Immobili
Veicoli
20min/Celia Nogler
SVIZZERA
16.11.21 - 17:300

In futuro in Svizzera il clima sarà più secco e caldo

Una serie di scenari mostra come cambierà il clima nei prossimi trenta-settant'anni

BERNA - Entro la fine del secolo la Svizzera sarà confrontata con un clima più secco e caldo, con meno neve e un aumento delle forti piogge. È quanto emerge da una serie di scenari realizzati sotto l'egida del National Centre for Climate Services (NCCS). Le conseguenze del cambiamento si faranno però sentire in modo diverso a seconda dei cantoni e delle stagioni.

Gli scenari descrivono come può cambiare il clima in tutto il paese nei prossimi trenta-settant'anni, in funzione dei provvedimenti di protezione che verranno adottati, si legge in una nota odierna di MeteoSvizzera, che ha guidato la ricerca. Quelli riguardanti il Ticino «ci consentono di prepararci in modo ancora più mirato» spiega Roland David, presidente della Commissione cantonale pericoli naturali, citato nel comunicato.

La banca dati online è interattiva, e permette di scegliere i dati e le rappresentazioni grafiche in funzione degli scenari di emissione, degli intervalli temporali e dei parametri a cui si è interessati. Tutti i dati e le rappresentazioni grafiche possono essere scaricati gratuitamente.

Caldo e asciutto in estate - A lungo termine in estate i quantitativi medi di precipitazione diminuiranno in tutti i cantoni. A cambiare non saranno solo i quantitativi medi, ma anche la frequenza dei giorni di pioggia. I periodi estivi asciutti diventeranno più lunghi.

Le temperature massime aumenteranno in modo molto più marcato di quelle medie. Le giornate estive più torride saranno di 2-5,5 gradi più calde di quelle attuali. Le estati canicolari come quelle da primato degli anni 2003 e 2018 potranno quindi diventare la norma.

Le ondate di caldo diventeranno più frequenti ed estreme. Lo stress da caldo interesserà soprattutto le regioni urbane alle basse quote. Ad esempio nei cantoni di Zurigo, Ginevra e in Ticino, se non saranno adottati provvedimenti per proteggere il clima, attorno al 2060 alle quote più basse si potranno avere da 3 a 4 volte più giorni tropicali di oggi.

Piogge più forti - In futuro gli eventi con forti precipitazioni saranno probabilmente molto più frequenti e anche la loro intensità aumenterà notevolmente rispetto a oggi. Questo in tutte le stagioni, ma soprattutto in inverno. Senza provvedimenti per tutelare il clima, entro il 2060 in inverno ad Aadorf (TG) il quantitativo della precipitazione giornaliera più elevata potrà in media essere superiore del 7%. In altre regioni l'aumento potrà essere anche superiore, come ad esempio a Lugano (9%).

Inverno: meno neve e più pioggia - Attorno al 2050 anche gli inverni saranno nettamente più caldi di oggi. Avremo più precipitazioni, ma a causa delle temperature più elevate esse cadranno piuttosto sotto forma di pioggia che di neve. Nei Grigioni, ad esempio, il numero di giorni con neve fresca diminuirà sensibilmente a tutte le quote.

Se non verranno presi provvedimenti per proteggere il clima, attorno al 2060 a quote tra 1'600 e 2'000 metri, i giorni con neve fresca diminuiranno di circa venti unità. Con una protezione del clima tale riduzione sarà inferiore, in media quattordici giorni in meno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
2 ore
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
2 ore
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
3 ore
Con l'estate le restrizioni statali non serviranno più
L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale
ZURIGO
4 ore
La polizia interrompe un raduno di auto modificate
Sette appassionati sono stati denunciati: le loro vetture presentavano modifiche non autorizzate
BERNA
18 ore
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
19 ore
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
21 ore
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
ZURIGO
23 ore
18enne gravemente ferito da un 17enne
L'aggressore è stato arrestato a casa sua dagli agenti della polizia cantonale
SVIZZERA
23 ore
Long Covid: pendenti 1'800 richieste all'AI
Al momento non sono però noti casi in cui la rendita di invalidità è stata effettivamente concessa.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile