Immobili
Veicoli
Depositphotos (pressmaster)
Solidar Suisse tuona contro il Black Friday: è «un'assurda orgia consumistica».
SVIZZERA
23.11.21 - 14:200
Aggiornamento : 16:58

Basta con i consumi sconsiderati e con «un'assurda orgia consumistica» chiamata Black Friday

«Le offerte a basso costo in Svizzera hanno gravi conseguenze nel mondo» tuona Solidar Suisse

BERNA - Basta con i consumi sconsiderati, facciamo a meno del Black Friday: è l'appello lanciato dall'associazione Solidar Suisse, che sta raccogliendo le firme per una petizione contro quella che considera «un'assurda orgia consumistica» che va a scapito del clima, dell'ambiente e di milioni di lavoratori.

L'invito - Nella petizione all'indirizzo di Christa Markwalder, consigliera nazionale (PLR/BE) e presidente dell'associazione svizzera dei commercianti al dettaglio, Solidar Suisse invita gli operatori a rinunciare alla giornata di sconti.

«Le offerte a basso costo in Svizzera hanno gravi conseguenze nel mondo», si legge nella missiva. «Siamo nel mezzo di una crisi climatica e ambientale. Le battaglie di sconti come il Black Friday invitano la gente a fare acquisti sproporzionati e imprudenti. E il sovraconsumo insensato porta ad ancora maggiori emissioni di CO2 e ancora più sfruttamento della natura».

Le conseguenze - Altrettanto dannose, agli occhi di Solidar Suisse (fino al 2011: Soccorso operaio svizzero), sono le conseguenze su milioni di lavoratori nei paesi dove si producono le merci. I dettaglianti svizzeri comprimono le tariffe, con la conseguenza che una sarta in Cambogia, pur lavorando fino a 90 ore alla settimana, non riesce con il suo salario a sfamare se stessa e la sua famiglia.

«Noi dei paesi ricchi indulgiamo in un consumo eccessivo, che si basa sullo sfruttamento dei popoli delle regioni povere del mondo. Noi vogliamo cambiare questo. Ecco perché ci appelliamo a voi: come associazione responsabile, a partire dal prossimo anno, astenetevi dall'antiquata battaglia degli sconti del Black Friday, perché ci danneggia tutti», si legge nel testo.

Fino a stamani la petizione era stata sottoscritta da 15'000 persone. La raccolta di firme è ancora in corso, per esempio alla stazione centrale di Zurigo. L'iniziativa è sostenuta da vari noti politici di sinistra (PS e Verdi) quali Tamara Funiciello, Fabian Molina, Mattea Meyer, Cédric Wermuth e Balthasar Glättli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
3 ore
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
6 ore
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
ZURIGO
7 ore
18enne gravemente ferito da un 17enne
L'aggressore è stato arrestato a casa sua dagli agenti della polizia cantonale
SVIZZERA
8 ore
Long Covid: pendenti 1'800 richieste all'AI
Al momento non sono però noti casi in cui la rendita di invalidità è stata effettivamente concessa.
FOTO
GINEVRA
8 ore
Rogo in una palazzina, due persone in pericolo di vita
L'incendio è scoppiato nel loro appartamento.
SVIZZERA
9 ore
La malattia di Newcastle è stata rilevata in Svizzera
Diverse galline ovaiole di un'azienda avicola zurighese sono state infettate da questa sindrome, altamente contagiosa
VALLESE
11 ore
Travolto da una valanga: la vita di un 72enne è in pericolo
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio nella regione del Col du Sanetsch
NIDVALDO
12 ore
In contromano per 12 chilometri sulla A2, seguendo il navigatore
La polizia ha fermato la conducente di un veicolo con targa italiana
SVIZZERA
12 ore
«Il periodo del certificato Covid sembra arrivare alla fine»
Le decisioni prese mercoledì potrebbero essere modificate, in caso di un'evoluzione positiva della situazione pandemica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile