Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
17.12.21 - 12:170
Aggiornamento : 13:35

«Chi la pensa diversamente viene spinto in un angolo»

Il consigliere federale Ueli Maurer lancia qualche stoccata alla gestione della crisi sanitaria del Governo.

«Decidiamo quante persone possono festeggiare il Natale insieme, ma non facciamo nulla sui posti letto in ospedale», osserva il ministro delle finanze.

BERNA - «Il pericolo più grande della crisi che viviamo è che la libertà di espressione è limitata». Sono parole forti, quelle pronunciate dal consigliere federale Ueli Maurer riguardo alla divisione sociale creatasi in Svizzera a causa della pandemia e delle restrizioni decise da Berna. «È molto pericoloso quando in una democrazia non ti è più permesso dire quello che pensi», ha dichiarato il ministro delle finanze ai microfoni della Weltwoche Daily.

Alta voce, bassa voce - «Quello che mi preoccupa», ha spiegato Maurer, «è che ci sono cose che non si possono più dire ad alta voce in questo Paese. Si viene subito spinti in un angolo. Questo succede a me come consigliere federale, e succede anche ad altre decine di migliaia di persone».

Rispetto per tutti - Maurer ha insistito poi sull’importanza di comprensione e tolleranza. La sua idea è che tutti meritano lo stesso rispetto, vaccinati o meno. Ed esprime il suo desiderio per il 2022: che la Svizzera sviluppi «una cultura aperta della discussione. E che ognuno possa esprimere quello che pensa». 

Fiducia esaurita - Per quanto ha potuto osservare, ha aggiunto il ministro delle finanze, «le persone non prendono più sul serio lo Stato. E questa è la cosa più pericolosa che ci possa capitare». 

Dei posti letto non si parla - Il consigliere federale lancia poi una frecciatina a Berna rispetto alle restrizioni proposte per gli incontri privati. Il Consiglio federale ha regolamentato tutto, tranne i letti ospedalieri, osserva Maurer. «Stabiliamo quante persone possono festeggiare il Natale insieme in famiglia, ma non facciamo nulla per i letti d'ospedale. Quando invece avremmo bisogno di una riserva per affrontare i picchi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
3 ore
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
4 ore
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
GRIGIONI
5 ore
Il flop della camminata del clima di oggi contro il WEF
Due anni fa erano 1'000 quest'anno una cinquantina scarsa, le motivazioni secondo chi l'ha organizzata
ARGOVIA
8 ore
Schianto fatale contro il portale della galleria
L'incidente è avvenuto la scorsa notte a Küttigen, nel canton Argovia
ZURIGO
20 ore
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
FOTO
ZURIGO
20 ore
Manifestazione non autorizzata, chiusi i ponti della città
Secondo quanto indicato dalla polizia, il corteo si è formato in relazione al Wef di Davos. Una donna in ospedale
SVIZZERA
1 gior
Verso un "calmiere" per i premi
Il Ps chiede un tetto del 10% del reddito familiare. La Commissione sanità del Nazionale propone un controprogetto
ZURIGO
1 gior
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
SVIZZERA
1 gior
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile