Tipress
SVIZZERA
16.10.21 - 10:000
Aggiornamento : 11:44

Offensiva di vaccinazione: chi soffre di Long-Covid dovrebbe convincere i non vaccinati

L’UFSP si prepara per la sua offensiva di vaccinazione e cerca persone ancora affette dagli strascichi della malattia.

Lo scopo è informare e sensibilizzare la popolazione sulle possibili conseguenze della malattia.

BERNA - Contagiarsi, stare poco bene, guarire. È questo il percorso tipico della maggior parte di chi si ammala di Covid-19. Ma un infettato su quattro, secondo uno studio dell’Università di Zurigo, ci ha messo mesi per riprendersi veramente, o è tuttora in attesa di tornare in forma. Sono i malati di Long-Covid. E la Confederazione ha ora bisogno di loro.

Interviste strategiche - Sì, perché, nel quadro dell’offensiva di vaccinazione, l’UFSP vuole reclutare, oltre a persone che sono state ospedalizzate a causa di un contagio dal decorso severo, anche cittadini affetti da Long-Covid. Questo per girare una serie di interviste video, dalle sei alle otto. Lo si evince da una newsletter dell’associazione Allianz Long Covid. L'obiettivo è fornire informazioni sugli effetti del Covid-19 in caso di decorso grave della malattia, suscitare preoccupazione e aumentare il tasso di vaccinazione.

Un rischio sottovalutato - «Il Long Covid rappresenta un rischio considerevole che finora non è stato sufficientemente rimarcato», afferma l’attivista di Allianz Long Covid Che Wagner, che si dice contento che l’UFSP di occupi ora «finalmente» della questione.

Arrivare al cuore dei giovani - La speranza di Wagner è che i racconti emotivi di queste persone possano convincere il gruppo target, le persone tra i 18 e i 35 anni, a farsi vaccinare. La sua compagna, spiega, aveva 26 anni quando ha contratto il virus, e ha poi sofferto di gravi sintomi a lungo termine.

Vaccinazione-soluzione - L'ex membro della task force e neuroscienziato Dominique de Quervain accoglie con favore l’idea dell'offensiva vaccinale. «Il Covid-19 porta spesso a sintomi neurologici come disturbi dell'odore, grave affaticamento, problemi di concentrazione e memoria, che possono durare per molti mesi. Anche nelle persone più giovani e in chi fa un decorso lieve della malattia». Il rischio rappresentato da questi e altri sintomi del Covid a lungo termine può essere drasticamente ridotto dalla vaccinazione, conclude.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
6 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
6 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
9 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
12 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
12 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
12 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
12 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
13 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
15 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile