20min/Michael Scherrer
SVIZZERA
24.10.21 - 11:570
Aggiornamento : 12:55

Terza dose? «Swissmedic non è lenta»

L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin

Nel frattempo in Svizzera il richiamo è comunque stato somministrato a 7'700 persone con sistema immunitario indebolito

BERNA - Il direttore dell'Istituto per gli agenti terapeutici Swissmedic ha respinto l'accusa di eccessiva lentezza per l'approvazione della terza dose di vaccino contro il Covid-19. Dipendiamo dalle aziende farmaceutiche, ha detto Raimund Bruhin alla NZZ am Sonntag.

«Swissmedic è tutt'altro che lenta» ha sottolineato Bruhin nell'intervista pubblicata oggi. Sono i produttori di vaccini che decidono quando e dove presentare le domande. L'agenzia europea dei medicinali EMA e la sua controparte americana, per esempio, hanno ricevuto le richieste prima della Svizzera.

Secondo Bruhin, a Swissmedic le domande di autorizzazione di Pfizer e Moderna sono giunte a metà settembre. I dati richiesti vengono presentati in pacchetti scaglionati. Nel frattempo, la valutazione è «ben avanzata».

No all'intervento politico - Nell'intervista, il direttore di Swissmedic si è detto contrario alla presa in conto di criteri politici per l'autorizzazione dei vaccini, come è avvenuto per esempio in Israele. Chi procede in questo modo si assume l'intero rischio sanitario e la responsabilità legale.

Affidarsi al giudizio delle autorità straniere sulle vaccinazioni è fuori questione, ha continuato Bruhin. La responsabilità rimane di Swissmedic. Inoltre, è importante avere la fiducia della popolazione, soprattutto perché la Svizzera non è uno dei paesi più favorevoli ai vaccini.

Finora, le autorità elvetiche raccomandano la vaccinazione di richiamo solo alle persone il cui sistema immunitario è indebolito, ad esempio chi ha subito un trapianto. Ad oggi 7'700 terze dosi del vaccino sono state somministrate in Svizzera.

Voci critiche - Gli esperti degli ospedali e delle case di riposo avevano chiesto la scorsa settimana di accelerare i tempi. Per le persone dai 70 anni in su, il beneficio della vaccinazione di richiamo è del tutto indiscusso, ha detto ieri alla Neue Zürcher Zeitung l'infettivologo Huldrych Günthard dell'ospedale universitario di Zurigo.

Il ministro della salute Alain Berset si è dichiarato favorevole alla terza dose per un gruppo limitato di persone. L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) comunque ritiene fuori luogo una vaccinazione di richiamo generalizzata. Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell'UFSP, ha puntualizzato che ci sono attualmente «poche prove sui benefici della vaccinazione di richiamo per tutti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
7 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
7 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
9 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
12 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
12 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
12 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
12 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
14 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
15 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile