Immobili
Veicoli
Keystone
Alain Berset mentre dialoga con Lukas Engelberger.
SVIZZERA
13.12.21 - 10:450
Aggiornamento : 11:45

«Ora è fondamentale spingere sulla vaccinazione di richiamo»

Alain Berset ha incontrato i rappresentanti dei Cantoni per discutere i prossimi passi nella lotta al coronavirus.

«Le misure prese nelle scorse settimane non hanno avuto un grande effetto», è stato ammesso. Ma si vuole evitare un confinamento, anche parziale.

BERNA - «Le misure che abbiamo presentato potrebbero anche non essere sufficienti. Quelle prese nelle scorse settimane non hanno avuto un grande effetto», ha ammesso Alain Berset davanti ai media in occasione di una conferenza stampa indetta assieme al presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità Lukas Engelberger. Questo perché - il Consiglio federale ne è conscio - l'arrivo della variante Omicron solleva ancora più incognite di quante già non ce ne siano.

La vaccinazione di richiamo - Anche per questo motivo, se si vuole evitare di prendere provvedimenti più severi come un parziale confinamento, la somministrazione della dose di richiamo del vaccino anti-Covid è un elemento chiave: «Alcuni cantoni sono già a buon punto, il che è molto positivo», ha affermato Berset, precisando che già due milioni di persone hanno ricevuto la dose booster. «Stiamo cercando di ampliare la disponibilità», ha aggiunto Engelberger. Tuttavia, è sicuro che chiunque desideri una vaccinazione di richiamo la riceverà entro «un periodo di tempo ragionevole. Sei mesi dopo la seconda vaccinazione».
 
Non dimenticare le prime due - La prima e la seconda vaccinazione rimangono comunque importanti. «Il numero di dosi di vaccino somministrate deve essere aumentato. Al momento vengono inoculate 50'000 dosi al giorno. In estate erano il doppio. È importante raggiungere di nuovo questo obiettivo», è stato sottolineato.

Ospedali sotto pressione - Nel suo intervento, Lukas Engelberger ha dal canto suo ringraziato il Consiglio federale per la stretta e proficua collaborazione degli ultimi due anni. «L'elevato numero di casi è un pesante fardello per gli ospedali», ha tuttavia rilevato Engelberger. «L'attuale dinamica della variante delta è particolarmente stressante. Per questo motivo sono necessarie ulteriori misure e i Cantoni vedono un'urgente necessità di intervento». «Siamo limitati nelle nostre opzioni. Anche perché trovare personale adeguato è una sfida per i Cantoni», ha aggiunto Engelberger parlando della situazione nelle unità di terapia intensiva. Il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità si è poi rivolto alle persone vaccinate da sei mesi, invitandole a usufruire dell'offerta di vaccinazione di richiamo.

Federalismo e bambini - Dopo gli interventi di Berset e Engelberger, i giornalisti presenti hanno potuto porre alcune domande. Fra i temi toccati, quello del federalismo - «Non mi sembra che i Paesi a gestione centralizzata abbiano svolto un lavoro migliore. Penso che abbiamo fatto bene finora», ha detto Eneglberger - e quello della vaccinazione ai bambini: la dose che verrà somministrata agli under 12 sarà inferiore a quella riservata agli adulti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
19 min
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
2 ore
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
3 ore
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
GRIGIONI
5 ore
Il flop della camminata del clima di oggi contro il WEF
Due anni fa erano 1'000 quest'anno una cinquantina scarsa, le motivazioni secondo chi l'ha organizzata
ARGOVIA
7 ore
Schianto fatale contro il portale della galleria
L'incidente è avvenuto la scorsa notte a Küttigen, nel canton Argovia
ZURIGO
19 ore
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
FOTO
ZURIGO
19 ore
Manifestazione non autorizzata, chiusi i ponti della città
Secondo quanto indicato dalla polizia, il corteo si è formato in relazione al Wef di Davos. Una donna in ospedale
SVIZZERA
1 gior
Verso un "calmiere" per i premi
Il Ps chiede un tetto del 10% del reddito familiare. La Commissione sanità del Nazionale propone un controprogetto
ZURIGO
1 gior
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
SVIZZERA
1 gior
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile