Immobili
Veicoli
Archivio Tipress
SVIZZERA
04.01.22 - 10:000

«L'abolizione della tassa di bollo rafforza le PMI e l'occupazione»

La posizione del comitato interpartitico che invita a sostenere l'oggetto in votazione il prossimo 13 febbraio

BERNA - Altro che «truffa» o «regalo alle grandi imprese», come sostenuto dalla sinistra: la tassa di bollo sull'emissione di capitale proprio, sulla cui abolizione si voterà il 13 di febbraio, indebolisce l'economia svizzera nel suo insieme poiché colpisce soprattutto le piccole e medie imprese (PMI). Uno stralcio di questo prelievo gioverebbe alle società desiderose di svilupparsi e, quindi, all'occupazione.

Il 90% delle aziende che pagano questa tassa sono infatti piccole ditte, stando al comitato interpartitico che ha invitato oggi ad approvare la riforma voluta dal parlamento e sostenuta dal Consiglio federale. Tale prelievo incide in senso negativo sui fondi propri dell'azienda e ne restringe quindi l'autonomia.

Il copresidente del comitato, nonché presidente dell'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM), Fabio Regazzi (Centro/TI), ha ricordato nel suo intervento che il prelievo sulle società è aumentato negli ultimi anni. Il consigliere nazionale ticinese, egli stesso imprenditore, ha sottolineato che, a differenza di quanto affermato dalla sinistra, questa tassa colpisce soprattutto le imprese che devono passare alla cassa quando dopo la seconda o terza raccolta di fondi - destinati a sviluppare l'impresa - superano il limite di esenzione di un milione di franchi.

Per Regazzi si tratta di un'imposta speciale sui fondi propri e gli investimenti che in Europa solo la Grecia e la Spagna conoscono, anche se in forma diversa.

Questa tassa viene prelevata quando una società lancia una raccolta di capitali, quando viene fondata o quando decide un incremento di capitale. Essa ammonta all'1% dei fondi raccolti che superano il milione di franchi. Per il Partito socialista, che ha promosso il referendum, l'abolizione di questa prelievo avrà un impatto sulle finanze: si stima infatti un calo delle entrate tra i 200 e i 250 milioni di franchi all'anno. A parere della sinistra, lo stralcio di questa imposta andrà a beneficio solo delle grandi imprese, del settore finanziario e dei proprietari di capitali e svuoterebbe le casse pubbliche in un momento in cui la crisi pandemica ha portato a un enorme aumento della spesa.

Il Consiglio federale, sostenuto dalla destra e dalle associazioni economiche, crede invece che l'abolizione di questa tassa avrà un effetto positivo sulla crescita economica e sull'occupazione. I mancati introiti verrebbero compensati da maggiori investimenti delle aziende interessate dal momento che verrebbe a cadere questo balzello. L'abolizione gioverebbe in particolare alle aziende giovani e in forte crescita che non possono contare su un cuscinetto, ossia riserve, in grado di attutire i contraccolpi di una crisi. Le aziende ben capitalizzate hanno infatti più probabilità di superare i momenti difficili poiché dispongono di maggiori riserve.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
4 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
4 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
8 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
8 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
11 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
11 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
ARGOVIA
12 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
15 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
ZURIGO
23 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile