I giovani si indebitano per l'iPhone
imago
SVIZZERA
19.10.21 - 11:340
Aggiornamento : 15:48

I giovani si indebitano per l'iPhone

Un'indagine di Moneyland ha analizzato le voci di spesa degli svizzeri. Per cosa chiediamo denaro in prestito?

ZURIGO - Indebitarsi per pagare il telefonino nuovo. C'è anche questo, nell'indagine pubblicata oggi dal servizio di confronto prezzi Moneyland sul comportamento creditizio degli svizzeri. Dal sondaggio è emerso che l'auto e la casa sono le spese che causano più debiti nella Confederazione. Seguite da arredamento, viaggi ed elettronica di consumo. 

L'oggetto dei desideri - L'iPhone 13 - prezzo full optional: 1 837 franchi - è un lusso agognato soprattutto dai più giovani. Che però spesso non possono permettersi cifre così elevate. Nella fascia d'età tra i 18 e i 25 anni, il 44 per cento degli intervistati ha dichiarato di avere contratto debiti per acquisti di elettronica fino a 25mila franchi. Una percentuale superiore ai giovani che si sono indebitati per studiare all'università (43 per cento), per rendere l'idea. 

Invecchiando si spende di più - E si parla ancora di piccoli prestiti. Ma dopo i 55 anni, gli importi salgono: il 35 per cento degli intervistati afferma di avere contratto debiti superiori ai 100mila franchi, e in testa alla classifica delle motivazioni c'è l'acquisto dell'auto. Tra gli adulti, il 15 per cento ha ricevuto prestiti tra 25mila e 100mila franchi per intascarsi le chiavi di un veicolo nuovo fiammante.

Casa, quanto mi costi - La casa è in assoluto la seconda voce di indebitamento per gli svizzeri. Il 40 per cento dichiara di avere contratto un'ipoteca per l'acquisto, e nel 23 per cento dei casi l'importo supera i 100mila franchi. Ma una volta acquistata la casa deve essere anche ristrutturata e arredata: il 30 per cento degli intervistati si è indebitato anche per questo.

Donne meno indebitate - Oltre all'età, anche il sesso fa la differenza. Se tra gli uomini il 52 per cento dichiara di non avere mai speso denaro altrui, la quota sale al 70 per cento per le donne. Per importi bassi, gli uomini indebitati sono addirittura il doppio (21 per cento) rispetto alle donne. Vi è anche uno scarto tra gli intervistati della Svizzera francese e della Svizzera tedesca, tendenzialmente meno indebitati (il Ticino non è considerato).  

Da dove vengono i soldi? - La famiglia è ancora la fonte principale dei prestiti. Il 37 per cento dichiara di avere già ricevuto denaro in prestito da parenti. Seguono i mutui (32 per cento) e i prestiti personali delle banche (28 per cento).


Moneyland.ch

Moneyland.ch
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
27 min
Pacchetti nel mirino dei ladri
I malviventi sono entrati in azione oggi in un quartiere di Opfikon
SVIZZERA
28 min
Si torna sotto i 10mila contagi
I pazienti Covid occupano ora il 26,9% dei posti letto di terapia intensiva.
SVIZZERA
37 min
«È da presuntuosi credere di poter fermare la variante»
A tu per tu con Patrick Mathys dell'UFSP su Omicron in Svizzera e le misure introdotte dalla Confederazione
SVIZZERA
2 ore
«I test siano di nuovo gratuiti»
La maggioranza del Nazionale sostiene questa proposta: «È un modo per tenere sotto controllo la pandemia».
SVIZZERA
4 ore
Nuovi approcci per combattere il coronavirus
I ricercatori svizzeri sono al lavoro su nuove piste. Si va da uno spray nasale a un vaccino da somministrare oralmente.
SVIZZERA
4 ore
«La Svizzera giri al largo dal Consiglio di sicurezza dell’ONU»
Lorenzo Quadri ha presentato una mozione al Consiglio federale
SVIZZERA
5 ore
La delusione dei vaccinati
Le misure anti-Covid proposte da Berna toccano tutti. Secondo i politici, questo inciderà sul morale dei cittadini
SVIZZERA
5 ore
Omicron: anche i vaccinati devono fare la quarantena
Il motivo? «Una misura precauzionale finché non ne sappiamo di più», spiegano dall'Ufficio federale di Sanità Pubblica
SVIZZERA
5 ore
400 km in sella a favore dei malati di Parkinson
I responsabili del progetto "Temperature in sella" hanno donato 10'000 franchi all'Associazione Parkinson Svizzera
SVIZZERA
18 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile