Immobili
Veicoli
Keystone (archivio)
ZURIGO
06.01.22 - 11:260
Aggiornamento : 15:12

«Uber deve pagare i contributi»

Diverse sentenze (non definitive) sostengono che esiste un rapporto di lavoro tra la compagnia e gli autisti.

Dal canto suo l'azienda sosteneva di offrire solo «un servizio», precisando che gli autisti che lavorano tramite la sua applicazione «sono autonomi».

ZURIGO - Tra Uber e i suoi autisti esiste un rapporto di lavoro e l'azienda è quindi tenuta a pagare i contributi sociali. Lo dicono diverse sentenze - non ancora definitive - del Tribunale delle assicurazioni sociali del canton Zurigo.

Le sentenze, contro le quali Uber ha già annunciato ricorsi al Tribunale federale, si riferiscono tutte a casi che risalgono al 2014. Nel 2019, l'assicurazione contro gli infortuni Suva e l'Istituto delle assicurazioni sociali del cantone Zurigo (SVA) avevano classificato i conducenti di Uber come dipendenti.

La SVA aveva quindi chiesto a Uber, o a una sua filiale, di pagare 4,3 milioni di franchi di contributi sociali, più gli interessi di mora di quasi 1 milione di franchi maturati dal 2014.

Il servizio di trasporto privato attivo a livello mondiale si era in seguito rivolto al Tribunale, sostenendo che la sua attività non può essere equiparata a quella di una centrale di taxi. Il software di Uber rappresenta un semplice servizio che mette in contatto due persone: un autista e un passeggero. Gli autisti che lavorano attraverso la sua applicazione andrebbero perciò considerati come lavoratori autonomi.

Non semplici raccomandazioni, ma istruzioni di lavoro - Nelle sentenze pubblicate oggi, il tribunale zurighese delle assicurazioni sociali arriva però alla conclusione che anche se alcuni elementi - come la flessibilità del tempo di lavoro - parlano a favore del lavoro autonomo, la maggior parte degli aspetti presi in considerazione «indica chiaramente che si tratta di lavoro dipendente».

Anche se Uber nei sui contratti descrive molti requisiti come semplici "raccomandazioni", queste hanno il carattere di vere e proprie istruzioni. Un autista è ad esempio autorizzato a modificare le raccomandazioni sulle tariffe, ma soltanto riducendole, ossia a sue spese. Ciò rappresenta «di fatto l'esercizio del diritto di dare istruzioni» e comporta in altre parole un rapporto di subordinazione, ha sentenziato il tribunale.

Anche per quanto riguarda il rischio imprenditoriale, il tribunale ritiene che ci sia un rapporto di dipendenza verso gli autisti. Questi ultimi non acquisiscono direttamente i passeggeri, ma se li vedono assegnati attraverso l'app di Uber. Stesso discorso per i passeggeri, che non prenotano una corsa presso un autista in particolare, ma presso Uber.

Uber annuncia ricorsi al Tribunale federale - In una presa di posizione fatta pervenire e Keystone-ATS, Uber ha annunciato ricorsi al Tribunale federale. Le decisioni del tribunale zurighese - si legge nella nota - ignorano il fatto che gli autisti di Uber in Svizzera non sottostanno ad obblighi di lavoro e che la grande maggioranza di loro vuole rimanere indipendente.

Il tribunale avrebbe inoltre ignorato «che Uber ha apportato numerosi cambiamenti dal 2014 per rafforzare ulteriormente la libertà di scelta e l'autonomia dei conducenti indipendenti che utilizzano l'app».

Il sindacato Unia ha nel frattempo esortato Uber a rinunciare ai ricorsi e ad assumere correttamente i suoi lavoratori. Alla luce delle sentenze, gli autisti sono «di fatto impiegati in nero», scrive il sindacato in una nota.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
5 min
La rissa fra "bande" degenera e partono alcuni spari
I fatti sono avvenuti in un bar del quartiere ginevrino di Plainpalais. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
2 ore
Quegli spinosi miliardi degli oligarchi con i quali non si sa bene che fare
In Svizzera sono 6 (ma c'è chi dice che siano molti, molti di più) e per la legge elvetica non si possono toccare
SVIZZERA
3 ore
Anche il WEF 2022 si tinge di guerra
Al via oggi nella capitale grigionese il summit economico, attesi 50 capi di stato e anche Zelensky e Stoltenberg
SCIAFFUSA
4 ore
L'alcol, l'incidente e la fuga
Il conducente ha perso il controllo dell'auto, urtando una vettura ferma a un semaforo
SVIZZERA
4 ore
L'estate svizzera «potrebbe raggiungere i 40 gradi»
Le previsioni di Thomas Bucheli, caporedattore di SRF Meteo, dopo le temperature "non normali" del mese di maggio.
SVIZZERA
14 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
FRIBURGO
15 ore
Ciclista deceduto sul ciglio della strada
Il 69enne era stato trovato privo di sensi, i tentativi di rianimarlo sono stati inutili
BASILEA CITTÀ
16 ore
Incidente in piscina, bimba in condizioni critiche
Sono stati due ragazzi a estrarre la piccola dall'acqua
VAUD
17 ore
Kitesurfer gravemente ferito dall'elica di una barca
L'incidente al largo di Montreux, un 21enne è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
20 ore
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile