Immobili
Veicoli
keystone
SVIZZERA
30.09.21 - 10:400

Miliardo di coesione: gli Stati dicono "sì"

Oggi si vota sulla seconda tranche del contributo svizzero all'Ue. L'Udc dà battaglia

BERNA - Un miliardo di franchi. Oggi alle Camere federali si discute su un "sacco di soldi": l'agenda prevede un voto agli Stati e uno al Nazionale, e toni prevedibilmente accesi. Di cosa si tratta?

Deputati e senatori discutono del cosiddetto «secondo miliardo di coesione», la tranche di finanziamento con cui la Svizzera dovrebbe contribuire al fondo di coesione per gli Stati dell'Europa dell'Est. Con 30 voti contro 9 al Consiglio degli Stati ha prevalso il sì, mentre alla Camera del popolo la decisione è attesa in serata. 

Le Camere federali avevano già approvato il contributo il 3 dicembre 2019. Il Parlamento aveva però aggiunto una clausola: il versamento diverrà effettivo solo quando l’UE ritirerà le misure discriminatorie nei suoi confronti, come la mancata proroga dell’equivalenza borsistica. E, soprattutto, se non ne adotterà di nuove.

Con la bocciatura dell'accordo quadro con l'Ue, la scorsa primavera, il dossier si è ulteriormente complicato. Il governo si è impegnato con Bruxelles per sbloccare in tempi rapidi la seconda tranche di finanziamento. L'11 agosto, con un messaggio, il Consiglio federale ha chiesto ufficialmente alle Camere di revocare la clausola e liberare il miliardo. Le due Commissioni della politica estera (CIP) del Consiglio nazionale e degli Stati hanno dato il loro benestare.

Ma a Palazzo federale l'Udc ha promesso battaglia contro quello che vede come un «assegno in bianco» a Bruxelles. Nel suo intervento, il deputato agli Stati Marco Chiesa - presidente democentrista - ha ricordato come «il secondo contributo era stato approvato con la condizione che i soldi dei contribuenti non vengano versati finché restano in vigore misure discriminatorie nei confronti della Svizzera». 

Secondo Chiesa il contributo non servirà a migliorare i rapporti con l'Unione Europea. «Al contrario sarà una chiara testimonianza che il paese è ricattabile e che molti sono pronti a capitolare». Il ticinese ne fa una questione di «indipendenza e sovranità» e sottolinea come «le discriminazioni nei nostri confronti permangono, basti pensare alla borsa svizzera, alla ricerca e alla formazione». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
4 ore
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
SVIZZERA/FRANCIA
8 ore
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
ZURIGO
10 ore
Processo Vincenz: chiesti 6 anni
Secondo la procura l'ex direttore di Raffeisen ha causato danni finanziari anche fatali per la società Aduno
SVIZZERA
11 ore
Condanna in appello per Illi e Blancho
Al primo sono stati inflitti 16 mesi per dei video di propaganda islamica. Il secondo dovrà pagare una multa.
BERNA
11 ore
Aumento dei premi in vista secondo Santésuisse
Ciò a causa della crescita delle spese, specie nel settore ambulatoriale medico e ospedaliero
SVIZZERA
11 ore
Demolito il record di ieri: oggi quasi 45mila casi in Svizzera
Si tratta di un nuovo picco assoluto dall'inizio della crisi sanitaria.
SAN GALLO
14 ore
Vendevano migliaia di Covid Pass illegali, arrestati
I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.
VALLESE
15 ore
Il Vallese toglie l'obbligo di mascherina a scuola
Si parte dalle elementari, seguiranno gli studenti delle medie. Altri annunci sono attesi «nelle prossime ore o giorni»
SVIZZERA
17 ore
Simboli nazisti: «La leggerezza si è diffusa»
I consiglieri nazionali del PS e del centro chiedono il divieto di simboli come la svastica e il saluto nazista.
FOTO
SCIAFFUSA
18 ore
Finisce nell'altra corsia, il frontale gli è fatale
Un 77enne è deceduto ieri tra Sciaffusa e Bargen
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile