Depositphotos
SVIZZERA
20.10.21 - 12:300

Boom dello shopping online, ma per i generi alimentari «mancano informazioni su allergeni e ingredienti»

L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni

BERNA - I chimici cantonali lanciano l'allarme sugli alimenti venduti online. Sono stati controllati più di 300 negozi virtuali e nel 78% dei casi, le informazioni sugli allergeni o sugli ingredienti erano assenti o incomplete.

L'incremento dello shopping online, in corso da diversi anni, è diventato un vero e proprio boom con la pandemia e vale anche per gli alimenti, sottolinea l'Associazione svizzera dei chimici cantonali in un comunicato.

A differenza di quanto accade nel negozio, informazioni come il paese di produzione o gli ingredienti non possono essere semplicemente consultati sull'etichetta. La legge sulle derrate alimentari prevede però che le stesse informazioni siano disponibili online.

Allergeni e ingredienti - I chimici cantonali hanno controllato 323 negozi online di farmacie, panetterie, società di vendita per corrispondenza e rivenditori di generi alimentari. In circa il 78% dei casi, le informazioni erano insufficienti o totalmente assenti. Sono state trovate frequenti lacune nell'indicazione degli allergeni e nella lista degli ingredienti.

L'Ufficio federale della sicurezza alimentare (USAV) richiama l'attenzione soprattutto sui prodotti designati come "integratori alimentari", che spesso contengono ingredienti non autorizzati e possono anche risultare dannosi per la salute. Il cibo non è una medicina, ci ricorda l'USAV sul suo sito web: gli integratori alimentari non sono mai destinati a prevenire o curare le malattie.

Attenzione anche ai prodotti che vengono "deviati" dal loro scopo originale. «Per esempio, gli integratori alimentari pubblicizzati per animali come le tigri, e poi raccomandati anche per il consumo umano» avverte l'ufficio.

Pubblicità mascherata - Bisogna essere accorti anche quando si fanno acquisti sui social, perché queste piattaforme permettono di promuovere prodotti in modo anonimo e in gruppi privati. Le testimonianze pubblicate su queste piattaforme sono spesso pubblicità mascherata, scrive l'USAV.

I chimici cantonali annunciano di aver preso misure per colmare le lacune. Hanno pubblicato un foglio informativo per i venditori online, ricordando i loro obblighi, riguardanti in particolare il controllo dei prodotti alimentari e le informazioni. In ultima analisi però la responsabilità e i rischi devono essere assunti dai consumatori.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Friborgo
1 ora
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
3 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
5 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
6 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
6 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
7 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
8 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
8 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
9 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
10 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile