Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
28.11.21 - 09:260
Aggiornamento : 12:19

Più della metà degli svizzeri è a favore dell'obbligo di vaccinazione

Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.

Secondo un sondaggio la maggioranza della popolazione è d'accordo a un inasprimento delle regole nei loro confronti. Il 63% degli svizzeri vorrebbe ad esempio l'introduzione del 2G.

BERNA - Sale la pressione sulle persone non vaccinate contro il Covid-19: una chiara maggioranza della popolazione si dice favorevole a un inasprimento delle regole nei loro confronti. Lo rivela un sondaggio rappresentativo pubblicato oggi dal "SonntagsBlick".

Il 63% degli interrogati vorrebbe l'introduzione della regola 2G (vaccinato o guarito) come condizione per la partecipazione alla vita pubblica, il 53% vedrebbe di buon occhio un obbligo di vaccinazione. Ancor più chiaro è il sostegno all'obbligo d'immunizzazione per alcune categorie professionali: il 69% degli interpellati auspica che il personale di cura si debba far vaccinare.

Solo il 18% dei partecipanti al sondaggio appoggia invece un eventuale nuovo lockdown. La quota dei favorevoli sale al 47% se quest'ultimo riguardasse solo i non vaccinati.

La maggior parte degli intervistati vorrebbe quindi misure più severe. Ciononostante, esattamente la metà approva il fatto che la Confederazione voglia aspettare ancora prima di decidere un inasprimento.

Il 54% si dice invece scontento dell'operato dei Cantoni. Su questo aspetto si delinea chiaramente un Röstigraben: il giudizio è negativo per il 58% degli svizzerotedeschi e solo per il 40% dei romandi.

Dal sondaggio condotto dall'istituto Link presso 1002 persone emerge anche un divario tra regioni urbane e rurali: nelle città e negli agglomerati auspica un'azione più rigorosa del Consiglio federale il 52% degli interrogati, mentre in campagna il tasso scende al 43%.

Anche tra i sessi e le classi di età vi sono differenze: il 54% delle donne vorrebbe un inasprimento delle misure, a fronte del 46% degli uomini. L'obbligo di vaccinazione raccoglie il favore del 62% degli ultrasessantenni, mentre tra i minori di 30 anni solo del 48%.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Omicron ha ribaltato la graduatoria fra i cantoni
Appenzello virtuoso, Ginevra un flop. I cantoni della Svizzera orientale ora sono i meno toccati dal coronavirus.
SVIZZERA
5 ore
«Relazioni stabili con l'Ue, ma nessun accordo quadro 2.0»
L'intervento del presidente Ignazio Cassis al raduno dell'UDC zurighese all'Albisgüetli.
BERNA
10 ore
Un "virus" che dalla Svizzera si è diffuso in Cina
Fino al 1. maggio al Museo Alpino Svizzero di Berna saranno esposte fotografie in netto contrasto fra loro.
GRIGIONI
11 ore
Il WEF avrà luogo a fine maggio
Gli organizzatori hanno confermato che l'evento, procrastinato a causa di Omicron, si terrà nella località grigionese.
SVIZZERA
13 ore
Campagna vaccinale: nuove raccomandazioni
Le autorità sanitarie hanno aggiornato le raccomandazioni nell'ambito della campagna vaccinale.
SVIZZERA
13 ore
Omicron non cede: i nuovi casi sono 37'992
Sono 138 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SAN GALLO
14 ore
Rubano un'auto, provocano un incidente e fuggono
Due dei tre presunti protagonisti dello scontro di Oberuzwil sono già stati arrestati dalla polizia.
SVIZZERA
16 ore
I Paesi dell'Africa australe fuori dalla lista nera
La SEM toglierà il blocco d'ingresso che era in vigore dal mese di novembre per contrastare la diffusione di Omicron.
GRIGIONI
16 ore
Ucciso un lupo, si avvicinava troppo all'uomo
Per le autorità grigionesi era "un pericolo potenziale per l'essere umano"
ZURIGO
18 ore
Una nuova variante può riportarci al punto di partenza?
Per l'epidemiologo Jürg Utzinger sono corrette le manovre del Consiglio federale decise da qui a marzo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile