Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
Sciatori sul Titlis a maggio 2021, in una foto d'archivio.
SVIZZERA
02.10.21 - 12:300
Aggiornamento : 20:43

Anche in Svizzera sulla neve solo con il Certificato Covid? I due scenari possibili

In Italia e Austria con sci e racchette è fondamentale il Green Pass ma da noi (per ora) no. Ecco che potrebbe succedere.

Fra i comprensori e Berna le trattative sono in corso e presto si saprà di più, la volontà comune è di evitare «scenari a macchia di leopardo».

BERNA - Chiunque vorrà andare a sciare tanto in Italia quanto in Austria, oltre a sci e racchette (o tavola da snow) non dovrà assolutamente dimenticare a casa una cosa: il Green Pass.

Una scelta, questa, che non ha mancato di far discutere - in fin dei conti si tratta di attività all'aperto - ma che mira a proteggere gli sciatori soprattutto negli spazi chiusi, quali cabinovie e ristoranti (dove peraltro il Pass è già obbligatorio). 

Se questi due Paesi a noi vicini hanno preso una direzione univoca, in Svizzera - al momento - non è per nulla così e la Confederazione non ha ancora voluto imporsi, come invece è stato per altri settori della vita pubblica. Per ora a decidere per l'obbligatorietà del Certificato Covid sulla neve sono solo alcune località, come quella grigionese del Fidrieser Heuberge.

Stando a quanto scrive oggi il TagesAnzeiger però a Berna sarebbe in atto una trattativa fra il Governo e i rappresentanti dei comprensori sciistici. Oggetto del dibattere è quello di trovare una soluzione che faccia felici tutti ed eviti scenari “a macchia di leopardo” sul territorio nazionale che già durante la scorsa stagione invernale avevano causato malcontenti. Questo perché in alcuni cantoni si era optato per la chiusura mentre in altri no. Ma, su tutti, c'è l'obiettivo di evitare di giocarsi la stagione, soprattutto i giorni a ridosso di Natale e Capodanno, cosa che per molti rischierebbe di essere devastante.

Stando a quanto riportato dal quotidiano zurighese, che ha sentito diverse persone coinvolte nelle trattative, gli scenari potrebbero essere due. Il primo, quello più lasso, tratterebbe gli impianti di risalita come i mezzi pubblici, con l'obbligo di mascherina in cabina, mentre il Certificato Covid dovrà essere presentato solo se ci si reca all'interno dei ristoranti. Il secondo, un attimo più rigido, chiederebbe il Certificato Covid già all'ingresso del comprensorio e poi però non saranno più necessarie le mascherine.

In questo secondo scenario resta però il grosso dubbio relativo a quella fetta (non trascurabile) di popolazione svizzera che non si è ancora vaccinata. Altro "forse" non da poco, confermano i gestori degli impianti, riguarda il controllo dei Certificati che è di fatto un collo di bottiglia inserito all'interno di un altro collo di bottiglia - la cabinovia - che potrebbe portare a snervanti (e gelide) attese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
19 min
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
1 ora
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
2 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
VAUD
3 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
ZURIGO
14 ore
«L'autista mi ha chiesto di fare sesso»
Uber nella bufera dopo lo sfogo su Instagram di un'utente molestata. Le testimoniante di altre quattro donne
SAN GALLO
15 ore
Si schianta in moto, muore 61enne
Incidente fatale questa sera a Eggersriet. La vittima è un cittadino italiano
VALLESE
16 ore
«Tra madre e figlio c'erano tensioni»
Tragedia familiare a Sierre. Il 14enne fermato sarebbe affetto da autismo
BASILEA
18 ore
Roche: tre kit diagnostici per il vaiolo delle scimmie
Sono disponibili nella maggior parte dei paesi e permettono d'identificare questi virus "d'importazione"
BASILEA CAMPAGNA
18 ore
Risolto il mistero del pollice mozzato
Il dito apparteneva a un operaio che se l'era reciso con una smerigliatrice.
BERNA 
20 ore
Berna vuole confiscare il ricco patrimonio di Yuriy Ivanyushchenko
I beni dell'oligarca ed ex parlamentare ucraino in Svizzera ammontano a oltre 100 milioni di franchi
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile