Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
03.12.21 - 23:300
Aggiornamento : 04.12.21 - 11:07

Messi in quarantena per sbaglio

Viaggiatori che non provenivano da paesi a rischio hanno ricevuto un messaggio d'isolarsi ed evitare contatti

L'Ufficio federale della sanità pubblica non conosce la causa dell'errore.

BERNA - Molti viaggiatori che sono rientrati in Svizzera mercoledì hanno ricevuto un sms in cui li si invitava a mettersi in quarantena perché «arrivavano da un Paese con una variante del coronavirus preoccupante». Inoltre gli veniva pure detto che tra il 4° e il 7° giorno di permanenza in Svizzera avrebbe dovuto effettuare un test PCR. «Chi non si attiene a questa ordinanza - si leggeva sul messaggio - può essere multato fino a 10.000 franchi».

Come è ormai noto, lo scorso 30 novembre l'Ufficio federale della sanità pubblica (BAG) ha presentato una lista di paesi dove la variante Omicron è presente con notevole frequenza e ha obbligato i viaggiatori di rientro da questi paesi a seguire un periodo di quarantena. Peccato che il messaggio - stando a quanto riporta oggi la BernerZeitung - l’abbiano ricevuto anche viaggiatori che non erano mai stati nei paesi menzionati dalla lista. Ad esempio dall’Austria o dalla Germania. L’Austria tra l'altro ha pure un numero di contagi significativamente inferiore rispetto alla Svizzera. E poi si tratta di paesi confinanti, e per questi Stati non esiste un obbligo di vaccinazione, né regole più severe. Basta registrarsi online. Per la Germania ad esempio si può viaggiare testati, vaccinati o guariti senza alcuna quarantena o test PCR aggiuntivi.

Tuttavia, l'SMS con l'ordine di quarantena è stato inviato anche a persone provenienti da Paesi senza rischi elevati. Mercoledì mattina le linee telefoniche dell’Ufficio federale della sanità pubblica è stata presa d’assalto. I tempi di attesa per parlare con gli operatori superavano la mezzora. «Chi è riuscito a prendere la linea - scrive il giornale - ha ricevuto le scuse dell’UFSP, e le spiegazioni che c’era stato effettivamente un errore, di cui non si conosce la causa, e di non prendere in considerazione il messaggio».

Doppio test per chi viaggia

Nella sua seduta odierna il Consiglio federale ha modificato le disposizioni per l'entrata in Svizzera. Da domani saranno stralciati tutti i Paesi dall'elenco degli Stati e delle regioni per i quali vige l'obbligo della quarantena. Chi entra nel nostro Paese dovrà però sottoposti a un doppio test: uno PCR prima dell'arrivo in Svizzera e un secondo - PCR o antigenico rapido - tra il quarto e il settimo giorno dopo l'entrata. In questo modo si può identificare le persone che sono state contagiate poco prima o durante il viaggio. I costi del test sono a carico dei viaggiatori. Ai cittadini di Stati terzi non vaccinati che desiderano entrare nello spazio Schengen da Paesi o regioni considerati a rischio è vietata l'entrata in Svizzera per soggiorni temporanei senza attività lavorativa fino a 90 giorni in un periodo di 180 giorni, a eccezione di determinate deroghe (casi di rigore). Questo vale in particolare per il turismo e i soggiorni di visita. L’Ufficio federale della sanità pubblica ha confermato al giornale l’invio, mercoledì, di 3000 sms ma ha aggiunto che tali messaggi sono stati inviati solo a viaggiatori che provenivano da Stati presenti «nella lista dei paesi a rischio».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
31 min
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
1 ora
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
2 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
VAUD
3 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
ZURIGO
14 ore
«L'autista mi ha chiesto di fare sesso»
Uber nella bufera dopo lo sfogo su Instagram di un'utente molestata. Le testimoniante di altre quattro donne
SAN GALLO
15 ore
Si schianta in moto, muore 61enne
Incidente fatale questa sera a Eggersriet. La vittima è un cittadino italiano
VALLESE
16 ore
«Tra madre e figlio c'erano tensioni»
Tragedia familiare a Sierre. Il 14enne fermato sarebbe affetto da autismo
BASILEA
18 ore
Roche: tre kit diagnostici per il vaiolo delle scimmie
Sono disponibili nella maggior parte dei paesi e permettono d'identificare questi virus "d'importazione"
BASILEA CAMPAGNA
19 ore
Risolto il mistero del pollice mozzato
Il dito apparteneva a un operaio che se l'era reciso con una smerigliatrice.
BERNA 
21 ore
Berna vuole confiscare il ricco patrimonio di Yuriy Ivanyushchenko
I beni dell'oligarca ed ex parlamentare ucraino in Svizzera ammontano a oltre 100 milioni di franchi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile