Keystone
GRIGIONI
02.10.21 - 13:540

Dopo le minacce, la vaccinazione a scuola verrà decentralizzata

A Coira, la misura è stata decisa «per proteggere i giovani che vogliono essere vaccinati»

COIRA - La campagna vaccinale in una scuola di Coira, prevista per la prossima settimana, non si terrà nell'area dell'istituto scolastico, bensì in modo decentralizzato. La misura è stata decisa «per proteggere i giovani che vogliono essere vaccinati», poiché sono state annunciate manifestazioni e minacce da parte di oppositori al vaccino.

Lo scorso giovedì era stato annunciato l'avvio di una campagna vaccinale per i più giovani: una squadra mobile si sarebbe dovuta recare già da lunedì in una scuola di Coira per vaccinare i volontari a partire dai 12 anni. Il canton Grigioni e la città di Coira, in seguito a minacce e all'annuncio di azioni di protesta, hanno però deciso di cambiare strategia: gli adolescenti che vogliono essere vaccinati e hanno il consenso dei loro genitori riceveranno i loro appuntamenti di vaccinazione nei centri di vaccinazione esistenti, indica un comunicato odierno della Città di Coira.

Gli adolescenti senza il consenso dei genitori non verranno invece vaccinati, anche se da un punto di vista legale gli scolari non hanno bisogno di una dichiarazione di consenso da parte dei loro genitori.

Dei circa 800 alunni di tutte e tre le scuole secondarie di Coira, più di 100 giovani si sono registrati, precisa il municipale Patrik Degiacomi, contattato dall'agenzia Keystone-ATS, aggiungendo che attualmente c'è stata una sola risposta negativa da parte dei genitori.

La misura di non utilizzare la squadra mobile è stata decisa «per proteggere gli adolescenti, il personale della scuola, il team di vaccinazione e anche il funzionamento della scuola da disordini e minacce da parte degli oppositori della vaccinazione», scrive la Città di Coira.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
21 min
Anziani, vaccinatevi!
È l'appello del Consiglio svizzero degli anziani
SVIZZERA
3 ore
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
SVIZZERA
5 ore
Il "certificato" sulla bocca di tutti
Si tratta del termine più significativo dell'anno elvetico. Al secondo posto "urgenza", seguita da "exploit"
Berna
16 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
SVIZZERA
18 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
19 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
21 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
21 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
22 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
23 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile