Immobili
Veicoli
20min/Celia Nogler
SVIZZERA
16.11.21 - 17:300

In futuro in Svizzera il clima sarà più secco e caldo

Una serie di scenari mostra come cambierà il clima nei prossimi trenta-settant'anni

BERNA - Entro la fine del secolo la Svizzera sarà confrontata con un clima più secco e caldo, con meno neve e un aumento delle forti piogge. È quanto emerge da una serie di scenari realizzati sotto l'egida del National Centre for Climate Services (NCCS). Le conseguenze del cambiamento si faranno però sentire in modo diverso a seconda dei cantoni e delle stagioni.

Gli scenari descrivono come può cambiare il clima in tutto il paese nei prossimi trenta-settant'anni, in funzione dei provvedimenti di protezione che verranno adottati, si legge in una nota odierna di MeteoSvizzera, che ha guidato la ricerca. Quelli riguardanti il Ticino «ci consentono di prepararci in modo ancora più mirato» spiega Roland David, presidente della Commissione cantonale pericoli naturali, citato nel comunicato.

La banca dati online è interattiva, e permette di scegliere i dati e le rappresentazioni grafiche in funzione degli scenari di emissione, degli intervalli temporali e dei parametri a cui si è interessati. Tutti i dati e le rappresentazioni grafiche possono essere scaricati gratuitamente.

Caldo e asciutto in estate - A lungo termine in estate i quantitativi medi di precipitazione diminuiranno in tutti i cantoni. A cambiare non saranno solo i quantitativi medi, ma anche la frequenza dei giorni di pioggia. I periodi estivi asciutti diventeranno più lunghi.

Le temperature massime aumenteranno in modo molto più marcato di quelle medie. Le giornate estive più torride saranno di 2-5,5 gradi più calde di quelle attuali. Le estati canicolari come quelle da primato degli anni 2003 e 2018 potranno quindi diventare la norma.

Le ondate di caldo diventeranno più frequenti ed estreme. Lo stress da caldo interesserà soprattutto le regioni urbane alle basse quote. Ad esempio nei cantoni di Zurigo, Ginevra e in Ticino, se non saranno adottati provvedimenti per proteggere il clima, attorno al 2060 alle quote più basse si potranno avere da 3 a 4 volte più giorni tropicali di oggi.

Piogge più forti - In futuro gli eventi con forti precipitazioni saranno probabilmente molto più frequenti e anche la loro intensità aumenterà notevolmente rispetto a oggi. Questo in tutte le stagioni, ma soprattutto in inverno. Senza provvedimenti per tutelare il clima, entro il 2060 in inverno ad Aadorf (TG) il quantitativo della precipitazione giornaliera più elevata potrà in media essere superiore del 7%. In altre regioni l'aumento potrà essere anche superiore, come ad esempio a Lugano (9%).

Inverno: meno neve e più pioggia - Attorno al 2050 anche gli inverni saranno nettamente più caldi di oggi. Avremo più precipitazioni, ma a causa delle temperature più elevate esse cadranno piuttosto sotto forma di pioggia che di neve. Nei Grigioni, ad esempio, il numero di giorni con neve fresca diminuirà sensibilmente a tutte le quote.

Se non verranno presi provvedimenti per proteggere il clima, attorno al 2060 a quote tra 1'600 e 2'000 metri, i giorni con neve fresca diminuiranno di circa venti unità. Con una protezione del clima tale riduzione sarà inferiore, in media quattordici giorni in meno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
18 min
Trovato morto un base jumper
Sono diverse le domande ancora senza risposta: era con qualcuno? Perché è precipitato?
VALLESE
2 ore
Alpinisti travolti dai ghiacci sul Grand Combin, ci sono vittime
Degli alpinisti sono stati sorpresi dalla caduta di seracchi questa mattina in Vallese
SVIZZERA
3 ore
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso dell'oligarca
Gennady Timchenko aveva sporto denuncia per il sequestro di conti bancari di cui è beneficiario
SVIZZERA
3 ore
No a una task force per bloccare i patrimoni russi
Secondo il Consiglio federale, l'attuale sistema funziona
SVIZZERA
6 ore
Ecco le firme contro l'acquisto degli F-35
L'alleanza "Stop F-35" fa sapere di aver raccolto le 100'000 sottoscrizioni necessarie per la sua iniziativa
SVIZZERA
16 ore
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
16 ore
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
FOTO
SOLETTA
22 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
22 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA
22 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile