distanze o la mascherina protettiva sono sufficientemente note.

Booster per tutti: solo soluzione di emergenza
Berger è stato duramente criticato nelle ultime settimane in relazione alle vaccinazioni di richiamo. Soprattutto perché la raccomandazione per il cosiddetto booster è arrivata più tardi in Svizzera che in Israele, per esempio.

Il presidente della CFV ha spiegato che c'è una grande differenza in questa questione se l'obiettivo è di proteggere l'individuo da un decorso grave della malattia o l'intera popolazione dalla diffusione del virus.

Col senno di poi, la CFV avrebbe potuto raccomandare la vaccinazione di richiamo per la popolazione di oltre 65 anni due o tre settimane prima, ha ammesso Berger. Ma non appena è diventato chiaro in autunno che in questa fascia di età molte persone rimanevano esposte alla malattia malgrado la vaccinazione, la reazione è stata rapida.

Per quanto riguarda il booster per la popolazione generale, secondo il pediatra, bisogna fare una distinzione. Una prima o una seconda dose di richiamo ha senso dal punto di vista epidemiologico. A lungo termine, tuttavia, la vaccinazione dovrebbe servire a proteggere dalle forme gravi di Covid-19, ha affermato.

Speranza per futura immunità collettiva
A un certo punto, nella popolazione apparirà un'immunità collettiva, prevede Berger. Le vaccinazioni di richiamo sarebbero quindi necessarie solo per le persone che sono particolarmente a rischio.

Berger ha ribadito che la decisione di vaccinare i bambini deve essere individuale. Non è possibile colmare le lacune di vaccinazione negli adulti vaccinando i fanciulli e gli adolescenti. In ogni caso, è molto importante per lo sviluppo dei bambini che le scuole rimangano aperte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
4 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
5 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
6 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
FOTO
URI
7 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
BERNA
10 ore
Schiacciato da una balla di fieno, muore un 29enne
L'uomo è deceduto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate.
VALLESE
11 ore
La Rega vuole spiccare il volo anche in Vallese
Attualmente solo Air-Glaciers e Air Zermatt sono autorizzate a soccorrere con gli elicotteri.
SVIZZERA
13 ore
Eliminati 227 proiettili inesplosi
Resta alto il numero di segnalazioni. L'aumento sarebbe da ricondurre alla pandemia
SVIZZERA
15 ore
Il sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
FOTO
SVIZZERA
16 ore
Fulmini, vento e grandine a Nord delle Alpi
I forti temporali si sono abbattuti in particolare nell'Oberland bernese e sulla Svizzera centrale.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile