Immobili
Veicoli
20 Min/ Michael Scherrer
SVIZZERA
09.12.21 - 09:410
Aggiornamento : 11:30

Covid: gli adolescenti rappresentano un terzo dei nuovi contagi in Svizzera

Il trend è chiaro: un terzo dei nuovi contagi di coronavirus riguarda chi ha meno di 19 anni

Mentre in molti invocano nuove misure, altri non lo vedono come un problema

Fonte D. Krähenbühl / D. Graf / 20 Minuten
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

BERNA - Mai prima d'ora così tanti bambini e adolescenti sono stati infettati dal Covid-19 come in questo periodo: solo nella settimana dal 22 al 28 novembre, un nuovo contagio su tre ha colpito un minore di 19 anni.

Una tendenza che da allora si è persino intensificata, e che ha spinto molti genitori a chiedere a gran voce misure aggiuntive nelle scuole, con alcuni che invocano persino la chiusura degli istituti.

A livello nazionale, non c'è però un piano di protezione uniforme: in molti cantoni le mascherine non sono obbligatorie nelle scuole, nemmeno per gli insegnanti. I tamponi ripetuti non sono poi obbligatori ovunque, e alcune scuole che fanno i test sono rallentate dai laboratori di test sovraccarichi. Di conseguenza, gli alunni devono aspettare diversi giorni per il risultato di un test mentre continuano a frequentare normalmente la scuola.

Martedì, il vicepresidente della task force Covid Urs Karrer ha invitato i cantoni e le scuole a rivedere i concetti di protezione «inadeguati», esprimendo la propria apprensione per il fatto che i bambini possano portare le infezioni in famiglia durante le vacanze di Natale: «Questo è il motivo per cui gli adulti dovrebbero effettuare il booster il più rapidamente possibile».

Infezione nei bambini, una "strategia"?
Il gruppo "Kinder schützen - jetzt!" aveva già avvertito in autunno di un forte aumento del numero di infezioni tra i bambini e gli adolescenti. Lo ribadisce la presidente Edith Leibundgut: «I Cantoni non hanno però reagito, e ora devono assumersi la responsabilità del fatto che l'infezione è guidata dai bambini che si contagiano a scuola e poi infettano i loro genitori e nonni».

Il fatto che molte persone credano ancora all'«affermazione banalizzante» che il Covid sia relativamente mite nei bambini è «devastante», secondo Leibundgut. Non si vedono molti bambini negli ospedali, ma i casi di Long Covid rimangono sotto il radar: «I ricercatori svizzeri suppongono che con l'attuale strategia di screening dei cantoni, sono circa 50'000 i bambini che si ammalano di Long Covid, e per cosa?». Leibundgut chiede che ci si impegni di più per avere delle scuole senza Covid-19 e, con l'aumento del numero di contagi, di introdurre anche negli asili la mascherina obbligatoria e test ripetuti. 

L'economista specializzato in salute pubblica Stefan Felder, dell'Università di Basilea, vede le cose diversamente. «Bisogna concentrare gli sforzi su coloro che sono ad alto rischio. I genitori di bambini piccoli e di adolescenti non sono veramente minacciati. Si tratta soprattutto di proteggere gli over 60». Per Felder, le scuole non dovrebbero più effettuare i tamponi: «Per chi ha meno di 19 anni, il rischio di contrarre il Covid-19 in forma grave è davvero trascurabile».

«Incolpare i bambini in anticipo?»
Anche Philipp Jenny, presidente di Pediatria Svizzera (SSP), non è particolarmente preoccupato per le alte cifre d'infezione tra i bambini.

«Anche se molti bambini vengono infettati dalla variante Delta, non finiscono quasi mai in ospedale». Per Jenny, poi, i casi di Long Covid sono estremamente rari - e nella stragrande maggioranza dei casi risultano solo in sintomi lievi come la tosse o la perdita del gusto. L'esperto ammette però che i dati a riguardo sono ancora scarsi.

Jenny è poi critico nei confronti di misure più severe nelle scuole: «La pandemia non può essere sconfitta rendendo obbligatorie le mascherine nelle scuole». E non condivide le preoccupazioni relative al fatto che i bambini possano infettare i membri della famiglia durante il Natale. «Vedo le feste di Natale e Capodanno tra adulti (non protetti) come un problema più grande». Insomma, a Jenny sembra come se si volesse incolpare i bambini in anticipo per un eventuale aumento del numero di infezioni dopo le vacanze.

Quando arriva il vaccino per i bambini?
Le infezioni a scuola sono state un argomento trattato anche durante l'ultima conferenza stampa degli esperti della Confederazione, avvenuta martedì.

Un giornalista ha chiesto quando sarebbe stata approvata la vaccinazione per i minori di dodici anni, visto che diversi paesi vicini stanno già vaccinando i bambini dai cinque anni d'età, in seguito all'approvazione dell'Agenzia Europea dei Medicinali (Ema). Virginie Masserey dell'UFSP ha detto che le domande di autorizzazione delle società di produzione sono state presentate e che Swissmedic vuole prendere una decisione il più presto possibile. Non è però chiaro se la vaccinazione per i bambini sarà approvata già quest'anno.


UFSP

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio
Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.
SVIZZERA
10 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
16 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
16 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
20 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
20 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
20 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
21 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
22 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
1 gior
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile