Facebook
VALLESE
21.10.21 - 19:440
Aggiornamento : 22.10.21 - 06:27

La famiglia arcobaleno che non ha diritto al ticket per famiglie

L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese

FIESCH - «I ticket per famiglie sono destinati soltanto alle famiglie tradizionali, quindi famiglie con una madre e un padre». Questo è quanto è stato detto, martedì, a una famiglia arcobaleno proveniente dai Paesi Bassi che intendeva trascorrere la giornata sulle montagne vallesane. Lo racconta su Facebook Benjamin S.* che con suo marito e le due figlie si era presentato alla cassa degli impianti dell'Aletsch Arena per recarsi sull'Heggishorn.

La donna allo sportello non aveva però nessuna intenzione di vendere loro il biglietto per famiglie. «Non mi era mai stato detto in modo così diretto che la mia famiglie fosse inferiore soltanto perché siamo due uomini» scrive il 44enne. «Le nostre figlie erano in lacrime. Io ero e sono molto arrabbiato». La vicenda si è poi risolta per il meglio grazie all'intervento di altri visitatori che si trovavano in fila alla cassa e a diverse chiamate al responsabile dell'impianto. «Il tutto è durato oltre mezz'ora». La famiglia ha poi ricevuto il biglietto.

Fatto sta che la coppia si è sentita discriminata. «Fortunatamente mi è capitato raramente di vivere una situazione discriminatoria del genere» spiega a 20 Minuten. L'esperienza vissuta all'impianto di risalita dell'Aletsch Arena lo ha profondamente deluso: è la dimostrazione che la strada verso l'inclusione è ancora lunga, nonostante i cittadini svizzeri abbiano detto “sì” al Matrimonio per tutti. «Purtroppo a volte si torna indietro».

Dalle colonne della Walliser Bote, che ha riferito per prima della vicenda avvenuta alla famiglia proveniente dai Paesi Bassi, si è espressa anche Alessandra Zenklusen, co-presidente dell'associazione Queer Wallis: «Sono senza parole e profondamente rattristata». Zenklusen ritiene che l'atteggiamento della dipendente sia inaccettabile: «È discriminatorio che una famiglia venga respinta, soltanto perché non corrisponde al proprio concetto di famiglia tradizionale».

Le scuse del CEO - Nel frattempo a Benjamin S. e alla sua famiglia sono giunte le scuse delle Aletsch Bahnen: «Siamo profondamente dispiaciuti per quanto accaduto» ha scritto il CEO Valentin König in un post pubblicato sui social media. Tutti gli ospiti sono i benvenuti, «anche le famiglie arcobaleno, naturalmente». König ha anche contattato telefonicamente il 44enne. «Ha chiaramente preso le distanze da quanto successo, mi è sembrato autentico. Pe me la faccenda ora è chiusa» afferma Benjamin S.

*Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Friborgo
7 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
9 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
11 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
11 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
11 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
12 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
13 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
14 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
14 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
15 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile