Immobili
Veicoli
tipress
BERNA
19.11.21 - 15:150

Covid, in cure intense una persona su quattro è deceduta

Bilancio 2020: la maggiore quota di ospedalizzazioni è stata rilevata in Ticino, con 79 casi ogni 10'000 abitanti.

Nel complesso, le persone decedute in ospedale con o per covid-19 sono state 4551. La loro età media era di 80 anni

BERNA - Per la prima volta dal 2011, lo scorso anno il numero di persone ricoverate negli ospedali svizzeri è risultato in calo. La flessione è del 5,8%. Lo indica l'Ufficio federale di statistica (UST) precisando che per quel che concerne il covid-19, una persona su quattro ricoverata in cure intense è deceduta.

Più ospedalizzati in Ticino - I primi ricoveri legati al coronavirus sono stati registrati nel febbraio 2020. Alla fine dell'anno ne sono stati contabilizzati 36'244. La maggiore quota di ospedalizzazioni è stata registrata in Ticino, con 79 casi ogni 10'000 abitanti.

Mortalità elevata nelle cure intense - A livello Svizzero, il 13% dei ricoverati per covid - 4765 persone - sono finiti in un'unità di terapia intensiva. La mortalità per questi pazienti è stata del 26% (a titolo di confronto, la mortalità per le altre diagnosi è stata dell'8%). Nel complesso, le persone decedute in ospedale con o per covid-19 sono state 4551. La loro età media era di 80 anni.

Diminuiti i giorni di cura - Più in generale, la statistica ospedaliera dell'UST ha analizzato i dati di 142 ospedali di cure acute, 15 case per partorienti, 50 ospedali psichiatrici, 50 cliniche di riabilitazione e 19 altre cliniche specializzate. Rispetto al 2019, i giorni di cura sono diminuiti del 4,5% attestandosi a 11'094'844 giorni.

Negli ospedali che offrono cure centralizzate il calo dei giorni di cura è stato particolarmente marcato (-7,6%). Al contrario, nelle cliniche psichiatriche questi sono aumentati dell'1,3% e in quelle di riabilitazione dello 0,9%.

Nel settore ambulatoriale ospedaliero, per la prima volta dal 2015 si è registrato un calo delle consultazioni (–3,1%). Il numero di pazienti ha invece ampiamente superato quello dell'anno precedente (+5,3% a 4'459'987). Ciò è dovuto in parte "all'elevata quota di persone (3,4%) che hanno unicamente percepito prestazioni relative alla nuova tariffa della pandemia, nell'ambito di uno screening specifico al covid-19", spiega l'UST. Una larga parte - 42,5% - avevano tra i 20 e i 39 anni.

Le principali affezioni - Il morbo principale più frequente nei casi di ospedalizzazione con una diagnosi di covid era la polmonite, seguita da sepsi, febbre e tosse. Lo scorso anno si sono registrati 60'262 casi di polmonite, il 42% dei quali nel contesto del virus pandemico. Nel 2019 le polmoniti erano state circa 49'000 e dieci anni fa, nel 2011, 36'000. Se negli ultimi anni in media il 10% di questi pazienti sono deceduti in ospedale, la quota di quelli con una diagnosi di covid era del 15%.

Spese aumentate - Per quel che concerne le spese, nel 2020 i costi per le prestazioni stazionarie sono aumentati dell'1,7% a 19,4 miliardi di franchi. Quelli relativi alle cure ambulatoriali sono cresciuti del 3,1% a 8,7 miliardi. Dato che l'anno in rassegna è stato accompagnato da una diminuzione delle ospedalizzazioni, i costi per degenza sono saliti del 7,3%, raggiungendo quota 14'180 franchi.

Nel 2020 è cresciuto anche il personale ospedaliero: +3,5% a 228'800 persone, pari a 174'593 posti di lavoro a tempo pieno. Hanno registrato un incremento particolarmente forte il personale amministrativo (+5,5%) e quello del corpo medico (+4,6%). Aumenti meno importanti per il personale di cura (+3,4%), quello del servizio tecnico (+3,3%) quello del servizio sociale (+3,0%), quello medico-terapeutico (+3,0%) e quello medico-tecnico (+2,7%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
4 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
4 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
7 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
8 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
10 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
11 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
ARGOVIA
12 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
14 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
ZURIGO
23 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile