Immobili
Veicoli
Ti Press
SVIZZERA
02.12.21 - 17:010
Aggiornamento : 20:06

«Intervenire subito, altrimenti bisognerà decidere chi curare e che no»

Il personale di cura lancia l'ennesimo allarme: le risorse sono scarse e i pazienti continuano ad aumentare.

Per questo chiedono alla politica d'intervenire subito con le misure di protezione, ma anche con bonus per chi lavora nei reparti.

BERNA - Il personale curante lancia l'allarme: popolazione e politici devono intervenire subito per bloccare la quinta ondata di coronavirus. Altrimenti i medici dovranno decidere chi curare e chi no, a causa dell'assenza di personale sufficiente.

Gli ospedali sono sempre più sovraccarichi, ha scritto oggi l'Associazione svizzera degli infermieri (ASI) in un comunicato. Alle urgenze e alle terapie intensive il personale è scarso, poiché molte persone hanno lasciato il settore o hanno diminuito la percentuale di lavoro.

Se la situazione dovesse aggravarsi ulteriormente, alcuni pazienti potrebbero ad esempio non trovare posto nei reparti di terapia intensa.

Bisogna intervenire subito, ha sottolineato l'ASI. Le persone devono incontrarsi il meno possibile, le regole di igiene devono essere rispettate e i test devono diventare di nuovo gratuiti. La terza dose dovrebbe poi essere incentivata e nelle scuole andrebbero applicati adeguati concetti di protezione.

Non bisogna poi dimenticarsi di tutelare il personale curante, ad esempio rispettando i tempi di riposo e vietando la fine anticipata di eventuali quarantene. Le circa 10'000 persone che hanno lasciato il lavoro dovrebbero inoltre essere incentivate a fare marcia indietro. Chi è rimasto va invece premiato con 1000 franchi al mese di bonus.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
5 ore
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
6 ore
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
7 ore
Con l'estate le restrizioni statali non serviranno più
L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale
ZURIGO
7 ore
La polizia interrompe un raduno di auto modificate
Sette appassionati sono stati denunciati: le loro vetture presentavano modifiche non autorizzate
BERNA
21 ore
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
22 ore
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
1 gior
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
ZURIGO
1 gior
18enne gravemente ferito da un 17enne
L'aggressore è stato arrestato a casa sua dagli agenti della polizia cantonale
SVIZZERA
1 gior
Long Covid: pendenti 1'800 richieste all'AI
Al momento non sono però noti casi in cui la rendita di invalidità è stata effettivamente concessa.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile