Immobili
Veicoli
Depositphotos
SVIZZERA
20.10.21 - 12:300

Boom dello shopping online, ma per i generi alimentari «mancano informazioni su allergeni e ingredienti»

L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni

BERNA - I chimici cantonali lanciano l'allarme sugli alimenti venduti online. Sono stati controllati più di 300 negozi virtuali e nel 78% dei casi, le informazioni sugli allergeni o sugli ingredienti erano assenti o incomplete.

L'incremento dello shopping online, in corso da diversi anni, è diventato un vero e proprio boom con la pandemia e vale anche per gli alimenti, sottolinea l'Associazione svizzera dei chimici cantonali in un comunicato.

A differenza di quanto accade nel negozio, informazioni come il paese di produzione o gli ingredienti non possono essere semplicemente consultati sull'etichetta. La legge sulle derrate alimentari prevede però che le stesse informazioni siano disponibili online.

Allergeni e ingredienti - I chimici cantonali hanno controllato 323 negozi online di farmacie, panetterie, società di vendita per corrispondenza e rivenditori di generi alimentari. In circa il 78% dei casi, le informazioni erano insufficienti o totalmente assenti. Sono state trovate frequenti lacune nell'indicazione degli allergeni e nella lista degli ingredienti.

L'Ufficio federale della sicurezza alimentare (USAV) richiama l'attenzione soprattutto sui prodotti designati come "integratori alimentari", che spesso contengono ingredienti non autorizzati e possono anche risultare dannosi per la salute. Il cibo non è una medicina, ci ricorda l'USAV sul suo sito web: gli integratori alimentari non sono mai destinati a prevenire o curare le malattie.

Attenzione anche ai prodotti che vengono "deviati" dal loro scopo originale. «Per esempio, gli integratori alimentari pubblicizzati per animali come le tigri, e poi raccomandati anche per il consumo umano» avverte l'ufficio.

Pubblicità mascherata - Bisogna essere accorti anche quando si fanno acquisti sui social, perché queste piattaforme permettono di promuovere prodotti in modo anonimo e in gruppi privati. Le testimonianze pubblicate su queste piattaforme sono spesso pubblicità mascherata, scrive l'USAV.

I chimici cantonali annunciano di aver preso misure per colmare le lacune. Hanno pubblicato un foglio informativo per i venditori online, ricordando i loro obblighi, riguardanti in particolare il controllo dei prodotti alimentari e le informazioni. In ultima analisi però la responsabilità e i rischi devono essere assunti dai consumatori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
55 min
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
1 ora
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
5 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
6 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
SOLETTA
15 ore
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
SVIZZERA/FRANCIA
20 ore
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
ZURIGO
22 ore
Processo Vincenz: chiesti 6 anni
Secondo la procura l'ex direttore di Raffeisen ha causato danni finanziari anche fatali per la società Aduno
SVIZZERA
22 ore
Condanna in appello per Illi e Blancho
Al primo sono stati inflitti 16 mesi per dei video di propaganda islamica. Il secondo dovrà pagare una multa.
BERNA
23 ore
Aumento dei premi in vista secondo Santésuisse
Ciò a causa della crescita delle spese, specie nel settore ambulatoriale medico e ospedaliero
SVIZZERA
23 ore
Demolito il record di ieri: oggi quasi 45mila casi in Svizzera
Si tratta di un nuovo picco assoluto dall'inizio della crisi sanitaria.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile