Immobili
Veicoli
La regola delle 2 G anche in Svizzera? Cerny: «Meglio di un lockdown»
tipress
SVIZZERA
09.11.21 - 11:470
Aggiornamento : 19:20

La regola delle 2 G anche in Svizzera? Cerny: «Meglio di un lockdown»

Il virologo ticinese Cerny traccia un quadro preoccupante sulle prospettive epidemiologiche in Svizzera

L'intervista al Blick: «Pochi vaccinati, e i primi perderanno l'immunità nel corso dell'inverno». Si guarda al modello austriaco delle "2 G"

BERNA - Vaccinati o guariti. In tedesco si chiama la regola delle "2 G" - geimpft, genesen - e in Austria è realtà da ieri. Lunedì è entrato in vigore il decreto con cui il governo di Vienna vieta l'accesso ai locali pubblici (bar, ristoranti, musei) alle persone con test negativo. 

Una decisione drastica, a fronte di un aumento di contagi preoccupante (50mila settimana scorsa). E gli effetti non si sono fatti attendere. I centri vaccinali hanno registrato un boom di prenotazioni, 213mila austriaci sono stati vaccinati nei primi sette giorni di novembre. 

I numeri in Svizzera sono diversi, per ora, ma secondo l'infettivologo ticinese Andreas Cerny il nostro paese non è sulla buona strada. In un'intervista al Blick, il virologo della clinica Moncucco si è detto convinto che «i contagi continueranno a crescere». La Svizzera potrebbe presto trovarsi nella situazione dell'Austria e della Germania. 

«La proporzione di persone non vaccinate non sta diminuendo. Le misure in vigore nella scorsa primavera sono state allentate. Quindi assisteremo inevitabilmente a un aumento dei contagi» ha dichiarato Cerny. 

Per l'infettivologo la regola delle "2 G" non è lo strumento ideale, ma può rivelarsi utile. «Sicuramente è meglio di un altro lockdown». Al momento, sottolinea Cerny, «siamo di fronte a un'epidemia dei non vaccinati. Una limitazione del certificato Covid può essere uno stimolo per convincere queste persone a vaccinarsi». 

Un altro problema, aggiunge Cerny, sono le persone vaccinate per prime, la cui immunità si esaurirà nel corso dell'inverno. Secondo l'esperto occorrerebbe introdurre presto delle misure aggiuntive, come l'obbligo di mascherina nelle scuole, e il governo federale dovrebbe verificare la possibilità di somministrare il vaccino già a partire dai 5 anni. 

Molto dipenderà dai prossimi giorni. Se la Settimana nazionale della vaccinazione non dovesse sortire i risultati sperati, le pressioni sul Consiglio federale aumenteranno. «Ci si può attendere dei provvedimenti quando gli ospedali raggiungeranno di nuovo i limiti di capienza e le operazioni ordinarie dovranno essere di nuovo rinviate» avverte Jan Fehr, infettivologo dell'Università di Zurigo. Al momento meno del 15 per cento dei letti in terapia intensiva sono occupati da pazienti Covid. C'è ancora tempo, ma non va sprecato. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
10 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
11 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
12 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
FOTO
URI
13 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
BERNA
16 ore
Schiacciato da una balla di fieno, muore un 29enne
L'uomo è deceduto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate.
VALLESE
16 ore
La Rega vuole spiccare il volo anche in Vallese
Attualmente solo Air-Glaciers e Air Zermatt sono autorizzate a soccorrere con gli elicotteri.
SVIZZERA
19 ore
Eliminati 227 proiettili inesplosi
Resta alto il numero di segnalazioni. L'aumento sarebbe da ricondurre alla pandemia
SVIZZERA
20 ore
Il sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
FOTO
SVIZZERA
21 ore
Fulmini, vento e grandine a Nord delle Alpi
I forti temporali si sono abbattuti in particolare nell'Oberland bernese e sulla Svizzera centrale.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile