Immobili
Veicoli
Keystone
GRIGIONI
02.10.21 - 13:540

Dopo le minacce, la vaccinazione a scuola verrà decentralizzata

A Coira, la misura è stata decisa «per proteggere i giovani che vogliono essere vaccinati»

COIRA - La campagna vaccinale in una scuola di Coira, prevista per la prossima settimana, non si terrà nell'area dell'istituto scolastico, bensì in modo decentralizzato. La misura è stata decisa «per proteggere i giovani che vogliono essere vaccinati», poiché sono state annunciate manifestazioni e minacce da parte di oppositori al vaccino.

Lo scorso giovedì era stato annunciato l'avvio di una campagna vaccinale per i più giovani: una squadra mobile si sarebbe dovuta recare già da lunedì in una scuola di Coira per vaccinare i volontari a partire dai 12 anni. Il canton Grigioni e la città di Coira, in seguito a minacce e all'annuncio di azioni di protesta, hanno però deciso di cambiare strategia: gli adolescenti che vogliono essere vaccinati e hanno il consenso dei loro genitori riceveranno i loro appuntamenti di vaccinazione nei centri di vaccinazione esistenti, indica un comunicato odierno della Città di Coira.

Gli adolescenti senza il consenso dei genitori non verranno invece vaccinati, anche se da un punto di vista legale gli scolari non hanno bisogno di una dichiarazione di consenso da parte dei loro genitori.

Dei circa 800 alunni di tutte e tre le scuole secondarie di Coira, più di 100 giovani si sono registrati, precisa il municipale Patrik Degiacomi, contattato dall'agenzia Keystone-ATS, aggiungendo che attualmente c'è stata una sola risposta negativa da parte dei genitori.

La misura di non utilizzare la squadra mobile è stata decisa «per proteggere gli adolescenti, il personale della scuola, il team di vaccinazione e anche il funzionamento della scuola da disordini e minacce da parte degli oppositori della vaccinazione», scrive la Città di Coira.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Salute compromessa dopo il vaccino: «Sono solo stato sfortunato»
Il granconsigliere argoviese Martin Wernli soffre di problemi di salute da quando ha ricevuto la prima dose.
ZURIGO
1 ora
Il Consiglio federale si asterrà probabilmente da ulteriori misure
Il numero dei contagi è ancora alto, ma gli ospedali stanno reggendo il colpo.
GRIGIONI
2 ore
Prolungato l'obbligo della mascherina nelle scuole grigionesi
Indossare sistematicamente la mascherina è uno dei provvedimenti più efficaci di protezione dai contagi.
GRIGIONI
11 ore
Il 2G in pista non ferma gli sciatori
La regola vale nel comprensorio internazionale di Samnaun. E le presenze non mancano
ZURIGO
12 ore
Investì una poliziotta, 11 anni di carcere per un 20enne
L'intenzionalità, nella manovra, ci sarebbe stata, ha stabilito il Tribunale distrettuale zurighese.
ZURIGO
16 ore
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BERNA
18 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
SVIZZERA
21 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
21 ore
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
21 ore
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile