Immobili
Veicoli
Screenshot "Detras del Rumor"
SVIZZERA / REP. DOMINICANA
06.01.22 - 21:020
Aggiornamento : 23:07

«L'ha uccisa il suo compagno, voleva la sua casa»

Emergono nuovi dettagli sulla morte della 65enne svizzera nella Repubblica Dominicana.

Secondo diverse fonti, la donna sarebbe stata uccisa da un killer a pagamento assunto dall'uomo con cui conviveva. Arrestati, esecutore e mandante avrebbero già confessato il crimine.

Fonte Karin Leuthold/20 minutes
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

SANTO DOMINGO - Emergono nuovi e inquietanti dettagli sul decesso della 65enne svizzera, gettata dalle scale della sua abitazione da due uomini lo scorso 28 dicembre a Cabarete, nella Repubblica Dominicana.

320 franchi per ucciderla - Dietro alla morte della donna, infatti, vi sarebbe la cupidigia del suo compagno, un giovane dominicano, che avrebbe commissionato l'omicidio della 65enne a un suo parente per ereditare la casa della vittima. L'uomo avrebbe infatti pagato il killer 20'000 pesos, l'equivalente di 320 franchi.

Le due amiche - La trasmissione televisiva locale "Detras del rumor" ha sentito la migliore amica della vittima, che nell'ottobre del 2020 si era trasferita con lei sull'isola caraibica. «Abbiamo acquistato quella casa insieme», spiega la donna ricordando i momenti spensierati trascorsi insieme all'amica prima dell'arrivo del fidanzato-assassino. «Lei si è subito innamorata di lui. Era gentile con lei e le parlava in tedesco».

Il litigio - L'uomo si è subito installato nella casa delle due svizzere. Il suo comportamento, però, non ha mai convinto appieno l'amica della vittima. «Ho provato più volte ad avvisarla. A dissuaderla. Ma non ha mai voluto darmi retta. Alla fine abbiamo litigato e io me ne sono andata dalla nostra casa». 

Arresto e confessione - Una casa che lo scorso 28 dicembre è diventata teatro di un omicidio a sangue freddo. Anche se il suo compagno - che peraltro ha accompagnato la 65enne in ospedale subito dopo la caduta dalle scale - continua a sostenere che si sia trattato di un incidente. Una tesi, questa, che però non ha per nulla convinto le forze dell'ordine caraibiche che hanno arrestato sia l'esecutore che il mandante. I due, una volta in manette - secondo quanto appreso dalla TV Dominicana - avrebbero pure confessato. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
54 min
Dramma familiare a Sierre: un morto
Durante la notte tra domenica 22 e lunedì 23 maggio, un adolescente ha ferito mortalmente la madre di 41 anni.
BERNA
1 ora
Maurer è contrario agli aiuti alle famiglie per il caro-energia
Secondo il consigliere federale «non ci sono soldi per questo».
GINEVRA
2 ore
Candidato per i Verdi? Tra i requisiti: non mangiare carne
«Non possiamo dire agli elettori di moderare i consumi dei derivati animali, se i nostri rappresentanti ne sono ingordi»
FOTO
ARGOVIA
3 ore
Vandalo in manette a Wohlen: «Danni per centomila franchi»
Vetrine di negozi sfondate e parabrezza infranti: la polizia ha arrestato un 25enne italiano senza fissa dimora.
ZURIGO
15 ore
Fuochi e botti autoprodotti, 18enne ancora in ospedale
Il 18enne, in gravi condizioni, è ancora in ospedale.
SVIZZERA
16 ore
I dati contenuti su lemievaccinazioni.ch vanno cancellati
Su ordine di Mister Dati, tutte le informazioni presenti sulla piattaforma dovranno essere distrutte
GINEVRA
16 ore
Vaiolo delle scimmie: secondo caso in Svizzera
Il nuovo contagio è stato diagnosticato a Ginevra. Il primo era stato a Berna.
BASILEA CITTÀ
18 ore
Grave da sabato, deceduta la bambina rimasta sott'acqua
I soccorritori erano riusciti a rianimare la piccola e a trasportala in ospedale, ma non ce l'ha fatta.
SVIZZERA
19 ore
Hai bisogno del booster per viaggiare? «Te lo paghi»
L'UFSP stima che fino a ventimila svizzeri effettueranno un'ulteriore dose di richiamo per andare all'estero.
BERNA
19 ore
Dieci morti, 100 ricoveri e 8125 nuovi casi
Queste le cifre dell'ultima settimana in Svizzera.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile