Immobili
Veicoli
20min/François Melillo
BERNA
26.12.21 - 20:090
Aggiornamento : 27.12.21 - 00:02

«Gli operatori sanitari infetti dovrebbero poter terminare prima la quarantena»

Omicron imperversa e i contagi volano. Ma con migliaia di lavoratori a casa c'è il rischio di un collasso del sistema.

Se le cose si mettessero male? Sono già al vaglio diverse soluzioni, alcune estreme

BERNA - Omicron imperversa sulla Svizzera tanto da essere la mutazione dominante in alcuni cantoni. O comunque lo sarà nei prossimi giorni, come anticipato da Tanja Stadler, capo della Task Force anti Covid.

Ciò significa che potremmo dover affrontare circa 25.000 infezioni al giorno a gennaio. Questo, almeno, è lo scenario che la Task Force federale si aspetta. In parte le cifre sono dovute al fatto che la vaccinazione non protegge contro Omicron a meno che non si sia ricevuta la terza dose.

Ma cosa implicherebbe per la Svizzera se ci fossero 25mila contagi al giorno e decine di migliaia di dipendenti in isolamento? Sarebbe colpito non solo il sistema sanitario, ma anche altri importanti settori come la logistica, i trasporti e la distribuzione alimentare.

L'Ufficio federale per l'approvvigionamento economico segnala: «Abbiamo intensificato nuovamente le valutazioni a causa della nuova situazione pandemica. Sono state predisposte misure per intervenire tempestivamente in caso di situazioni limite».

«Abbreviare le quarantene» - Il Centro per la prevenzione delle infezioni Swissnoso, in una lettera inviata mercoledì agli ospedali, raccomanda: «In caso di grave carenza di personale, i dipendenti asintomatici positivi dovrebbero poter riprendere il lavoro dopo cinque giorni di isolamento domestico, previa autorizzazione del medico cantonale».

Il presidente dell'associazione dei medici cantonali, Rudolf Hauri, farebbe addirittura un passo in più. Se le persone risultate positive non mostrassero alcun sintomo, non dovrebbero nemmeno andare in quarantena. Tuttavia, questa è intesa come ultima risorsa e massimo rimedio, e andrebbe ad accettare ulteriori infezioni per evitare che il sistema collassi.

A differenza della società Lufthansa, Swiss non ha dovuto lottare con la carenza di personale nel periodo natalizio. Altre società come La Posta ricorrerebbero alla protezione civile in caso di emergenza, come riportato dalla SRF.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Oggi ha fatto caldissimo
Domani pomeriggio sono attese temperature ancora più elevate, si toccheranno i 33 gradi: una novità per essere in maggio
FOTOGALLERY
SVIZZERA
11 ore
Ecco i prodotti per i quali si dovrà sborsare di più
Ad aprile l'inflazione ha raggiunto l'apice della crisi finanziaria facendo lievitare il costo di molti beni di consumo.
SVIZZERA
13 ore
Presidente slovacca accolta con gli onori militari
Visita di Stato per Zuzana Caputova, che ha incontrato il Consiglio federale.
FOTO
FRIBURGO
14 ore
Insediamenti romani tornano a splendere dopo 1'700 anni
Gli archeologi friburghesi hanno trovano vestigia romane conservate «in modo eccezionale»
VAUD
15 ore
Prosciolte le femministe per il topless, ma condannate per altri motivi
Sei attiviste sono comparse oggi davanti al Tribunale di polizia di Losanna.
SVIZZERA
17 ore
L'Astra Bridge funziona, ma...
L'USTRA traccia un primo bilancio della struttura che per la prima volta viene utilizzata sull'A1
VAUD
18 ore
Siringhe al Balélec: attaccate cinque persone
In quattro si sono presentate in ospedale in seguito al festival, e una quinta ha denunciato l'accaduto in polizia
GINEVRA
18 ore
Il negazionista finisce in cella
Tesi razziste sui social network: un membro del Front National Suisse condannato a tre mesi di carcere
SVIZZERA
20 ore
Altri milioni per proteggere il bestiame dal lupo
La Confederazione mette a disposizione fondi supplementari a sostegno dell'economia alpestre tradizionale
SVIZZERA
20 ore
L'imposta sulla benzina non si tocca (per ora)
Il Governo ritiene che al momento non sia necessario adottare provvedimenti. Ma la situazione è sotto osservazione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile