Immobili
Veicoli
tipress
SVIZZERA
10.12.21 - 22:150

Contagi nelle scuole: «Troppe carenze»

L'economista Wolter critica i Cantoni e gli istituti. «La maggior parte delle infezioni sono tra adolescenti e bambini»

BERNA - La maggior parte di infezioni da coronavirus si verifica attualmente tra bambini e adolescenti. L'economista della formazione Stefan Wolter vede carenze da parte dei cantoni e delle scuole.

Lo scorso inverno, le misure di protezione come mantenere la distanza, la ventilazione dei locali e le mascherine hanno funzionato bene, ha detto Wolter in un'intervista pubblicata questa sera sul portale tagesanzeiger.ch. È difficile capire perché queste misure non siano state attuate di nuovo. "Sarebbe stato facile. Ma non si è voluto".

Il fatto che il Consiglio federale oggi abbia solo raccomandato di indossare mascherine nelle aule, è dovuto al fatto che sono i cantoni ad essere responsabili della scuola. Per intervenire, il Consiglio federale dovrebbe dichiarare una situazione straordinaria secondo la legge sulle epidemie - attualmente si applica la situazione particolare.

L'economista della formazione vede carenze da parte dei cantoni e delle scuole. "Nessuno impedisce alla direzione di una scuola di prendere le proprie misure. Molte di queste disposizioni non sono proibite, anche se alcuni genitori sono contrari all'obbligo di portare le mascherine.

Anche nell'ambito della vaccinazione ci sono state delle lacune dopo le vacanze estive. L'ambiente adulto nelle scuole avrebbe dovuto essere ben vaccinato, sottolinea Wolter. "Un alto tasso di vaccinazione tra gli adulti sarebbe stata la migliore protezione per i bambini".

La maggiore incidenza nei bambini si spiega con il fatto che hanno più contatti sociali degli adulti. "I bambini sono ora le vittime delle mancanze degli adulti", aggiunge.

Per Wolter, l'apprendimento a distanza o le mezze classi, "piuttosto che anticipare le vacanze", sarebbe stato un modo per limitare il contatto tra gli studenti. Attualmente, due cantoni hanno annunciato che anticiperanno l'inizio delle vacanze di Natale: Berna e Argovia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
32 min
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
4 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
5 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
7 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
8 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
9 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
9 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
19 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
20 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile