Immobili
Veicoli
Facebook
VALLESE
21.10.21 - 19:440
Aggiornamento : 22.10.21 - 06:27

La famiglia arcobaleno che non ha diritto al ticket per famiglie

L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese

FIESCH - «I ticket per famiglie sono destinati soltanto alle famiglie tradizionali, quindi famiglie con una madre e un padre». Questo è quanto è stato detto, martedì, a una famiglia arcobaleno proveniente dai Paesi Bassi che intendeva trascorrere la giornata sulle montagne vallesane. Lo racconta su Facebook Benjamin S.* che con suo marito e le due figlie si era presentato alla cassa degli impianti dell'Aletsch Arena per recarsi sull'Heggishorn.

La donna allo sportello non aveva però nessuna intenzione di vendere loro il biglietto per famiglie. «Non mi era mai stato detto in modo così diretto che la mia famiglie fosse inferiore soltanto perché siamo due uomini» scrive il 44enne. «Le nostre figlie erano in lacrime. Io ero e sono molto arrabbiato». La vicenda si è poi risolta per il meglio grazie all'intervento di altri visitatori che si trovavano in fila alla cassa e a diverse chiamate al responsabile dell'impianto. «Il tutto è durato oltre mezz'ora». La famiglia ha poi ricevuto il biglietto.

Fatto sta che la coppia si è sentita discriminata. «Fortunatamente mi è capitato raramente di vivere una situazione discriminatoria del genere» spiega a 20 Minuten. L'esperienza vissuta all'impianto di risalita dell'Aletsch Arena lo ha profondamente deluso: è la dimostrazione che la strada verso l'inclusione è ancora lunga, nonostante i cittadini svizzeri abbiano detto “sì” al Matrimonio per tutti. «Purtroppo a volte si torna indietro».

Dalle colonne della Walliser Bote, che ha riferito per prima della vicenda avvenuta alla famiglia proveniente dai Paesi Bassi, si è espressa anche Alessandra Zenklusen, co-presidente dell'associazione Queer Wallis: «Sono senza parole e profondamente rattristata». Zenklusen ritiene che l'atteggiamento della dipendente sia inaccettabile: «È discriminatorio che una famiglia venga respinta, soltanto perché non corrisponde al proprio concetto di famiglia tradizionale».

Le scuse del CEO - Nel frattempo a Benjamin S. e alla sua famiglia sono giunte le scuse delle Aletsch Bahnen: «Siamo profondamente dispiaciuti per quanto accaduto» ha scritto il CEO Valentin König in un post pubblicato sui social media. Tutti gli ospiti sono i benvenuti, «anche le famiglie arcobaleno, naturalmente». König ha anche contattato telefonicamente il 44enne. «Ha chiaramente preso le distanze da quanto successo, mi è sembrato autentico. Pe me la faccenda ora è chiusa» afferma Benjamin S.

*Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO / QATAR
2 ore
Il boss della FIFA ora vive in Qatar
In attesa dei Mondiali, in novembre, Gianni Infantino si è trasferito nell'emirato da ottobre.
SVIZZERA
3 ore
Quando al rifiuto dell'imbarco segue la violenza
Nel 2021 si sono moltiplicati gli episodi di passeggeri in escandescenza, anche all'aeroporto di Zurigo
SONDAGGIO
SVIZZERA
5 ore
Lavorare quattro giorni alla settimana con lo stesso stipendio
È così in alcune grandi aziende internazionali. Ma alcune piccole imprese elvetiche stanno sperimentando il modello
VAUD
7 ore
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
10 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
SVIZZERA
12 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
BERNA / SVEZIA
13 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
16 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
1 gior
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
SVIZZERA
1 gior
«Dose booster? I più giovani preferiscono ammalarsi»
La popolazione non a rischio mostra reticenza rispetto alla vaccinazione di richiamo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile