KEYSTONE
È stata elaborata la pianificazione per i lavori di sgombero dell'ex deposito di munizioni di Mitholz.
BERNA
24.09.21 - 07:120

È stata elaborata la pianificazione per i lavori di sgombero dell'ex deposito di munizioni

Chi abita nelle vicinanze dell'impianto dovrà trasferirsi in un luogo sicuro

KANDERGRUND - Il Consiglio federale ha elaborato la pianificazione per lo svolgimento generale dei lavori di sgombero dei residui di munizioni dall'ex deposito militare di Mitholz, nel canton Berna.

Entro la fine di settembre il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) avvierà una procedura di approvazione dei piani per costruzioni militari (APCM) per le misure di sicurezza e di preparazione nell’ex deposito. «Tale procedura è paragonabile a una procedura per il rilascio della licenza di costruzione in ambito civile ed è pubblicata mediante deposito dei piani» spiega il DDPS.

Il programma delle opere - Fino allo sgombero vero e proprio si eseguiranno soprattutto lavori edilizi volti a ridurre il rischio di esplosioni e le conseguenze di un’eventuale esplosione, oltre che a preparare lo sgombero principale. Verranno eseguite opere come i dissodamenti temporanei di boschi, la costruzione di una saracinesca ad alta pressione e di due innesti in cemento armato nei cunicoli esistenti, il riempimento temporaneo degli spazi vuoti e delle crepe, la distruzione delle macerie nonché della roccia denominata Dreispitz e la realizzazione di costruzioni protettive per la strada e la ferrovia. Lo sgombero principale, come preventivato, sarà avviato nel 2031.

La protezione dell'ambiente - Durante tutta la durata dei lavori di sgombero verranno messe in atto misure a protezione dell'ambiente, come il monitoraggio delle acque effettuato con prelievi trimestrali di campioni da corsi d’acqua e acque sotterranee. «Lo svolgimento dello sgombero è pianificato in modo da evitare un carico ambientale dovuto alle sostanze dell’esplosione e ai metalli pesanti presenti nelle munizioni. In tal modo si verificherà, ad esempio, se sopra la zona da sgomberare dovrà essere costruita una cavità in modo da impedire infiltrazioni di acque meteoriche e quindi di dilavamenti indesiderati».

I più vicini dovranno trasferirsi - Con l’analisi dei rischi 2022 sono elaborate, tra l’altro, le basi per la definizione del perimetro di evacuazione definitivo e le zone di sicurezza. Minore è la distanza dall’impianto di munizioni, più incisive saranno le misure, conferma il DDPS. La zona di sicurezza contigua all’impianto di munizioni sarà protetta in modo particolare e l’accesso sarà riservato soltanto alle persone coinvolte nelle operazioni di sgombero. Gli abitanti delle zone più vicine dovranno traslocare in un luogo più sicuro. «Per le zone circostanti si esaminerà se, ad esempio, le abitazioni potranno essere dichiarate abitabili tutto il giorno (eventualmente con limitazioni come evacuazioni temporanee) oppure soltanto in determinate fasce orarie ai fini della coltivazione agricola». 

Il cronoprogramma - Questo, al momento, il cronoprogramma delineato dalle autorità federali: per poter iniziare a costruire le protezioni stradali e ferroviarie nel 2026, le prime abitazioni dovranno essere sgomberate a partire dal 2025. Entro il 2030 tutti gli abitanti della zona di pericolo dovranno trasferirsi, «affinché a partire dal 2031 si potrà iniziare con lo sgombero vero e proprio dei residui di munizioni che durerà una decina di anni».

Nel secondo trimestre del 2022 sarà avviata una procedura di partecipazione concernente il piano settoriale/scheda di coordinamento Mitholz che comprenderà, tra l’altro, il perimetro dell’impianto, i perimetri delle infrastrutture di progetto per le costruzioni di protezione stradali e ferroviarie nonché i perimetri di evacuazione e di sicurezza. Il messaggio per i crediti necessari dovrà essere approvato dal Consiglio federale all’attenzione del Parlamento entro la fine di ottobre del 2022.

Il sostegno alla popolazione - La popolazione di Mitholz non sarà abbandonata, «in particolare nella preparazione del trasferimento e nella ricerca di soluzioni concrete per il futuro». Dal 23 settembre hanno preso il via incontri informativi e dal 1° ottobre sarà messa a disposizione un’offerta di sostegno ampliata. In collaborazione con gli organi specializzati cantonali verrà fornita assistenza nei settori sanità, finanze, lavoro, situazioni d’emergenza, abitazione e sostegno a domicilio. In caso di necessità si converranno visite a domicilio in modo da poter discutere le esigenze individuali in colloqui personali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
2 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
3 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
FOTO
SAN GALLO
13 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
13 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
18 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
18 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
20 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
20 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
21 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile