Immobili
Veicoli
Depositphotos (foto d'archivio)
SVIZZERA
05.11.21 - 10:210
Aggiornamento : 10:47

Anche la placenta umana è un bersaglio del coronavirus

Lo ha determinato uno studio condotto "a quattro mani" da ricercatori dell'IVI di Berna e del CHUV di Losanna.

Marco Alves, capogruppo e immunologo dell'IVI: «Migliaia di particelle virali infettive possono essere generate rapidamente nella placenta».

BERNA / LOSANNA - La placenta umana è un bersaglio del virus SARS-CoV-2. Il patogeno può infettare le sue cellule e proliferare in esse, andando in seguito a contaminare anche le cellule placentari vicine. Lo ha scoperto un team di ricerca guidato dal dottor Marco Alves dell'Istituto di virologia e di immunologia IVI di Berna e dal professor David Baud, capo del Dipartimento di ostetricia del CHUV. I risultati della loro ricerca sono stati ora pubblicati sulla rivista scientifica Call Reports Medicine.

«Questo è un importante passo in avanti nella nostra comprensione della COVID-19 durante la gravidanza», spiega - citato in un comunicato - Marco Alves, capogruppo e immunologo all’IVI. «Migliaia di particelle virali infettive possono essere generate rapidamente nella placenta. Inoltre, abbiamo osservato che l’espressione del recettore del SARS-CoV-2 nella placenta è molto variabile e specifica per ogni gravidanza, il che potrebbe spiegare perché il virus a volte passa al feto».

A parità di età, nelle donne incinte il rischio di essere contagiate dal coronavirus aumenta del 70% rispetto alla popolazione generale. E in caso di contagio «il rischio di un’evoluzione grave, ovvero di essere ricoverate in terapia intensiva, è del 5–10 %», precisa David Baud. E con questo aumentano di 2 o 3 volte anche il rischio di un parto prematuro e quello di morte fetale (endouterina). Per questo motivo, le donne in gravidanza e i loro feti sono da considerarsi particolarmente vulnerabili al virus.

Ad oggi, diverse centinaia di migliaia di donne incinte sono già state vaccinate con un vaccino a RNA messaggero, senza alcun aumento del rischio per la madre e il bambino. Questo perché l’RNA messaggero non passa al feto, mentre gli anticorpi sviluppati dalla madre attraversano la barriera placentare e proteggono quindi il bambino. «Il fatto che il virus possa infettare e proliferare nella placenta dimostra la necessità di essere vaccinati», spiegano i due ricercatori. È opportuno ricordare che questa vaccinazione è ora raccomandata a tutte le donne incinte in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
5 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
8 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
10 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
12 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
12 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
15 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
17 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
18 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
19 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile