Immobili
Veicoli
Lotta ai furbetti della mascherina sui treni
Tamedia (immagine illustrativa)
SVIZZERA
21.12.21 - 06:050
Aggiornamento : 08:53

Lotta ai furbetti della mascherina sui treni

Chi ci mette un'ora per un panino. Chi sgranocchia noccioline per tutto il viaggio. Su Twitter s'infiamma la discussione

Mangiare in treno

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Un'ora per mangiare un sandwich. Sgranocchiare noccioline o patatine per tutta la durata del viaggio. Oppure tenere costantemente la bottiglietta d'acqua in mano, bevendo un goccio di tanto in tanto. Questi sono soltanto alcuni dei trucchi che a bordo dei treni vengono utilizzati per aggirare l'obbligo di mascherina.

Ma ora c'è chi non ci sta più e chiede un divieto di consumazioni a bordo dei treni elvetici. Su Twitter è infatti di tendenza l'hashtag #keinFoodimZug (cioè, “niente cibo in treno”). Migliaia di tweet in cui si chiede di porre fine a tale situazione, in particolare ora che anche nel nostro paese si sta diffondendo la più contagiosa variante Omicron.

La politica pro e contro - Nel frattempo se ne parla anche a livello politico. Si conta per esempio la consigliera nazionale socialista Flavia Wasserfallen che dalle colonne del Blick si dice favorevole all’introduzione di un divieto temporaneo di consumazioni sui mezzi pubblici. La deputata sottolinea che troppo spesso tra Zurigo e Berna si osservano passeggeri che «mangiano il loro panino così lentamente da non dover mettere la mascherina fino a destinazione».

Anche la consigliera nazionale Franziska Ryser (Verdi), interpellata dal portale Watson, si dice infastidita dai passeggeri che usano la scusa della consumazione per aggirare l'obbligo di mascherina. Ma ritiene che un divieto generale non sia applicabile. Piuttosto propone di limitare le consumazioni alla carrozza ristorante.

Non è una novità - La questione non è comunque nuova. Se n'era già parlato nell'autunno del 2020. Sui convogli della Ferrovia retica lungo la linea che collega Bergün a Preda, lo scorso marzo era invece scattato il divieto di mangiare e bere. Ma per motivi diversi: con la chiusura dei ristoranti (e quindi anche delle carrozze ristorante), molta gente usava i treni «come luoghi dove fare dei picnic» aveva spiegato una portavoce.

Una disposizione federale - Nel frattempo, in relazione all'attuale situazione sui treni, un portavoce FFS fa sapere dalle colonne di Watson che l'obbligo di mascherina è una disposizione federale. E prevede, quale eccezione, la possibilità di toglierla per mangiare e bere.  Un adeguamento dovrebbe essere adottato dalle autorità federali. Se una consumazione dura troppo, il personale non mancherebbe tuttavia di sollecitare il viaggiatore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
5 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
7 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
7 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
8 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
8 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
19 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
19 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
20 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile