Immobili
Veicoli
20min
BERNA
02.10.21 - 00:050
Aggiornamento : 08:04

In piazza contro le restrizioni, la polizia bernese è sotto pressione

Per fronteggiare le manifestazioni anti-Covid non autorizzate, la maggior parte dei posti di guardia resta chiusa

BERNA - A Berna le proteste contro le restrizioni anti-Covid sono ormai diventate un appuntamento fisso (e - secondo i promotori - lo saranno fino alla votazione federale del prossimo 28 novembre, quando ci esprimeremo di nuovo sulla Legge Covid-19). Si tratta di manifestazioni non autorizzate, che giovedì sera sono andate in scena per la terza volta. Lo scorso 20 settembre la Città aveva avvertito i partecipanti che non avrebbe più tollerato tali proteste.

Le autorità sono comunque costrette a schierare la polizia per tenere sotto controllo la situazione. Un provvedimento che porta inevitabilmente alla chiusura della maggior parte dei posti di guardia presenti sul territorio cantonale: ieri, per esempio, ne sono stati chiusi oltre cinquanta, soltanto cinque erano aperti, come riferisce Nau.ch. Si tratta di far fronte alla necessità di agenti sul posto e allo stesso tempo di garantire la sicurezza in tutto il cantone, afferma una portavoce della polizia, interpellata dal portale.

In casi come questi la chiusura dei posti di guardia - lo spiega Manuel Willi, comandante del corpo regionale bernese, in un'intervista a SRF - ha una durata limitata, «in genere sabato mattina o al più tardi lunedì sono nuovamente disponibili». Non si tratterebbe di una carenza di personale, ma dipende dalla situazione attuale: i reati - lo dice ancora Willi - sono quasi al livello pre-pandemia e allo stesso tempo vengono annunciate proteste anti-Covid.

Al momento la polizia bernese è in grado di fare fronte alla situazione. Ma se sarà necessario, si rivolgerà ai corpi di polizia di altri cantoni. «Anche altrove gli agenti sono però molto sollecitati» conclude Willi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
1 ora
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
1 ora
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
2 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
5 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
6 ore
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
SVIZZERA
8 ore
Commercio sostenibile: l'industria della moda sotto la lente
Public Eye ha compiuto un'analisi dei più noti rivenditori di moda in Svizzera. Zalando, Wish e Amazon nel mirino.
SVIZZERA
8 ore
Peggioramento delle disuguaglianze di genere durante la pandemia
Uno studio ha analizzato le conseguenze delle misure restrittive sull'occupazione di uomini e donne.
ARGOVIA
9 ore
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
12 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
ZURIGO
21 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile