tipress
SVIZZERA
27.10.21 - 10:350

Gli infermieri non vogliono cambiare mestiere

Ma chiedono delle condizioni di lavoro migliori. Lo dice uno studio

BERNA - Il novanta per cento del personale infermieristico vuole rimanere nella professione. La maggioranza si aspetta tuttavia dei miglioramenti nei turni e nei salari. Lo dice uno studio a lungo termine dell'Alta scuola di scienze applicate di Zurigo (ZHAW).

L'inchiesta tiene conto di 600 persone diplomate in ambito sanitario che da sei anni partecipano al relativo sondaggio. In questo periodo, il 5% dei partecipanti è passato a un'altra professione; un altro 5% ha smesso di lavorare, per lo più per motivi familiari.

Fra i rimanenti, nove su dieci potrebbero immaginare di rimanere nella professione per altri dieci anni. «Ma la maggior parte di loro presuppone migliori condizioni», afferma René Schaffert, responsabile dello studio presso il dipartimento sanità della ZHAW.

Lo studio ha evidenziato in particolare una grande discrepanza tra aspettative e realtà. In termini di aspettative, la maggioranza degli intervistati mette in cima alla lista delle priorità il tempo per la vita privata e la compatibilità tra lavoro e famiglia. Nella realtà, questi due fattori sono tuttavia scesi all'undicesimo e al decimo posto.

Salari equi - Il salario figura al sesto posto in fatto di aspettative, mentre nella realtà questo fattore arriva al dodicesimo e ultimo posto. "Un buon salario non è la priorità per il personale sanitario. Ma queste persone sentono di essere sottopagate per quello che fanno", dice il responsabile dello studio.

Solo il desiderio di fare qualcosa di significativo - fattore che figura al terzo posto tra le aspettative - risulta soddisfatto in base alla valutazione degli intervistati. Al contrario, il desiderio di lavorare in modo indipendente ha guadagnato importanza nella vita lavorativa di tutti i giorni.

Cosa ci vorrebbe? - Ma quali sono le condizioni per rimanere a lungo termine nella professione? Quasi il 90% degli intervistati cita in proposito uno stipendio migliore. Il 57% si aspetta un maggiore sostegno da parte dei propri dirigenti. "Questo indica un bisogno pronunciato di un maggiore apprezzamento da parte delle aziende e della società", afferma Schaffert.

Quasi i tre quarti degli intervistati auspicano inoltre una migliore conciliabilità tra lavoro e vita privata. Un altro 62% vorrebbe meno pressione sul lavoro.

Nell'ultimo sondaggio (realizzato nel 2018/19), il 55% de personale sanitario ha dichiarato di sentirsi spesso stanco e teso durante il lavoro a causa dello stress professionale. Per questo motivo il 54% si sente notevolmente limitato nelle attività della vita privata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Una nuova infezione su tre colpisce adolescenti e bambini
Il trend è chiaro: un terzo dei nuovi contagi di coronavirus riguarda chi ha meno di 19 anni
SVIZZERA
1 ora
I piloti “a rischio” potranno essere segnalati
Il Consiglio nazionale si allinea alla decisione presa dagli Stati
SVIZZERA
4 ore
Lo sciopero della fame prosegue, ma la situazione non si sblocca
Guillermo Fernandez si trova da settimane (senza mangiare) davanti a Palazzo federale.
BERNA
11 ore
Keller-Sutter: «Il 2G è il prossimo possibile passo»
Un obbligo vaccinale, anche solo per determinate categorie, non viene invece preso in considerazione.
SVIZZERA
12 ore
Cosa abbiamo chiesto a Google nel 2021?
Il colosso del Web ha pubblicato le classifiche dei termini più ricercati dell'anno in Svizzera.
GINEVRA
14 ore
Il cane poliziotto salva un anziano nel bosco
L'uomo è stato rinvenuto in stato di ipotermia, ma cosciente.
ZURIGO 
15 ore
Il Presidente di Credit Suisse ha violato l'obbligo di quarantena
Doveva restare a casa, invece è volato con un jet privato nella penisola iberica.
BERNA
16 ore
Morto per aver usato il telefonino durante il volo
Il SISI ha chiarito le circostanze che hanno portato allo schianto un esperto pilota di alianti, nel 2016.
SVIZZERA
16 ore
Morto l'ex presidente di Novartis e UBS Alex Krauer
Era stato pure uno degli artefici della fusione tra Ciba-Geigy e Sandoz.
SVIZZERA
18 ore
Il ministro meno amato? «Preferisco restare fedele alle mie idee»
Dopo il discorso tenuto per l'elezione alla presidenza della Confederazione, Cassis ha incontrato i media.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile