20min/Jacqueline Straub
ZURIGO
10.10.21 - 23:320

I malati di Covid si rifiutano di servire la ricerca

Per la scienza raccogliere dati è fondamentale, ma molti pazienti sono scettici e oppongono resistenza

L'infettivologo Huldrych Günthard: «Ero convinto che le persone avessero un atteggiamento positivo nei confronti della ricerca medica, ma così non è»

ZURIGO - Gli ospedali universitari sono impegnati nella ricerca per contrastare la pandemia. Ma la scienza medica è in una posizione difficile come sottolinea Huldrych Günthard, primario nella Clinica delle malattie infettive presso l'Ospedale universitario di Zurigo (USZ), in un'intervista alla "SonntagsZeitung".

Molti pazienti, infatti, si rifiutano di fare ricerca. «Negli studi sull'HIV in cui sono stato coinvolto, la maggior parte - circa il 70/80% delle persone coinvolte -, ha accettato di partecipare agli studi», afferma Günthard. «Con il Covid è solo il 30% circa a dire di sì».

Le ragioni, secondo il medico, includono il background culturale di molti dei pazienti. Gli indumenti protettivi indossati dagli operatori sanitari, inoltre, renderebbero difficile instaurare un rapporto di fiducia. E a questo contribuisce anche il crescente scetticismo nei confronti della medicina. «Siamo un paese ben istruito, ero convinto che le persone avessero un atteggiamento positivo nei confronti della ricerca medica, che d'altra parte serve ad aiutare le persone. Ho provato una certa disillusione», ammette l'infettivologo.

Questo atteggiamento preoccupa il primario: «Solo se un numero sufficiente di persone si presta a lascia i propri dati, possiamo capire se le nuove terapie sono efficaci o meno».

I ricercatori soffrono anche della mancanza di sostegno da parte della politica e delle istituzioni. La clinica per le malattie infettive dell'USZ non ha ricevuto fondi supplementari durante la crisi da Covid. Alcuni anni fa, anche il Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica ha respinto una domanda per istituire un centro di competenza nazionale per le malattie virali: i revisori hanno ritenuto l'argomento non sufficientemente pertinente. «Con un centro del genere, la Svizzera avrebbe affrontato la pandemia in modo completamente diverso», conclude Günthard.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
SVIZZERA
2 ore
Allerta meteo in Ticino: forti nevicate in arrivo
In pianura previsti 5-10 centimetri di neve fresca, sopra i 600 metri fino a 30.
SVIZZERA
5 ore
Il "certificato" sulla bocca di tutti
Si tratta del termine più significativo dell'anno elvetico. Al secondo posto "urgenza", seguita da "exploit"
Berna
16 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
SVIZZERA
17 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
19 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
20 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
20 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
21 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
22 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile