Keystone
SVIZZERA
03.10.21 - 12:400

Costi della salute: «Nessuno controlla se sono appropriati»

Tirata d'orecchi da parte dell'Amministrazione federale delle finanze a casse malati, Cantoni e Confederazione.

BERNA - L'Amministrazione federale delle finanze bacchetta casse malati, Confederazione e Cantoni: nessuno controlla veramente che i servizi coperti dai premi siano efficaci o appropriati, come previsto dalla legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal). È quanto denuncia oggi il domenicale "SonntagsZeitung", basandosi su un rapporto del Controllo federale delle finanze (CDF).

Lo scorso martedì il consigliere federale Alain Berset ha annunciato che il premio medio mensile dell'assicurazione malattia scenderà dello 0,2% nel 2022. Si tratta del primo calo dal 2008, seppur si tratti di una diminuzione quasi insignificante e dovuta quasi esclusivamente allo scioglimento di una parte delle riserve da parte delle casse malattia.

Tuttavia, c'è molto spazio di manovra quando si tratta di costi, ha avvertito il Controllo federale delle finanze. Il domenicale svizzerotedesco cita un rapporto del CDF, pubblicato lo scorso 7 settembre, secondo il quale numerosi servizi medici rimborsati dalle compagnie di assicurazione sanitaria potrebbero non essere né efficaci, né appropriati, né tanto meno economici. Nessuno, insomma, sta sorvegliando correttamente la situazione.

La Confederazione, ad esempio, «si affida erroneamente agli assicuratori sanitari per fare il lavoro. E fa poco uso del suo diritto di limitare la copertura di trattamenti, medicine e interventi non necessari da parte dell'assicurazione di base», scrive la "SonntagsZeitung".

Anche i Cantoni fanno poco in termini di controlli - in particolare negli ospedali - e presumono erroneamente che il controllo dell'efficacia, della convenienza e dell'efficienza sia effettuato dagli assicuratori, denuncia il domenicale.

Inoltre, stando al rapporto del CDF, pure «gli assicuratori controllano molto raramente se i criteri di efficacia, convenienza ed efficienza sono stati osservati». In effetti, aggiunge il domenicale, vengono effettuati numerosi controlli presso le casse malattia, ma non sulla necessità medica. La maggior parte di essi sono di natura amministrativa, ad esempio legate ad abusi o all'emissione di fatture.

«L'affermazione che gli assicuratori sanitari generalmente non controllano questi criteri (efficacia, convenienza ed efficienza) è semplicemente falsa e polemica», dice un portavoce dell'associazione Curafutura, che riunisce i quattro grandi assicuratori CSS, Helsana, Sanitas e KPT, citato dal domenicale.

L'associazione di assicurazione sanitaria Santésuisse, che rappresenta altri assicuratori, la vede invece diversamente. Sempre alla "SonntagsZeitung" la direttrice Verena Nold accoglie con favore il rapporto dell'audit e afferma: »Gli assicuratori sanitari vorrebbero fare di più, ma hanno le mani legate. Possono solo controllare la corretta fatturazione e l'efficienza dei servizi, ma non la loro efficacia e appropriatezza». Pure i medici svolgerebbero un ruolo nell'aumento dei costi della salute, secondo Nold, la quale sospetta che si faccia troppa chirurgia e che si possano evitare "molti trattamenti inutili".

Il potenziale di risparmio nell'assicurazione sanitaria di base è enorme. Secondo un rapporto del Consiglio federale, il 20% dei trattamenti non sono necessari, ricorda il domenicale. Il Controllo federale delle finanze lo conferma: in Svizzera si eseguono molte più operazioni che in paesi con sistemi sanitari comparabili.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
3 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
4 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
6 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
6 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
7 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
15 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
17 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
21 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
1 gior
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile