Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
28.11.21 - 09:260
Aggiornamento : 12:19

Più della metà degli svizzeri è a favore dell'obbligo di vaccinazione

Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.

Secondo un sondaggio la maggioranza della popolazione è d'accordo a un inasprimento delle regole nei loro confronti. Il 63% degli svizzeri vorrebbe ad esempio l'introduzione del 2G.

BERNA - Sale la pressione sulle persone non vaccinate contro il Covid-19: una chiara maggioranza della popolazione si dice favorevole a un inasprimento delle regole nei loro confronti. Lo rivela un sondaggio rappresentativo pubblicato oggi dal "SonntagsBlick".

Il 63% degli interrogati vorrebbe l'introduzione della regola 2G (vaccinato o guarito) come condizione per la partecipazione alla vita pubblica, il 53% vedrebbe di buon occhio un obbligo di vaccinazione. Ancor più chiaro è il sostegno all'obbligo d'immunizzazione per alcune categorie professionali: il 69% degli interpellati auspica che il personale di cura si debba far vaccinare.

Solo il 18% dei partecipanti al sondaggio appoggia invece un eventuale nuovo lockdown. La quota dei favorevoli sale al 47% se quest'ultimo riguardasse solo i non vaccinati.

La maggior parte degli intervistati vorrebbe quindi misure più severe. Ciononostante, esattamente la metà approva il fatto che la Confederazione voglia aspettare ancora prima di decidere un inasprimento.

Il 54% si dice invece scontento dell'operato dei Cantoni. Su questo aspetto si delinea chiaramente un Röstigraben: il giudizio è negativo per il 58% degli svizzerotedeschi e solo per il 40% dei romandi.

Dal sondaggio condotto dall'istituto Link presso 1002 persone emerge anche un divario tra regioni urbane e rurali: nelle città e negli agglomerati auspica un'azione più rigorosa del Consiglio federale il 52% degli interrogati, mentre in campagna il tasso scende al 43%.

Anche tra i sessi e le classi di età vi sono differenze: il 54% delle donne vorrebbe un inasprimento delle misure, a fronte del 46% degli uomini. L'obbligo di vaccinazione raccoglie il favore del 62% degli ultrasessantenni, mentre tra i minori di 30 anni solo del 48%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
11 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
11 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
15 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
16 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
16 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
16 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
17 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
19 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
1 gior
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile