Immobili
Veicoli
20Minuten/Matthias Spicher
SVIZZERA
23.11.21 - 23:590

«Ci hanno lasciate da sole con l'assassino di mia madre»

Lena, che oggi vive in Svizzera, racconta la sua storia: quella di un femminicidio.

Aveva 20 anni quando il padre ha strangolato la madre, cercando di farla passare come una caduta dalle scale.

BERNA - Venticinque. È questo il numero di femminicidi, da record, verificatisi quest’anno in Svizzera. Ma dietro queste cifre fredde ci sono storie e persone vere, che hanno sofferto l’indicibile. Persone come Lena*, una ragazza che 18 anni fa ha perso sua madre per mano di suo padre. Oggi vive in Svizzera e ha costruito una sua famiglia.

La storia è da brividi. Il padre di Lena ha cercato di soffocare la madre con un cuscino, poi l’ha colpita con un Buddha di cemento, l’ha spinta giù dalle scale per far sembrare il tutto un incidente e infine l’ha strangolata a mani nude. Lena aveva solo 20 anni e allora viveva con i genitori vicino a L’Aia, in Olanda.

Quella mattina la giovane, che era fuori casa, trova cinque chiamate perse dal suo capo. «Pensavo che fosse cambiato qualcosa nell'organizzazione della giornata lavorativa. Ho richiamato e mi ha detto che era successo qualcosa a mia madre». A quel punto, Lena chiama la sorella: «Ma mia mamma era già morta. Aveva 46 anni». 

Lena corre a casa e trova il padre, la sorella e la polizia. Tutto è già stato ripulito. La madre ha avuto una caduta infelice dalle scale, si dice. Ma l’atmosfera è strana, ricorda Lena. «La polizia ha sospettato fin dall'inizio che la morte della mamma non fosse stata un incidente. Ma non hanno detto niente, e se ne sono andati. Hanno lasciato me e mia sorella con nostro padre, l'assassino di nostra madre, per dieci giorni».

Due giorni dopo il funerale, la polizia arriva e arresta il padre. «L’autopsia parlava chiaro: segni di strangolamento, cranio fratturato, diverse costole e dita fracassate. Dopo tre o quattro notti di detenzione ha confessato», racconta Lena.

All'inizio c'era solo shock, rabbia e incomprensione, spiega. Poi, a distanza di un anno, è sopraggiunto il dolore e Lena si è rifugiata nel bere, abbandonando gli studi. E soffre ancora oggi di fasi depressive e problemi di fiducia. «Se tutto questo non fosse accaduto, oggi mi troverei in un’altra posizione, sia a livello professionale che finanziario. Tuttora non riesco a gestire di più che un’occupazione part-time».

Nonostante tutto, Lena non ha mai interrotto i contatti con suo padre. «Sono andata a trovarlo ancora e ancora. Prima in carcere, poi in regime di semilibertà. Volevo parlargli di quel giorno e capire, ma da lui non usciva mai molto. L'unica cosa che ha detto è: 'Non avevo più voglia di vedere tua madre, ma non volevo nemmeno divorziare'».

Lena lancia un appello: «Se ci sono segni di violenza in una famiglia che vi sta attorno, non guardate dall’altra parte, reagite. E se accade un femminicidio, non deludete i vostri cari. Io e mia sorella siamo state lasciate da sole».

Lena oggi vive in Svizzera, dove ha messo su famiglia. Di tanto in tanto fa vedere il figlio a suo padre, che è fuori custodia da otto anni, per non privarlo della figura di un nonno. «Mio padre mi disgusta. Non mi piace stargli vicino. Lo odio? Piuttosto, provo un'enorme quantità di stanchezza».

*nome reale cambiato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
14 ore
Perse le tracce di un rifugiato su tre
Nello svolgimento di un sondaggio tra le famiglie di accoglienza, il Canton Berna non è riuscito a trovare 338 persone
BERNA
15 ore
Sotto esame le email cancellate del ricatto di Berset
L'intento è quello di stabilire le circostanze che hanno portato all'eliminazione di alcuni messaggi
SVIZZERA
19 ore
Libero scambio di farmaci
Gli Stati Uniti e la Svizzera stanno lavorando a un'intesa sul settore dei medicamenti
SVIZZERA
20 ore
Dalla Russia con astuzia
Le Dogane segnalano 18 sospette violazioni delle sanzioni contro Mosca, ai confini elvetici
SVIZZERA
22 ore
Chi gonfia i prezzi con la scusa dell'inflazione?
Secondo Mister prezzi Stefan Meierhans e l'economista Sergio Rossi i "furbetti" non mancano
FOTO
SAN GALLO
23 ore
Auto pirata travolge due giovani
La vita di una 17enne è in pericolo, in gravi condizioni anche una 19enne
FOTO
LUCERNA
1 gior
È svizzero il brindisi più lungo del mondo
Più di 1'600 persone si sono riunite sulle rive della Reuss per alzare insieme i bicchieri, stabilendo così un record
GRIGIONI
1 gior
Incidente mortale sul Bernina
Tre motociclisti hanno perso la vita in uno scontro. Strada e ferrovia del trenino sono rimaste chiuse per tre ore
BERNA
1 gior
Schianto di un elicottero, stavano prelevando una mucca
Le due persone rimaste ferite nell'incidente sono due uomini di 49 e 26 anni. Un terzo pilota è invece rimasto illeso
SVIZZERA
1 gior
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile