Immobili
Veicoli
Una foto di Ouali diffusa dalla polizia francese
BASILEA
26.10.21 - 19:420
Aggiornamento : 21:26

Il controllore omicida è al sicuro a Hong Kong

Karim Ouali ha fatto perdere le sue tracce nel 2011. Ora la Cina non vuole estradarlo

BASILEA - Tra i due paesi litiganti, il latitante gode. Una panne diplomatica tra Francia e Cina sembra stia avvantaggiando Karim Ouali, il 45enne francese che nel 2011 uccise un controllore di volo nell'aeroporto di Basilea-Mulhouse. 

Ouali, 34 anni all'epoca dei fatti, è stato rintracciato ad Hong Kong da almeno due anni. Secondo le autorità francesi il latitante si troverebbe già da dieci anni nell'ex colonia britannica, dove sarebbe fuggito subito dopo l'omicidio. 

La notizia del fatto di sangue - e della fuga - fece scalpore all'epoca in Svizzera e all'estero. Alle 7.55 del 27 aprile 2011 Ouali, controllore di volo, colpì il collega Jean Meyer con una decina di coltellate all'undicesimo piano della torre di controllo di Mulhouse. Il killer aveva aspettato la vittima all'ingresso di un ascensore, in un'area non coperta dalle telecamere di sorveglianza. 

Ouali era in congedo per malattia: soffriva di paranoie, era convinto di essere vittima di una cospirazione sul lavoro. L'allora 34enne aveva mandato lettere minatorie a 36 colleghi. Ma nonostante i segni di squilibrio, l'omicidio e la fuga secondo gli inquirenti furono progettati con cura. 

La Procura di Mulhouse - riferiscono i media francesi - è riuscita a scovare il 45enne tramite un sito web per appuntamenti erotici. Ma si è vista rispondere "picche" alla domanda di estradizione del criminale. Le autorità cinesi si sarebbero opposte, a seguito del fallimento di un negoziato sugli accordi di collaborazione giudiziaria tra i due paesi. La vedova della vittima, intanto, ha scritto una lettera ad Emmanuel Macron chiedendo un intervento dell'Eliseo e la condanna di Ouali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ARGOVIA
2 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
4 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
SOLETTA
12 ore
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
SVIZZERA/FRANCIA
17 ore
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
ZURIGO
19 ore
Processo Vincenz: chiesti 6 anni
Secondo la procura l'ex direttore di Raffeisen ha causato danni finanziari anche fatali per la società Aduno
SVIZZERA
19 ore
Condanna in appello per Illi e Blancho
Al primo sono stati inflitti 16 mesi per dei video di propaganda islamica. Il secondo dovrà pagare una multa.
BERNA
20 ore
Aumento dei premi in vista secondo Santésuisse
Ciò a causa della crescita delle spese, specie nel settore ambulatoriale medico e ospedaliero
SVIZZERA
20 ore
Demolito il record di ieri: oggi quasi 45mila casi in Svizzera
Si tratta di un nuovo picco assoluto dall'inizio della crisi sanitaria.
SAN GALLO
23 ore
Vendevano migliaia di Covid Pass illegali, arrestati
I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.
VALLESE
1 gior
Il Vallese toglie l'obbligo di mascherina a scuola
Si parte dalle elementari, seguiranno gli studenti delle medie. Altri annunci sono attesi «nelle prossime ore o giorni»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile