Keystone
SVIZZERA
01.10.21 - 18:010
Aggiornamento : 02.10.21 - 08:05

Il certificato fa tremare ristoranti e palestre, fatturato giù del 15%

Secondo i dati raccolti da Sumup, le attività toccate dalla sua estensione stanno decisamente soffrendo.

«Questa è una minaccia per l'esistenza stessa delle aziende», afferma Claude Ammann, presidente dell'Associazione svizzera dei centri fitness e salute.

BERNA - Entrate in calo del 15%. Sono queste le conseguenze dell’introduzione dell’obbligo del certificato Covid alle palestre e all’interno di bar e ristoranti. Lo rivela uno studio di Sumup, il fornitore di servizi finanziari del popolare terminale per carte di credito bianco.

Città vs. campagna - Le transazioni non sono diminuite allo stesso modo su tutta la linea. Particolarmente colpite sono le aree rurali, dove il calo è quasi doppio rispetto alle città. Secondo Vera Pershina, Country Lead DACH di Sumup, questo dato potrebbe essere imputabile al divario nel tasso di vaccinazione tra le zone di campagna e quelle più urbane. 

Palestre in caduta libera - Nel corso della seconda settimana dell’introduzione del Covid-pass, Sumup ha però registrato un trend al rialzo del numero di transazioni in bar, club, caffè e ristoranti. Per quel che riguarda invece i centri fitness, la tendenza al ribasso è proseguita.

Rischio fallimento - L'Associazione svizzera dei centri fitness e salute (SFGV) prevede inoltre una perdita di fatturato tra l’otto e il dodici percento entro la fine dell'anno. «Questa è una minaccia concreta per l'esistenza stessa delle aziende», afferma Claude Ammann, presidente dell'Associazione, aggiungendo che le riserve sono già «estremamente tese». E molti avevano sperato di riuscire a crearsene di nuove o almeno di ridurre i debiti durante l’inverno. Ammann teme inoltre un ulteriore ribasso: «Si tratta di un processo graduale, poiché non tutti gli abbonamenti scadono questo mese».

Ingiustizie - Per le palestre il problema più grande sarebbe poi «la disparità di trattamento» subita in confronto ai club sportivi, che possono far allenare nella stessa stanza fino a 30 persone senza bisogno del Certificato.

Meno gente anche a cena - Dal canto suo, l'associazione del settore della ristorazione Gastrosuisse afferma che è ancora troppo presto per un bilancio significativo. I risultati di uno studio dell’Università di San Gallo indicherebbero però un calo delle vendite di un buon 20% nell’industria della ristorazione.

Il peggio deve ancora venire - In molte località, grazie a una fine dell’estate piuttosto mite, le vendite in terrazza e l'attività di asporto e consegna a domicilio stanno attualmente aiutando a prevenire il peggio. Per molti membri dell'associazione, le vendite sono tuttavia crollate bruscamente. Ma il test vero arriverà in seguito, quando il tempo diventerà più freddo e umido e i test saranno a pagamento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
30 min
«Ha vinto la maggioranza silenziosa»
Così la stampa elvetica ha commentato l'esito dell'attesa votazione del 28 novembre sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
1 ora
Gli svizzeri chiedono nuovi provvedimenti anti-Covid
Estensione dell'obbligo di mascherina e booster raccolgono più consensi, secondo un sondaggio rappresentativo
FOTO
SAN GALLO
2 ore
Abitazione in fiamme: un 54enne ustionato
Il rogo è scoppiato nella notte in uno stabile situato nella località sangallese di Au
SVIZZERA
11 ore
Omicron: primo caso sospetto in Svizzera
L'Ufsp sta svolgendo accertamenti su una persona rientrata dal Sudafrica una settimana fa
SVIZZERA
15 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
15 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
18 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
21 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
21 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
21 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile