Immobili
Veicoli
20 Minuti
Berna
12.11.21 - 13:170
Aggiornamento : 17:15

C'è una probabilità su due di poter entrare al bar senza CovidPass

Bar, ristoranti e palestre fanno pecca di controlli nei certificati. Un sondaggio mette in luce casi di Berna e Zurigo

Nonostante l'inadempienza, sono poche le strutture a essere state chiuse dalle autorità

BERNA - Uno spritz per favore, ma senza certificato. Un sondaggio ha rivelato come in molte strutture per il tempo libero il controllo dei certificati non è sempre ad hoc. E secondo un consigliere nazionale del Partito socialista questo è «estremamente problematico».

20Minuten ha interrogato i suoi lettori su quanto spesso viene richiesto loro di favorire il CovidPass all'entrata di un bar piuttosto che in una palestra. Risultato: il 46% delle persone intervistate è già stato ammesso in una struttura come un ristorante senza esibire il certificato. La misura è stata introdotta circa due mesi fa e prevede che per accedere nei luoghi al chiuso, i clienti si muniscano di un test rapido negativo o siano guariti da meno di sei mesi da un'infezione da Covid o, ancora, siano vaccinati. Ma non sempre questa regola viene rispettata.

Se a quasi il 50% delle persone è successo di non essere controllato o che sia avvenuto poco spesso, il 28% ha dichiarato che è successo anche meno di una volta a settimana. Ma la situazione sembra un fifty-fifty perché un buon 40% di aver dovuto mostrate il proprio CovidPass tutti i giorni o più volte durante la stessa settimana. Eppure solo il 35% percepisce i controlli come completi.

Cosa succede alle aziende furbette - Nel canton Berna la polizia ha effettuato 670 controlli dal 13 settembre a oggi. Di questi, 40 sono finiti in denunce. La maggioranza ha quindi aderito alle specifiche. Come spiegato dalla portavoce della polizia cantonale bernese Isabelle Wüthrich: «In alcuni casi, pochi, le autorità hanno chiuso le attività commerciali. La maggior parte delle volte i responsabili non avevano aderito alle norme per mancanza di conoscenza e le hanno implementate in seguito alla denuncia».

La polizia municipale di Zurigo ha invece effettuato 390 controlli e solo una decina di aziende è risultata fuori norma. Un altro sondaggio tra i membri di Gastrosuisse ha evidenziato che un'azienda su cinque ha ricevuto una visita da parte delle autorità e che solo il 5% di loro sono risultate inadempienti nel controllo dei certificati Covid e che solo in un caso è stato necessario chiudere una struttura.

Misure inutili se ignorate - Per il consigliere nazionale Mustafa Atici del Partito socialista, questi risultati sono «estremamente problematici. Il controllo sistemico dei certificati è l'essenza e la fine della pandemia. Ma le misure sono utili solo se vengono messe in atto». Inoltre il consigliere mette sul tavolo anche un consiglio: dovrebbero essere le associazioni a guardare da vicino le aziende.

Thomas de Courten, consigliere nazionale dell'Unione democratica di centro, afferma di essere «controllato a ogni passo. Tuttavia è comprensibile che dei responsabili non facciano dei controlli maniacali, nel caso in cui, ad esempio, i clienti siano abituali».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
4 ore
Un "virus" che dalla Svizzera si è diffuso in Cina
Fino al 1. maggio al Museo Alpino Svizzero di Berna saranno esposte fotografie in netto contrasto fra loro.
GRIGIONI
5 ore
Il WEF avrà luogo a fine maggio
Gli organizzatori hanno confermato che l'evento, procrastinato a causa di Omicron, si terrà nella località grigionese.
SVIZZERA
7 ore
Campagna vaccinale: nuove raccomandazioni
Le autorità sanitarie hanno aggiornato le raccomandazioni nell'ambito della campagna vaccinale.
SVIZZERA
7 ore
Omicron non cede: i nuovi casi sono 37'992
Sono 138 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SAN GALLO
7 ore
Rubano un'auto, provocano un incidente e fuggono
Due dei tre presunti protagonisti dello scontro di Oberuzwil sono già stati arrestati dalla polizia.
SVIZZERA
9 ore
I Paesi dell'Africa australe fuori dalla lista nera
La SEM toglierà il blocco d'ingresso che era in vigore dal mese di novembre per contrastare la diffusione di Omicron.
GRIGIONI
10 ore
Ucciso un lupo, si avvicinava troppo all'uomo
Per le autorità grigionesi era "un pericolo potenziale per l'essere umano"
ZURIGO
12 ore
Una nuova variante può riportarci al punto di partenza?
Per l'epidemiologo Jürg Utzinger sono corrette le manovre del Consiglio federale decise da qui a marzo.
SVIZZERA
12 ore
Tre giorni di lavoro, salario pieno: ecco come prepararsi a una crisi sanitaria
È quanto propone un consulente professionale lucernese. Ma è una soluzione «troppo costosa»
SVIZZERA
14 ore
Divieto di sperimentazione sugli animali? Si rafforza il fronte dei contrari
Resta alto il consenso per l'iniziativa contro la pubblicità per il tabacco, secondo il sondaggio di 20 minuti e Tamedia
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile