Immobili
Veicoli
keystone
BERNA / REGNO UNITO
10.11.21 - 08:050

Sommaruga: a Glasgow «posizioni ancora divergenti»

A tre giorni dalla fine della COP26, gli Stati stanno ancora mettendo i loro interessi davanti alle loro concessioni

Una delle questioni più controverse nei negoziati è il meccanismo di contabilizzazione delle compensazioni delle emissioni di gas serra.

GLASGOW - La consigliera federale Simonetta Sommaruga sta avendo intense consultazioni a Glasgow sui calendari comuni per il clima. «Le posizioni sono ancora divergenti», anche se c'è un'opzione più sostenuta, ha detto martedì sera.

Al suo arrivo a Glasgow nel primo pomeriggio di ieri, la capo del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) ha incontrato i suoi omologhi.

Sommaruga ha poi incontrato il presidente della COP26 Alok Sharma, che le ha dato il mandato, insieme alla sua omologa ruandese, di trovare un calendario reciprocamente accettabile per annunciare gli sforzi degli Stati in favore del clima.

La scelta della Svizzera non è stata «compresa in anticipo», ha detto in serata Sommaruga. La consigliera federale avrà nei prossimi giorni incontri «quotidiani» con il presidente Sharma e sta lavorando su questo tema da settimane. Due opzioni sono ora sul tavolo. Una è «più sostenuta», ha detto Sommaruga senza rivelare quale.

Secondo una bozza pubblicata online dall'ONU, la prima opzione richiederebbe agli Stati di annunciare nel 2025 i loro «contributi nazionali» fino alla fine del 2035, poi nel 2030 fino alla fine del 2040, e poi ogni cinque anni nello stesso modo.

La seconda opzione fornirebbe una maggiore flessibilità, che la Cina in particolare vorrebbe vedere. Nel 2025, i paesi potrebbero scegliere se annunciare i loro sforzi fino al 2035 o al 2040 e il 2030 fino alla fine del 2040 o alla fine del 2050.

Almeno simile all'accordo di Parigi - Più in generale, Sommaruga «spera» in un accordo positivo su tutte le questioni principali alla COP26. Ma a tre giorni dalla fine, gli Stati sono ancora nella fase di mettere i loro interessi davanti alle loro concessioni. «Non tutto è sul tavolo», ha detto la consigliera federale.

Per la Svizzera, la cosa più importante è non raggiungere una situazione peggiore dell'accordo di Parigi. Pur riconoscendo l'importanza di considerare i bisogni dei paesi in via di sviluppo, la consigliera federale aggiunge che è necessario chiedersi se l'Arabia Saudita o Singapore siano tra questi Stati.

Una delle questioni più controverse nei negoziati è il meccanismo di contabilizzazione delle compensazioni delle emissioni di gas serra. Un accordo sembra possibile, secondo la delegazione brasiliana. Giovedì, Sommaruga firmerà nuovi accordi bilaterali considerati pionieri in questo approccio.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 6 mesi fa su tio
Simonetta ovviamente
volabas56 6 mesi fa su tio
La Cornelia, nonchè Sommmmaruga, proporra' l'abbattimento di tutte le mucche svizzere, colpevoli dell' inquinamento mondiale, causato dalle loro scorregge.
Tato50 6 mesi fa su tio
@volabas56 Pare che adesso non gli danno sono fieno ma anche un'alga che smaltisce parte del "gas" che esce dal baule ;-))
seo56 6 mesi fa su tio
Ma cosa ci ca a fare la Svizzera… turismo??
loreen 6 mesi fa su tio
gli Stati mettono i loro interessi... semplice nessuno ha il coraggio di prendere una seria decisione che sarebbe pesante per tutti ma farebbe la differenza. Quando si era passati dal treno a vapore a quello elettrico ci sono stati pesanti cambiamenti e lo stesso accadrà oggi. Meglio milioni di posti di lavoro inutili persi che poi verranno recuperati nel futuro che proseguire così. Prima o poi qualcuno dovrà decidere. Possiamo anche andare avanti a vaccinarci ogni 3 mesi ma se non smettiamo di massacrare il pianeta, sia chiaro a tutti non ci sarà futuro per nessuno. Le generazioni passate hanno deturpato il pianeta e le nuove hanno il diritto di avere un mondo migliore e invece in nome del PIL in nome del vile denaro proseguiamo tutti come se nulla fosse accaduto e così ecco che per far girare l'economia così come la conosciamo via al vaccino per mandare a pascolare le capre di negozio in negozio per fare shopping compulsivo (ha davvero senso?). Parliamoci chiaro una volta per tutte un negozio di abbigliamento così come molti altri negozi fisici non hanno più motivo di esistere dato che le nuove generazioni non ne hanno bisogno dato che vivono nel web pertanto chiudiamo i vari centri commerciali e togliamo le utilitarie dalle strade e poi ne trarremo tutti beneficio con una notevole diminuzione del traffico ... ecco un ottimo cambiamento... padri e madri potranno finalmente dedicarsi ai loro figli che non hanno chiesto di venire al mondo per passare intere giornate all'asilo per permettere inutili carriere che non mi pare in Svizzera generino dei provetti Bill Gates o Steve Jobs o delle Amanpur
Tato50 6 mesi fa su tio
@loreen Sino a quando Cina- Russia e India continueranno imperterriti a fare i loro porci comodi, possono riunirsi anche una volta alla settimana che non cambia un accidenti ;-( Massì dai, chiudiamo tutto e sull'occuparsi della crescita dei figli una certa cerchia di genitori non possono cambiare stile di vita e portare a casa 20'000 franchi al mese in due. Tanto ai figli ci pensa la "tata" o l'asilo e poi la scuola ;-(( Fantascienza e se volete far figli occupatevene, altrimenti lasciateli dove sono !!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
STATI UNITI/CINA
1 ora
«Se Taiwan viene invasa interverremo militarmente»
Il presidente americano Biden ha lanciato un messaggio a Pechino. Che risponde per le rime
SAN GALLO
5 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
6 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
6 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
9 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
10 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
12 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
13 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
ARGOVIA
14 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
16 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile