Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
08.10.21 - 11:140

Uno studio lo conferma: i soldi possono convincere anche gli scettici a vaccinarsi

Un articolo pubblicato su "Science" a cui hanno partecipato anche diversi ricercatori svizzeri conferma questo fenomeno.

L'esperimento era stato condotto tra maggio e luglio in Svezia. Ma la strategia svizzera (soprattutto il buono da cinquanta franchi) non convince del tutto gli esperti che hanno pure rilevato «l'inefficacia» dei cosiddetti "nudge".

BERNA - La prospettiva di una ricompensa finanziaria, anche modesta, motiva le persone a farsi vaccinare contro il coronavirus. È quanto emerge da uno studio internazionale, pubblicato sulla rivista "Science", a cui hanno partecipato anche ricercatori dell'Università di Basilea, Zurigo e Losanna.

L'esperimento è stato condotto tra maggio e luglio su un campione di oltre 8'000 svedesi. Grazie a una ricompensa di 200 corone (circa 21 franchi) il tasso di vaccinazione è salito di 4,2 punti percentuali, da circa il 72% al 76%. Dal canto loro, incoraggiamenti psicologici dolci e non espliciti, i cosiddetti "nudge" (che significano pungoli) sono stati di scarso aiuto, spiegano i ricercatori Armando Meier, dell'Università di Basilea e Losanna, Florian Schneider, dell'Università di Zurigo e Pol Campos-Mercade, di quella di Copenaghen, su "Science".

In molti Paesi, tra i quali la Svizzera, il tasso di vaccinazione contro il Covid-19 è relativamente basso. Per poterlo aumentare, alcuni Stati o Città, come la Grecia e New York, hanno fatto affidamento su incentivi finanziari. Molti altri governi stanno prendendo in considerazione questa idea. Finora, tuttavia, mancavano studi affidabili che dimostrassero l'efficacia di tali incentivi monetari per la vaccinazione contro il coronavirus.

Timori dissipati - Il team di ricercatori internazionali ha reclutato 8286 cittadini svedesi tra i 18 e i 49 anni e ha analizzato tramite un sondaggio online la loro intenzione a farsi vaccinare o meno grazie a incentivi. Li hanno quindi suddivisi in cinque gruppi: il primo ha ricevuto una ricompensa di 200 corone; al secondo è stata dimostrata la sicurezza e l'efficacia della vaccinazione, al terzo è stata messa in risalto l'importanza del vaccino per la protezione delle altre persone. Il quarto gruppo è stato invitato a farsi immunizzare con argomenti in favore dei vaccini anti-Covid. Il quinto gruppo fungeva da controllo.

Dopo 30 giorni è emerso chiaramente che il gruppo a cui è stata proposta una ricompensa si è lasciato più facilmente vaccinare, e ciò indipendentemente dal sesso, all'età e dal reddito delle persone che hanno partecipato all'esperimento. I "nudge" si sono rivelati inefficaci tanto quanto gli incoraggiamenti e le sollecitazioni a farsi vaccinare.

Precedenti studi avevano tuttavia dimostrato che gli incentivi monetari non portavano i frutti sperati o risultavano addirittura controproducenti, suscitando sospetti. Ma i risultati dello studio pubblicato su "Science" hanno relativizzato o persino dissipato tali timori, precisa il ricercatore Florian Schneider in una nota odierna.

Efficacia strategia svizzera non chiara - Lo scorso venerdì il Consiglio federale ha proposto la sua "offensiva di vaccinazione". Questa iniziativa, posta in consultazione e che costerà 150 milioni di franchi, si tradurrebbe in una settimana nazionale di vaccinazione, unità mobili supplementari, offerte d'informazione personali e anche buoni di 50 franchi per chi convince qualcuno a immunizzarsi.

Tale compenso sarà versato dai Cantoni, che decideranno autonomamente dove potrà essere riscosso. «È un metodo inedito e particolare», ha riconosciuto il ministro della sanità Alain Berset aggiungendo però che anche la pandemia è «inedita e particolare». Ma le prime reazioni dei cantoni - tra cui quella del Ticino - sono tutt'altro che entusiaste. La maggioranza critica questa proposta d'incentivi finanziari.

All'agenzia Keystone-ATS Armando Meier ha spiegato come «non sia possibile dedurre l'efficacia di questa strategia dal nostro studio». Da un lato, l'intervento avviene in maniera indiretta tramite un'altra persona, il che tra l'altro potrebbe aumentare la pressione sociale. Dall'altro, si tratta di un importo diverso, più cospicuo. «È possibile che questa offensiva faccia aumentare il tasso di vaccinazione. Ma, per quanto ne sappia, non ci sono ancora prove», ha aggiunto il ricercatore. «Quanto più grande è il gruppo d'indecisi tanto maggiore è la probabilità che gli incentivi finanziari aumentino la quota dei vaccinati», ha spiegato Meier.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
emib53 7 mesi fa su tio
Essere responsabili è importante per tutti, ok. Però il tampone dice solo che non si è malati quando lo si fa, non qualche ora dopo e, soprattutto, causa costi molto più consistenti allo stato che una vaccinazione. Quindi responsabilità dovrebbe anche essere quella di prendersi a carico icosti, no?
emib53 7 mesi fa su tio
Non so dire se lo studio sia serio o no, ma mi pare comunque sbagliato come principio. Tanto è chiaro che ci sono persone che irrazionalmente rifiutano di vaccinarsi.
Giuggiola83 7 mesi fa su tio
ma se stanno cercando qualsiasi modo possibile per CONVINCERE (che brutta parola), perchè non lo rendono obbligatorio? non fanno prima? a me viene da pensare che sia per lasciare quel minimo spazio per poter dire, nel caso succede qualcosa, "hai scelto tu di farlo, arrangiati". sbaglio?
Balin 7 mesi fa su tio
Hahaha anche no....per 50.- poi hahaha pagliacci... andate avanti a studiare...
lollo68 7 mesi fa su tio
Forse potete comprare qualcuno che non è ancora informato sui danni che ha fatto, che sta facendo e che farà questo "vaccino" sperimentale, ma non la sottoscritta! La mia salute non ha prezzo. Il 16.10.21 c'è una manifestazione contro il certificato e io ci sarò!
Amir 7 mesi fa su tio
Morti di fame...
Fkevin 7 mesi fa su tio
Ma neanche morto. Non per questo tipo di vaccino. Sicuramente se vedrò politici morire o chi stretto della mia famiglia, lo faccio subito, ma non per il corona. Poi sono ancora uno che guarda la salute, ma non il portafoglio. Se di arriva a cercare di convincermi per questo tipo di vaccino (dopo tutti gli effetti collaterali che ho sentito, vedi svezia che toglie il vaccino moderna under 30), mai, mai e poi mai vorrei avere problemi di salute. Intanto vivo benissimo così. Sono del parere che siamo tutti grandi e vaccinati 🤣🤣🤣. Quindi ognuno ha deciso di vaccinarsi e non. Adesso basta avete rotto
Johnnybravo 7 mesi fa su tio
@Fkevin https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/usa-scriveva-post-contro-vaccini-e-mascherine-politico-muore-di-covid_36487770-202102k.shtml ecco solo uno dei tanti politici che sono morti, vatti a vaccinare... ;) ( hai detto che sicuramente se vedrai politici morire lo fai subito... vaiii. corriiiiii ))) https://www.giornalettismo.com/bufala-covid-personaggi-famosi/ rivatti a vaccinare... spara ba..lle ;)
Fkevin 7 mesi fa su tio
@Johnnybravo Dici di essere intelligente. Ho scritto NON PER IL CORONA. Svegliatiiiiiiii
Fkevin 7 mesi fa su tio
@Johnnybravo Dici di essere intelligente. Rileggi quello che ho scritto 🤣🤣🤣. Per che cosa non mi vaccinerò mai? Sei andato fino in Italia a cercare? 😁😁😁 1 su 10 è politico ahahahhaha.....
marco17 7 mesi fa su tio
E dire che c'è gente pagata per produrre baggianate simili, nonché giornalisti creduloni pronti a diffonderle. Per fortuna, in Svizzera, quasi tutti gli enti interpellati hanno bocciato sonoramente queste proposte assurde.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LOSANNA
11 min
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
29 min
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
3 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
4 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
6 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
7 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
ARGOVIA
8 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
10 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
ZURIGO
19 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
SVIZZERA
21 ore
Gas, un accordo di solidarietà tra Svizzera e Germania
Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin hanno incontrato il vicecancelliere Robert Habeck alla vigilia del WEF
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile