Immobili
Veicoli
20min/Marco Zangger
SVIZZERA
04.12.21 - 08:050
Aggiornamento : 22:35

In Svizzera si entra solo col test PCR: le risposte ai principali dubbi

Da oggi è revocato l'obbligo di quarantena per chi arriva dai paesi a rischio. Ma scatta la strategia dei test

BERNA - L'obbligo di test negativo e di quarantena per chi arriva in Svizzera da un paese considerato a rischio cessa di esistere oggi: come annunciato ieri dal Consiglio federale, la misura introdotta d'urgenza per rallentare la diffusione della nuova variante Omicron è revocata.

Ma la Confederazione non se ne sta a guardare... e punta sui test. Ora tutti coloro che entrano (o rientrano) in Svizzera si devono infatti sottoporre a un test PCR prima dell'entrata nel nostro paese e a un secondo test (PCR o antigenico rapido) tra il quarto e il settimo giorno dopo l'arrivo. La disposizione vale anche per vaccinati e guariti. I costi dei test sono a carico dei viaggiatori.

Ecco le risposte ai principali dubbi.

Riceviamo visite dalla Spagna: quali regole vigono per entrare in Svizzera?
Chi entra in Svizzera deve osservare due regole: tutte le persone che arrivano nel nostro paese devono compilare il modulo di entrata (Swiss PLF), online o su carta, e presentare un test PCR negativo.

L'obbligo di test vale anche per chi arriva delle regioni di confine?
No, per i frontalieri e chi arriva dalle regioni di confine sono previste deroghe: non deve compilare il modulo di entrata né farsi testare. Le regioni di confine sono:

  • In Germania: Baden-Württemberg e Baviera.
  • In Francia: Grand Est, Borgogna-Franca Contea e Alvernia-Rodano-Alpi.
  • In Italia: Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia e Trentino-Alto Adige.
  • In Austria: Tirolo e Vorarlberg.
  • L'intero territorio del Liechtenstein.

Quale test è richiesto per entrare in Svizzera?
All’entrata in Svizzera deve essere presentato un test PCR negativo. Le persone devono in seguito sottoporsi a un secondo test tra il quarto e il settimo giorno dopo l’arrivo. I risultati di tutti i test devono essere comunicati al Cantone.

Per entrare in Svizzera ci vogliono quindi due test. Non è un po' eccessivo?
Sono necessari fino a dieci giorni per rilevare un’infezione. Pertanto, un secondo test deve essere effettuato da quattro a sette giorni dopo l’arrivo.

L’obbligo del test vale anche per i cittadini svizzeri che rientrano in Svizzera?
Sì, l’obbligo del test vige per tutte le persone a partire dai sedici anni che entrano in Svizzera.

Chi paga i test?
Le persone che entrano in Svizzera.

Chi controlla se ci si è davvero sottoposti al test?
Chi entra in Svizzera con l’aereo o un autobus può salire a bordo del mezzo di trasporto soltanto se dimostra di essersi sottoposto al test. Spetta alle compagnie aeree o alle imprese di trasporto controllare che la prescrizione sia rispettata. Devono pertanto informare i passeggeri che, prima di mettersi in viaggio verso la Svizzera, devono farsi testare per il SARS-CoV-2 e che sono autorizzati a salire a bordo dell’aereo o dell’autobus unicamente con un risultato negativo del test.
Per chi entra in Svizzera con un altro mezzo di trasporto sono previsti controlli a campione alla frontiera.

Dopo l’entrata in Svizzera, i Cantoni possono accertare se il test sia stato  effettivamente fatto sulla scorta del modulo di entrata che tutti i viaggiatori devono compilare. Tutti gli alberghi e i gestori di appartamenti di vacanza sono inoltre tenuti a controllare se gli ospiti possono presentare un test PCR negativo.

Cosa succede se prima dell’entrata in Svizzera non ci si sottopone al test?
Chi, all’entrata in Svizzera, non può presentare un test PCR negativo rischia una multa disciplinare di duecento franchi da parte delle autorità di controllo alla frontiera. La persona dovrà inoltre sottoporsi immediatamente al test dopo essere entrata nel paese e informarne il Cantone. Sulla scorta dei dati di contatto forniti dai viaggiatori, i Cantoni controllano se l’obbligo del test sia stato rispettato. Tutti gli alberghi e i gestori di appartamenti di vacanza sono tenuti a controllare se gli ospiti possono presentare un test PCR negativo. In caso contrario devono notificare al Cantone gli ospiti che non si sono sottoposti al test.

Vige un obbligo di quarantena per i viaggiatori in provenienza da determinati paesi?
No, tutti i paesi saranno rimossi dalla lista di quarantena a partire da sabato 4 dicembre 2021. Il test è obbligatorio per tutte le persone che entrano nel paese. Questo vale anche per le persone vaccinate e guarite.

Cosa devono fare le persone che, entrate in Svizzera, sono già in quarantena?
La Confederazione ha informato le autorità cantonali competenti che la quarantena può essere revocata per tutte le persone. Queste persone possono quindi essere liberate dalla quarantena. Tuttavia, sono soggetti al nuovo regime di test applicabile e devono essere testati da 4 a 7 giorni dopo il loro ritorno a loro spese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
1 ora
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
2 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
VAUD
3 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
ZURIGO
14 ore
«L'autista mi ha chiesto di fare sesso»
Uber nella bufera dopo lo sfogo su Instagram di un'utente molestata. Le testimoniante di altre quattro donne
SAN GALLO
15 ore
Si schianta in moto, muore 61enne
Incidente fatale questa sera a Eggersriet. La vittima è un cittadino italiano
VALLESE
16 ore
«Tra madre e figlio c'erano tensioni»
Tragedia familiare a Sierre. Il 14enne fermato sarebbe affetto da autismo
BASILEA
18 ore
Roche: tre kit diagnostici per il vaiolo delle scimmie
Sono disponibili nella maggior parte dei paesi e permettono d'identificare questi virus "d'importazione"
BASILEA CAMPAGNA
18 ore
Risolto il mistero del pollice mozzato
Il dito apparteneva a un operaio che se l'era reciso con una smerigliatrice.
BERNA 
20 ore
Berna vuole confiscare il ricco patrimonio di Yuriy Ivanyushchenko
I beni dell'oligarca ed ex parlamentare ucraino in Svizzera ammontano a oltre 100 milioni di franchi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile