Immobili
Veicoli
20min/Simon Glauser
SVIZZERA
02.12.21 - 09:040
Aggiornamento : 09:56

«Le persone vaccinate saranno più limitate»

Le misure anti-Covid proposte da Berna toccano tutti. Secondo i politici, questo inciderà sul morale dei cittadini

Fonte 20 Minuten / Bettina Zanni e Nicolas Meister
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Con l'aumento dei nuovi contagi e dei ricoveri, e l'arrivo della nuova variante Omicron, anche la Svizzera corre ai ripari: martedì il Consiglio federale ha infatti posto in consultazione tutta una serie di nuovi provvedimenti anti-coronavirus. Tra questi si contano l'estensione del certificato Covid agli incontri familiari e tra amici, e l'obbligo di mascherina negli spazi interni dei luoghi pubblici, incluse le manifestazioni al chiuso a cui si accede col Covid Pass. Per il posto di lavoro viene proposto il telelavoro per i dipendenti non vaccinati. «Questa nuova ondata è per tutti noi uno shock» ha detto il presidente della Confederazione, Guy Parmelin.

Per molte persone vaccinate, le nuove misure proposte dalla Confederazione sono un boccone amaro difficile da digerire. Lo dice per esempio la consigliera nazionale Ruth Humber (Centro), secondo cui i vaccinati faranno fatica ad accettarle: «Saranno costretti a sottostare a maggiori restrizioni rispetto ai non vaccinati» afferma. Una situazione, questa, a cui si è giunti perché una parte della popolazione rifiuta di farsi vaccinare, chiedendo tuttavia cure migliori. «In sostanza, a causa di queste persone ora sono necessari provvedimenti globali».

Humber ritiene comunque che la regola delle 2G (quindi l'accesso ai luoghi pubblici soltanto per vaccinati e guariti) debba essere l'ultima ratio, soltanto se necessaria per evitare un lockdown. E aggiunge: «Non ci sarà mai un obbligo di vaccinazione per tutti, ma è pensabile un misura del genere per i residenti delle case per anziani».

«I vaccinati potrebbero sentirsi svantaggiati» - La deputata dei Verdi Katharina Prelicz-Huber comprende le preoccupazioni. «Le persone vaccinate dovranno tornare a indossare la mascherina sul posto di lavoro. E quindi potrebbero sentirsi svantaggiati rispetto ai non vaccinati». E l'estensione dell'obbligo di mascherina potrebbe generare incomprensioni anche in altri ambiti. «Spero comunque che ci sia un dibattito tranquillo». Anche Prelicz-Huber ritiene comunque che la regola delle 2G e un obbligo di vaccinazione sarebbero controproducenti.

Pure la consigliera nazionale UDC Therese Schläpfer si aspetta la delusione dei vaccinati per l'obbligo di mascherina. Secondo la deputata, una situazione del genere si sarebbe potuta evitare con una migliore comunicazione: «Il Consiglio federale avrebbe dovuto chiarire che, nonostante la vaccinazione, potrebbe essere comunque necessario rispettare nuovamente determinati provvedimenti». Ora i vaccinati si potrebbero domandare per quale motivo si siano vaccinati. «E quelli che non lo sono, ora di certo non vogliono essere vaccinati».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio
Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.
SVIZZERA
10 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
16 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
16 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
20 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
20 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
21 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
21 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
22 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
1 gior
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile