Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
25.12.21 - 08:060
Aggiornamento : 11:24

Allentare o stringere le viti? Per la politica ora ci vuole pazienza

A livello nazionale contagi e ricoveri sono piuttosto stabili, e dal versante Omicron giungono notizie rassicuranti

Però «non bisogna abbassare la guardia» e allentare già le restrizioni, secondo alcuni consiglieri nazionali

BERNA - Seppur il Ticino stia vivendo un boom di contagi, la situazione relativa a casi e ricoveri a livello svizzero è piuttosto stabile.

Visto anche l'arrivo di alcuni studi preliminari sulla pericolosità di Omicron - per cui il rischio di ricovero è inferiore rispetto ad altre varianti - e visto che quest'ultima diventerà presumibilmente a breve la variante dominante, ci si chiede se sia sensato pensare ad allentare le misure anti Covid, a pochi giorni dall'introduzione dei nuovi provvedimenti.

Interpellata da 20 Minuten, la consigliera nazionale dei Verdi Katharina Prelicz-Huber chiede di mantenere la calma e di «non agitarsi». «Ogni volta che ci sono nuove cifre e informazioni c'è frenesia, si iniziano a ventilare nuove misure, ipotesi, chiusure, aperture». «Bisogna osservare la situazione e mantenere la calma, e questo vale sia per chi vuole allentamenti e sia per chi vuole misure più severe» ha affermato.

Anche Erich Ettlin, membro del Consiglio degli Stati (PPD), non vuole che le misure vigenti cambino. «La revisione frenetica delle misure ogni pochi giorni è tossica. Queste misure devono ora rimanere in vigore almeno per alcune settimane, in modo che si possa misurare il loro effetto», secondo il politico.

Ma si può stare più tranquilli?
Non per i membri della Task Force del governo, che dipingono ancora uno scenario preoccupante.

Secondo un modello pubblicato all'inizio della settimana, il numero di infezioni potrebbe salire a circa 25'000 al giorno entro l'inizio di gennaio. Uno scenario per cui alcuni politici, come riportato da Watson, vorrebbero tornare alla situazione straordinaria d'emergenza, come ad inizio pandemia.

È il caso per il Consigliere nazionale solettese Kurt Fluri (PLR), per cui «la situazione straordinaria sarebbe giustificata» poiché Omicron si diffonde così rapidamente che il Consiglio federale «non ha tempo per condurre consultazioni con i Cantoni, dev'essere in grado di reagire in modo rapido».

Il Consigliere nazionale Martin Bäumle dei Verdi liberali si situa nel mezzo, dicendo che seppur per alcune misure ci sia effettivamente del margine di manovra, è meglio aspettare e vedere, perché si sa ancora troppo poco di Omicron. In ogni caso, Bäumle potrebbe essere ad esempio d'accordo con un declassamento della regola "2G-plus", fissando il periodo di validità del certificato a cinque mesi.

I viaggi, un punto critico
Il punto in cui Bäumle agirebbe immediatamente sono invece le regole per l'ingresso in Svizzera, definite «discriminatorie» nei confronti dei cittadini svizzeri.

«Le norme vanno urgentemente adattate, i turisti possono entrare nel nostro Paese con un semplice test antigenico (rapido) e una vaccinazione che risale fino a sei mesi fa, mentre i cittadini svizzeri devono rinnovare la vaccinazione dopo quattro mesi». Vista ad esempio la diffusione di Omicron nel Regno Unito, un tale quadro normativo «è inaccettabile» per Bäumle.

Per Ettlin, invece, l'adeguamento delle norme di viaggio era assolutamente necessario. «Non si possono discriminare i viaggiatori dei singoli Paesi se non si ha una completa trasparenza delle incidenze in tutti gli Stati», «questo aveva portato ad una confusione totale». Comunque, «chiunque si rechi in Svizzera deve presentare un test negativo», ciò che porta ad una relativa sicurezza per il nostro Paese, secondo Ettlin.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 4 mesi fa su tio
Chiudere altrimenti si finisce male!!
Wunder-Baum 4 mesi fa su tio
Pur comprendendo che qualcuno non sarà d'accordo con me, ma, a questo punto, stringiamo con la certezza però di uscire da questo incubo. Andando avanti a singhiozzi non ne usciremo mai, secondo me, forse mi sbaglio.
Luganese 4 mesi fa su tio
Le regole suggerite dalle autorità (distanziamento, pulizia mani e mascherina in zone affollate) sono sufficienti. Il punto è che non si rispettano in particolare i vaccinati. Esempi. 1. Sono andato alle 7:30 a prelevare al bancomat ubicato in locale chiuso. All’interno c’era una sola persona, senza mascherina! All’entrata del locale c’è scritto che possono essere nel locale al massimo 2 persone: eravamo già presenti in due ed è entrato un terzo! 2. Ieri ho incontrato una conoscente in strada, anziana, vaccinata e senza mascherina, e l’ho salutata: ha iniziato a parlare e mi si avvicinava sempre più ed io, senza mascherina, indietreggiavo per mantenere il distanziamento. Questo sii solo alcuni dei casi che osservo nel mio piccolo. Capisco quindi perché il numero dei contagi cresce e questo vale per il COVID, così come per l’influenza che sta circolando.
Coerenza 4 mesi fa su tio
Show must go on
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
51 min
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
1 ora
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
2 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
3 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
FOTO
URI
4 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
BERNA
7 ore
Schiacciato da una balla di fieno, muore un 29enne
L'uomo è deceduto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate.
VALLESE
8 ore
La Rega vuole spiccare il volo anche in Vallese
Attualmente solo Air-Glaciers e Air Zermatt sono autorizzate a soccorrere con gli elicotteri.
SVIZZERA
10 ore
Eliminati 227 proiettili inesplosi
Resta alto il numero di segnalazioni. L'aumento sarebbe da ricondurre alla pandemia
SVIZZERA
12 ore
Il sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Fulmini, vento e grandine a Nord delle Alpi
I forti temporali si sono abbattuti in particolare nell'Oberland bernese e sulla Svizzera centrale.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile